Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2016

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.161 Novembre 2016

Il Vescovo di Pamiers Jan-Marc Eychenne il 16 ottobre 2016 ha chiesto perdono per la tragedia catara di Montsegur

Lo Vesco de Pamiers Jan-Mar Eychenne lo 16 d’otobre 2016 a demandat perdon per la tragèdia catara de Montsegur

di Ines Cavalcanti

Il Vescovo di Pamiers Jan-Marc Eychenne il 16 ottobre 2016 ha chiesto perdono per la tragedia catara di Montsegur
italiano

Il 16 ottobre 2016 è accaduto un avvenimento che possiamo inscrivere a pieno titolo nella storia dell’Occitania: il Vescovo di Pamiers Jan Marc Eychenne ha chiesto nella chiesa di Montsegur il perdono cristiano per aver partecipato ad atti contrari al Vangelo attraverso il rogo impietoso dei catari, una penitenza per aver condotto la Crociata contro gli Albigesi, marcata in questo luogo dall’ l’orrido rogo degli ultimi abitanti del castello di Montsegur.

Il Vescovo è originario di questo luogo. È nato a Pamiers nel 1956, il suo curriculum gli ha offerto sicuramente la giusta occasione per poter parlare della tragedia catara a Papa Francesco e per risultarne credibile ai suoi occhi. Dopo gli studi di filosofia a Parigi, ha trovato la sua vocazione in Italia, entrando nella Comunità di San Martino di Genova ed ha conseguito la sua laurea in teologia all’Università Cattolica di Milano. E’ stato nominato Vescovo di Pamiers da Papa Francesco il 17 dicembre del 2014.

Di fronte ai drammi che hanno marcato la storia locale e che restano nell’incosciente collettivo (anche se si sono svolti otto secoli fa) si trova la sorte crudele riservata a quei credenti, i buoni uomini, che era costume denominare catari”. I catari erano davvero dei buoni cristiani ed è difficile comprendere perchè il Papa Innocenzo III ne fece degli eretici e chiamò alla Crociata contro di loro al fine di conquistare e invadere un paese con le conseguenze così ben descritte da Simon Weil: “Il bisogno di purezza del paese occitano ha trovato la sua espressione estrema nella religione catara, occasione del suo malore”.

Il Vescovo di Pamiers lo ha ben compreso e attualizzato “in legame con le ferite che affliggono il nostro tempo, vogliamo chiaramente riaffermare che il potere religioso e il potere politico (lo spirituale e il temporale) devono imperativamente essere separati, se si vuole rispettare la libertà, l’integrità e la coscienza di ciascuno”.

Questa iniziativa si inserisce nel largo campo di iniziative di Papa Francesco, che invita la Chiesa Cattolica a vivere l’anno 2016 nel segno della misericordia. Il comunicato della Chiesa dell’Ariége va in quella direzione: “Chiediamo perdono al Signore per aver partecipato con dei nostri membri e delle nostre istituzioni ad atti contrari al Vangelo. Vangelo nel quale nostro Signore Gesù ci da il comandamento di amare il nostro prossimo e di non rispondere alla violenza con la violenza”.

Grande commozione tra i partecipanti, più di 600, che si sono ammassati dentro e fuori dalla chiesa. Un pesante silenzio, seguito da un grande applauso nel momento in cui prete di Lavelanet , Edouard de Laportalière, e il Vescovo Jan Marc Eychenne si sono apprestati a porgere la domanda di perdono e le parole cristiane sono scaturite forti e chiare: “Domandiamo perdono, per primo a nostro Signore, ma anche a tutti coloro che, membri della nostra chiesa, sono stati perseguitati”. “Sotto la cenere la braci sono ancora calde, il peso dell’inguistizia ancora cova...”, “Chiediamo di poter piangere, di scalfire la coltre della nostra indifferenza... che la pioggia delle nostre lacrime spenga il fuoco”, in tutta umiltà “abbiamo il desiderio di tenerezza e di pace”.

Anche in Italia dovremmo trovare un Jan Marc Eychenne che nella ghiesa di Milano, o in quella di Sirmione, di Monforte d’Alba, o di Roccavione, o forse in quella di Firenze facesse venire alla luce quanto cova ancora più che mai sotto la cenere nella storia dimenticata (che Maria Soresina cerca in tutti i modi di raccontare nei suoi libri e con la serie di video che pubblichiamo) nell’Italia contemporanea.

occitan

Lo 16 d’otobre 1016 s’es passat un aveniment que polem inscriure a plen títol dins l’estòria del’Occitània: lo Vesco de Pamiers Jan-Marc Eychenne a demandat dins la gleisa de Montsegur lo perdon cristian per aver partecipat a las accions contràrias al Vangèl a travèrs la cremacion despietosa di catars. Una penitença per aver menat la Crosada còntra lhi albigés, marcaa en aqueste luec da l’orrible suplici di darriers abitants dal chastèl de Montsegur.

Lo Vesco es originari d’aquí. Es naissut a Pamiers ental 1956, son curriculum lhi a ofèrt segurament la justa ocasion per poler parlar de la tragèdia catara a Papa Francesc e per resultar credible a si uelh. Après lhi estudis de filosofia a París, a trobat sa vocacion en Itàlia, en intrant dins la comunitat de San Martino di Genova e a obtengut sa làurea en teologia a l’universitat Cattolica de Milan. Es estat nominat Vesco de pamiers da Papa Francesc lo17 de setembre dal 2014.

Derant lhi dramas que an marcat l’estòria locala e que reston dins l’inconscient collectiu (bèla se son avenguts fai uech sècles) se tròba la sòrt cruela reservaa an aqulhi credents, lhi bòns òmes, qu’era costuma sonar catars”. Lhi catars eron da bòn de bòns cristians e es difícil comprene perqué lo papa Innocenç III ne’n faset d’erétics e criet a la Crosada còntra ilhs per conquistar e envaïr un païs abo las consequenças tant ben descrichas da Simon Weil: “ Lo besonh de puressa dal país occitan a trobat son expressions extrèma dins la religion catara, ocasion de son malaise”.

Lo Vesco de Pamiers l’a ben comprés e actualizat “en liam embe las ferias que tormenton nòstre temp, volem clarament tornar afermar que lo poder religiós e lo poder polític (l’espiritual e lo temporal) devon imperativament èsser separats, se un vòl respectar la libertat, l’integritat e la consciença de chascun”.

Aquesta iniciativa s’inserís dins l’ample champ d’iniciativas de Papa Francesc, qu’envida la Gleisa Catòlica a viure l’an 2016 dessot lo senh de la misericordia. Lo comunicat de la Gleisa de l’Arieja vai dins aquela dralha: “Demandem perdon al Senhor per aver partecipat abo de nòstri membres e de nòstras institucions a d’accions contrparias al Vangèl. Vangèl ente nòstre Senhor Jesús nos dona lo comandament de amar nòstre pròxim e de pas respònder a la violença abo la violença”.

Una granda emocion entre lhi parteipants, mai de 600, que se son almassats dedins e fòra de la gleisa. Un silensi pesotge, seguit da un grand picamans ental moment que lo curat de Lavelanrt, Edouard de Laportalière, e lo Vesco Jan-marc Eychenne se son aprestats a pausar la demanda de perdon e las paraulas cristianas son sortias fòrtas e claras: “Demandem perdon d’en premier a nòstre Senhor, mas decò a tuchi aquilhi que, mèmbre se nòstra gleisa, son estats persecutats”. “Dessot la cenre la brasa es encara chauda, lo pes de l’injustícia coa encara...”, “demandem de poler plorar, d’entemenar lo sòl de nòstra indiferença... que la plueia de nòstras larmas estenhe lo fuec”, en tota umiltat “avemlo desir de tenressa e de patz”.

Bèla en itàlia nos chalaria trobar un Jan-Marc Eychenne que dins la gleisa de Milan, o en aquela de Sirmion, o de Montfòrt d’Alba, o de Rocavion, o benlèu dins aquela de Florença fasesse venir a la lutz çò que coa encara mai que mai dessot la cenre dins l’estòria desmentiaa (que Maria Soresina cèrcha en totas manieras de contar dis si libres e abo una seria de video que publiquem) dins l’Itàlia contemporana.


Condividi