Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2016

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.160 Octobre 2016

Passo del Bojret: un’opera d’arte che collega due valli

Pas dël Bojret: n’opera d’art ca coulega due vai

di Mauro Durbano

Passo del Bojret: un’opera d’arte che collega due valli
italiano

Tra i numerosi passi che collegano la valle Orco alla Valle di Lanzo ve né uno che colpisce particolarmente per l’incredibile opera a cui gli antichi abitanti di questi luoghi hanno dato vita: quello del Bojret. Si tratta di una mulattiera, costruita in epoca storica, una vera e propria opera d’arte costituita di muretti a secco che sorreggono scalini tutti realizzati con grandi lastre di pietra. Sia i muretti che la scalinata furono realizzati modellando la pietra ottenuta dalla dal ripido versante che sale dal lago Bojret all’omonimo colle.

Per raggiungere e percorrere questa meravigliosa mulattiera si deve risalire dal centro di Locana fino al parcheggio dell’Alpe Cialma, sulla destra orografica della valle. Lasciata qui la macchina è necessario camminare per circa quattro ore, arrivando quasi fino a Punta Cia, lungo la dorsale della montagna e prendendo poi il sentiero che, poco prima della punta svolta a sinistra e prosegue a mezza costa fino al lago di Bojret. Dopo avere superato il ruscello che esce dall’incantevole lago, si prosegue verso il colle percorrendo la storica mulattiera.

Arrivati al passo, che collega il territorio del comune di Locana con quello del comune di Chialamberto, si può godere di un panorama meraviglioso su tutta la valle Orco e la pianura canavesana, mentre, sul versante opposto, quello che dà sulle valli di Lanzo, si vede la radura che ospita la cappella della Madonna di Ciavanis. Santuario che, in occasione della festa annuale organizzata ogni anno la seconda domenica di luglio, viene raggiunto a piedi anche da un gran numero di abitanti della valle Orco.

L’imponenza di questa grandiosa opera e la grande fatica costata per realizzarla mette in evidenza quanto un tempo fossero importanti i contatti fra due valli, che oggi, a causa dell’attuale viabilità stradale, sembrano lontanissime. E, ancora una volta, dimostra come le catene montuose non fossero di ostacolo ai contatti fra le genti di montagna.

franco-provenzale

Tra li noumerus pas ca coulegunt la val dl’Orco a la val d’Lans un i culpit particoularment per l’incredibil opera que li abitant dën niajo a lan coustruì: lou pas dël Bojret. As trata d’nà mulatere, coustrouia ën tëns storic, nà vera e propria opera d’art coun murët a sec ca tegnunt shalin fet coun lastroun ëd pera. Li murët e li shalin a son stet fet lavourant la pera dlou versant ca mountet dal lai dlou Bojret a lou col con lou medesim nom.

Per rivar a sta meravigliousa mulatere as muonta da lou centro d’Loucana fin a lou parcheggio dl’Alpe Cialama, an tl’anvers. Lashà la macchina ën tlou parcheggio as def marcier per qouat oure rivant fina sout a Pouënta Cia, lunc la cresta dla mountagne, e peine prima dla pouënta as va a snista per ën senter ca va a mesa costa fin a lou lai dël Bojret. Pasà l’arianet ca sort dal belissim lai as countinua su per ël senter pasnt per la storica mulatere.

Rivà al pas, ca coulega li teritori dli coumun ëd Loucana e Cialambert, as pol becar ën meraviglious panorama ën sla val Orco ën sla pianure dël Canaveis. Da la part ouposta, ca da ën sla val ëd Lans, ënvece, a pol becar la radura ca ospita la chapela dla Madona ëd Ciavanis. Lou santuari, canque as fait la feta anoual, la prima douminge ëd lui, a vint visità da tanta gens dla val ed l’Orco cai va a pià.

La maestousità dest’opera iqui e la grant fatiga per realisala a evidensia la grose ëmpourtanse dli countat tra le due vai niajo, anque se anquì a smiount lontanissime, a causa dla viabilità stradal dli nosi gior. E, ancor ën niajo, as dimoustret coume le mountanhe a ieret gnen d’oustacoul per li countat fra le gens.                 


Condividi