Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2016

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.160 Octobre 2016

Occitanie è il nome ufficiale della nuova Regione nata dalla fusione di Languedoc-Roussillon e Midi-Pyrénées

Occitanie es lo nom oficial de la nòva Region naissua da la fusion de Lengadòc-Rosselhon e Miègjorn-Pirenèus

di Ines Cavalcanti

Occitanie è il nome ufficiale della nuova Regione nata dalla fusione di Languedoc-Roussillon e Midi-Pyrénées
italiano

Avevamo parlato in un articolo di un precedente numero di Nòvas della consultazione popolare volta a scegliere il nome della nuova Regione, nata dalla fusione delle due Regioni Languedoc-Roussillon e Midi-Pyrénées, il cui risultato era stato che il 44% dei consultati aveva votato a favore del nome Occitanie. Bene, dopo essere stata validato dal Consiglio di Stato è stato emanato il decreto firmato dal primo Ministro Manuel Valls e dai Ministri dell’Interno e dell’Ordinamento dei Territori Bernard Cazeneuve e Michel Bayer che ha conferito ufficialmente e definitivamente il nome Occitanie alla nuova Regione.

L’atto fa discutere, ma comunque la si pensi, non può essere negato che è sicuramente una decisione storica, è la prima volta che nelle stanze della Repubblica francese il nome Occitania, da tanto tempo negato, viene ufficialmente riconosciuto. Aver riconosciuto il nome del paese come tale, un concetto che il nazionalismo francese si era storicamente sempre sforzato di negare, porta un potenziale innegabile di proiezione e di identificazione positiva.

Rispetto a questa scelta, io preferisco vedere il bicchiere mezzo pieno, anzichè vederlo mezzo vuoto, e voglio pensare che, partendo dal risultato ottenuto, la dirigenza politica regionale e la dirigenza occitanista territoriale siano così lungimiranti da considerare che si rendono necessarie iniziative volte ad includere in un processo innovativo le parti di Occitania rimaste fuori dal percorso sia in Francia che nelle parti italiana e spagnola.

Il nome, oggi diventato riferimento ufficiale di un 35% del territorio di lingua d’oc, può diventare leader di un contenitore che sappia elaborare una nuova strada transnazionale per l’Occitania intera. Un contenitore che abbia alcune azioni chiare da portare avanti, con costanza e con decisione e che sappia far frutto delle esperienze di enti, di associazioni e di intelligenze che sui territori vivono e operano. Con una sola discriminante: non sono ammessi i corvi, coloro che vogliono sempre che tutto vada male, che tutto finisca in un gran calderone del nulla.

Saranno capaci i politici e i dirigenti occitanisti della nuova Regione di avere una veduta ampia e un ragionamento che spazi sia nel tempo che nei territori coinvolgendo le forze vive che ci sono ad intraprendere un nuovo processo? Voglio sperare di si. Altrimenti questa sarà la solita occasione mancata.

In tutti i casi è indubbio che si apre una nuova strada in una grande regione centrale a tutto il territorio di lingua d’oc. Il fatto che essa abbia assunto ufficialmente il nome storico di un territorio molto piú vasto, situato su tre Stati e collocato al centro dell’Europa gli da onori, ma anche oneri. A parer mio è necessaria una iniziativa della Regione che chiami a raccolta coloro che vogliono lavorare per un nuovo processo positivo.

occitan

Dins un article d’un numre passat de Nòvas avíem parlat de la consultacion populara per chausir lo nom de la nòva Region, naissua da la fusion des doas Regions lengadòc-Rosselhon e Miègjorn-Pirenèus, dont lo resultat era estat que lo 44% di consultats avia votat a favor dal nom Occitanie. Ben, après èsser estat validat dal Conselh d’Estat es estat emanat lo decret firmat dal premier ministre Manuel Valls e dai Ministres de l’Interior e de l’Ordinament di Territòris Bernard Cazeneuve e Michel Bayer que a conferit oficialament e definitivament lo nom Occitanie a la nòva Region.

L’act fai discúter, mas coma qu’un la pense, pòl pas èsser negat que de segur es un’accion estòrica; es lo premier bòt que dins las estàncias de la República francesa lo nom Occitània, negat da tant de temp, ven reconoissut oficialament. Aver reconoissut un país coma tal, un concèpt que istoricament lo nacionalisme francés s’es sempre esforçat de negar, mena a un potencial innegable de projeccion e d’identificacion positiva.

Regard an aquela chausia, m’agrada de mai veire lo bichèl metz plen, non pas lo veire metz vueit, e vuelh pensar que, en partent dal reultat obtengut, la dirigença regionala e la dirigença occitanista territoriala sien tan lungimirantas da considerar que chal d’iniciativas orientaas a incluire dins un procès innovatiu las parts de l’Occitània restaa fòra dal percors sia en França que dins las parts italiana e espanhòla.

Lo nom, encuei vengut la referença oficiala d’un 35% dal territòri de lenga d’òc, pòl venir cap d’un contenitor que sàpie elaborar una nòva transnacionala per L’Occitània entiera. Una soleta discriminanta: son pas admés lhi corbàs, aquilhi que vòlon sempre que tot vane mal, que tot finisse dins un grand pairòl dal ren.

Seren capables lhi polítics e lhi dirigents occitanistas de la nòva Region d’aver una vision ampla e un rasonament que plane sia dins lo temp que dins lhi territòris en interessant las fòrças vivas que lhi a a entreprene un nòu procès? Vuelh esperar de sí. Senon aquesta serè la sòlita ocasion mancaa.

Coma que sie es fòra dúbit que vai se durbir un novèl chamin dins una granda region centrala a tot lo territòri de lenga d’òc. Lo fach que aie pilhat oficialament lo nom istòric d’un territori ben pus vast, situat sus tres Estats e plaçat al centre de l’Euròpa lhi dona d’onors, mas decò de devers. A mon avís chal un’iniciativa de la Region que sòne aquilhi que vòlon trabalhar per un nòu procès positiu.


Condividi