Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2016

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.155 Abril 2016

Danze occitane a scuola

Danças occitanas a l’escòla

Una bella pubblicazioni dell’Istituto Comprensivo “E. De Amicis” di Luserna San Giovanni

Danze occitane a scuola
italiano

Una bella pubblicazione curata da Manuela Barale, sul tema della danza, dell’Istituto Comprensivo “E. De Amicis” di Luserna San Giovanni, per il progetto “Lingue a confronto” finanziato dal M-I-UR negli anni 2010-2012.

Si tratta di un lavoro complesso la cui metodologia è frutto del lavoro creativo e della passione di Manuela Barale, un lavoro diattico rivolto alle scuole, utile a tutti coloro che lavorano nel campo delle divulgazione delle danze occitane.

La pubblicazione denominata: Danse Ousitane a scola: për counhësse e far counhësse nost savê e la goi d’la dansa e d’la múzica” è accompagnata da un cd curato da Franco Rubatto.

Penso che la cosa migliore per far comprendere il lavoro che ha fatto e che intende comunicare esia pubblicare la sua presentazione, una scheda esemplificativa della danza “La courento de la Val Cuuzoun o Garnerencho”: e di proporre all’ascolto il pezzo musicale che l’accompagna.

Perché la danza? Di Manuela Barale, Luserna San Giovanni, 12 giugno 2012

Perché è conoscenza di sé e dell’altri

è accoglienza e conoscenza

è un cerchio che si chiude

è una mano che si apre

è espressione individuale

è un linguaggio comune

è rispetto

è partecipazione

per questi e tanti altri motivi da anni ho utilizzato la danza e la musica per far conoscere la nostra cultura occitana tra i bambini e i ragazzi delle scuole.

La riproposta del patrimonio di danze e musiche occitane ha permesso loro di accostarsi alla tradizione in modo vivo e creativo, perché la danza è strumento di comunicazione con l’altro, con il gruppo, con lo spazio e con il tempo passato e futuro.

Spesso attraverso il linguaggio universale della musica e della danza si è aperto il confronto con altre” minoranze”, così presenti nelle nostre classi, con coloro che ci appaiono diversi, scoprendoci invece così simili in molti aspetti della cultura tradizionale quali strumenti,ritmi, espressioni del corpo fino alle feste tradizionali, ai costumi e ai riti stagionali. Ciò ha reso questa attività non la riproposta di stereotipie motorie “ingessate” ma uno strumento vivo di scambio e in continua evoluzione come deve essere la danza, al pari di qualunque altro linguaggio in uso attivo.

In questo piccolo ma impegnativo lavoro, propongo dieci danze tradizionali dell’area occitana italiana e francese, senza alcuna coreografia, pensando che gli insegnanti possano proseguire, con questo sussidio, l’attività di danza occitana nelle loro classi con lo stesso entusiasmo che hanno dimostrato durante i laboratori e a loro il mio grazie per aver creduto e reso possibile questo Progetto.

Un ringraziamento speciale va al suonatore di “semitoun” Franco Rubatto, che ci ha regalato le musiche tradizionali contenute nel cd allegato, per il suo impegno nella diffusione della cultura occitana attraverso la musica e soprattutto perché è sempre disponibile a giocare con noi, grandi e bambini, al grande gioco della danza e della musica.


occitan

Una bèla publicacion curaa da Manuela Barale, de l’Institut Comprensiu “E: De Amicis” de Lusèrna Sant Joan, sal tèma de la dança es sortia per lo projèct “Lingue a confronto”, finançat dal M-I-UR enti ans 2010-2012. Se tracta d’un trabalh complèx dont la metodologia es lo fruch dal trabalh creatiu e de la passion de Manuela Barale, un trabalh didàctic adreçat a l’escòlas, útil a tuchi aquilhi que trabalhon ental champ de la divulgacion des danças occitanas. La publicacion, sonaa “Danse ousitane a scola: për counhësse e far counhësse nost savé e la goi d’la dansa e d’la múzica”, es acompanhaa da un cd curat da Franco Rubatto.

Penso que la causa melhora per far comprene lo trabalh que a menat e qu’entend comunicar sie de publicar sa presentacion, una ficha exemplificativa de la dança “La courento de la Val Cuuzoun e Garnerencho” e de propausar a l’escòut lo tòc musical que l’acompanha.

Perqué la dança? De Manuela Barale, Lusèrna Sant Joan, 12 de junh 2012

Perqué es de conoissença de se e de lhi autri

es aculhença e conoissença

es un cèrcle que se sarra

es una man que se duerb

es l’espression individuala

es un lengatge comun

es respèct

es participacion

per aquestas e tantas autras rasons, depuei d’ans ai adobrat la dança e la música per far conóisser nòstra cultura occitana ai mainats e ai filhs des escòlas. Tornar propausar lo patrimòni de danças e musicas lor a permés de s’arrambar a la tradicion d’un biais viu e creatiu, perqué la dança es un enstrument de comunicacion embe l’autre, embe lo grop, l’espaci, e lo temp passat e futur.

Sovent, a travèrs lo lengatge universal de la música e de la dança, s’es dubèrt lo confront embe d’autras “minoranças”, tan presentas dins nòstras classas, embe aquilhi que nos pareisson divèrs, en nos descurbent a l’envèrs tan semblables en ben d’aspècts de la cultura tradicionala coma lhi enstruments, lhi ritmes, las expressions dal còrp fins a las fèstas tradicionalas, las costumas e lhi rites sasonals. Aquò a rendut aquesta activitat non pas la repropausicion d’esterotipias motòrias “engissaas”, mas un enstrument viu d’eschambi e en contúnia evolucion coma chal que sie la dança, parelh coma tot lengatge emplegat activament.

Dins aqueste pichòt, mas egatjant, trabalh propauso dètz danças tradicionalas de l’airal occitan italian e francés sensa gis de coreografia, en pensant que lhi ensenhants pòlen contúniar, embe queste sussidi, l’activitat de dança occitana dins lors classas embe lo mesme entosiasme qu’an demostrat durant lhi laboratòris e a lor vai mon gràcias per aver cregut e rendut possible aqueste projèct.

Un rengraciament especial vai al sonador de semiton Franco Rubatto, que nos a regalat las músicas tradicionalas contenguas ental cd jonch, per son empenh dins la difusion de la cultura occitana a travèrs la música e sobretot perqué es sempre disponible a juar embe nosautri, grands e pichòts, al grand juec de la dança e de la música.


Condividi