Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2017

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.164 Febrier 2017

Antonia Arslan: lettere ad una ragazza in Turchia. È uscito a novembre dalla Rizzoli il suo nuovo libro

Antonia Arslan: letras a una filha en Turquia. Es salhit a novembre da la Rizzoli son nòu libre

Premio Ostana 2015 e cittadina onoraria di Ostana
di Ines Cavalcanti

Antonia Arslan: lettere ad una ragazza in Turchia. È uscito a novembre dalla Rizzoli il suo nuovo libro
italiano

Antonia Arslan è una di quelle persone che quando le conosci non te le dimentichi più. L’ho conosciuta al Premio Ostana: scritture in lingua madre, dove nel 2015 le è stato conferito il Premio e la cittadinanza onoraria. In quell’occasione, nello spirito del Premio Ostana, che non è consumo ma occasione di confronto che produce una osmosi tra pubblico e autori allo scopo di portare ad una consapevolezza sul tema delle lingue e delle culture e per riflettere sul loro destino. Antonia ci ha regalato “Il canto del pane” di Daniel Varujan, uno dei maggiori scrittori armeni. Peyre Anghilante si è appassionato alla sua poetica e sul sito della Chambra d’oc nella rubrica “Chaminar e pensar” ha iniziato a tradurre le sue poesie. Ecco come succedono le cose che fanno crescere in profondità le persone.

L’ho reincontrata quest’estate a Rovereto in occasione della bella manifestazione “Tra le rocce e il cielo” e tutto il suo essere sprizzava entusiasmo per aver ritrovato, grazie al lavoro letterario che nel tempo ha fatto e pubblicato, una parte della sua famiglia dispersa, i figli o nipoti di quelli che approdavano a Ellis Island prima di essere accolti in America, quelli che lei chiama “i resti della spada” in fuga dalla loro patria perduta, l’Anatolia armena, dopo il genocidio che ha mirabilmente raccontato nel suo libro più famoso, tradotto in 20 lingue, “La masseria delle allodole”, dal quale i F.lli Taviani hanno tratto un film.

In occasione dell’incontro mi aveva annunciato l’uscita a breve del suo ultimo libro che ha titolato “Lettere ad una ragazza di Turchia”, nel quale ripercorre le vicende delle sue antenate armene, tessendo un racconto che si dipana attraverso un filo teso dai tempi antichi per arrivare ai giorni nostri. Tre racconti sul filo della memoria : Hannah l’imprenditrice, Iskuhi e Kayel, Storia e tragica fine della bella Noemi. Scritto magistralmente, come solo i grandi scrittori sanno fare, si coglie la sensibilità dell’autrice nei confronti della lingua e della cultura armena.

Nella storia dedicata a Iskuhi e Kayel c’è una frase molto bella che più di tanti discorsi fa capire la sensibilità di questa scrittirice sul tema delle lingue e che più di mille discorsi fa capire perchè siamo orgogliosi di averla premiata ad Ostana: “Raccogliere, conservare e diffondere i semi dell’antica cultura armena, rinnovare la lingua dei padri, darle nuova flessibilità e aprirla ai linguaggi del popolo e alle mille novità europee, fondare giornali, pubblicare libri, manuali, dizionari, in una parola: la scrittura che è la fonte e la base di ogni progresso”.

Grazie Antonia per questo dono che ci hai fatto con la pubblicazione di questo nuovo libro, ci hai ancora una volta arricchiti nell’animo, facendo diga contro la superficialità che troppo spesso attraversa la nostra società.

occitan

Antonia arslan es una d’aquelas personas que quora las conoisses te las desmenties pas pus.L’ai conoissua al Prèmi Ostana: escrituras en lenga maire, ente ental 2015 lhi es estat donat lo Prèmi e la citadinança onorària. En aquela ocasion, dins l’esperit dal Prèmi, qu’es pas de consum, as un’ocasion de confront que produi un’osmòsi entre lo públic e lhi autors per menar a una consciença sal tèma des lengas e des culturas e per reflechir sus lor destin. Antonia Arslan nos a semost “Lo chant dal pan” de Daniel Varujan, un di majors escriveires armens. Peyre Anghilante s’es apassionat a sa poesia e a començat a revirar aquel libre. Vaquí coma arribon las causa que fan créisser en profonditat las personas.

L’ai mai encontraa aqueste istat a Rovereto en ocasion de la bèla manifestacion “Tra le rocce e il cielo” e tot son èsser desbordava d’entosiasme per aver retrobat, gràcias al trabalh literari que avia menat e publicat ental temp, una part de sa familha dispersaa, lhi filhs o de nebots d’aquilhi que desbarcavon a Elis Island derant d’èsser aculhit en Amèrica, aquilhi que ilhe sòna “las rèstas de l’espaa” en fuga da lor pàtria perdua, l’Anatòlia armena, après lo genocidi que a mirablament contat dins son libre pus famós, revirat en 20 lengas, “La masseria des aloetas”, dal qual i fraires Taviani an trach un film.

En ocasion de l’encòntre m’avia anonciat la sortia d’aquí a gaire de son darrier lire que a entitolat “Letras a una filha de Turquia”, ente torna percórrer las vicissitudas de sas àvias armenas en teissent un racònte que se debana a travèrs un fil tendut da temps ancians per arribar a nòstri jorns. Tres racòntes sal fil de la memòria: Hannah l’imprenditritz, Uskuhi e kayel, estòria e tràgica fin de la bèla Noemi. Escrich magistralament, coma masque lhi grands escriveires san far, dins lo libre se cuelh la sensibilitat de l’autritz vèrs la lenga e la cultura armena.

Dins l’estòria dedicaa a iskuhi e Kayel lhi a una frasa da bòn bèla que mai de tanti discors fai compréner la sensibilitat d’aquesta escriveira sal tèma des lengas e perqué sem fiers de l’aver premiaa a Ostana: “Recuhir, gardar e espantear lhi sems de l’anciana cultura armena, renovar la lenga di paires, lhi donar una òva soplessa e la durbir ai lengatges dal pòple e a las mila novitats europèas, fondar de jornals, publicar de libres, de manuals, de diccionaris, en un mot: l’escritura es la fònt e la basa de tot progrès”.

Gràcias Antonia per aqueste don que ns as fach abo la publicacion d’aqueste novèl libre; encara un bòt nos as enrichits dins l’anma, en dreiçant una diga còtra la superficialitat que tròp sovent atravèrsa nòstra societat.


Condividi