Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2015

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.151 Desembre 2015

A Locana si viaggia nel tempo

A Loucana as viagia nël tens

di Marta Tondo

A Locana si viaggia nel tempo
italiano

Passi. Culture. Storie. Si incontrano, vivono e raccontano ciò che era. Antichi sentieri e vecchie mulattiere conducono in un viaggio nel tempo. Lo scenario è quello della francoprovenzale valle Orco che corre da Pont fino al Nivolet. Il fil rouge l’itinerario nei mondi che l’hanno popolata lasciando le loro tracce.

Nella frazione Foere di Locana, un altare celtico si staglia nella sua maestosità facendosi largo tra gli alberi che lo circondano. Resti che narrano il passato. Il masso, databile al 500 a.C., pende su un lato: le radici di un castagno lo hanno sollevato. Al tempo dei Celti, però, non appariva così: si ergeva al centro di una radura, perfettamente in piano. Sulla superficie della roccia delle incisioni a forma di coppa (coppelle) da cui si diramano delle scanalature che giungono fino al suolo. Si tratta di un altare sacrificale su cui i druidi, i sacerdoti celti, compivano sacrifici, per poi leggere auspici a seconda della direzione presa dal sangue nelle canaline.
A circa un chilometro, un ponte romanico, risalente a prima dell’800 d.C., attraversa il Rio Vallunga nella frazione Vernè. La costruzione, a una sola arcata, non ha mai subito modifiche nel corso dei secoli e si presenta, ancora oggi, nella sua foggia originaria. Una volta via commerciale importante, oggi passaggio in un
locus amoenus tra faggi e castagni.

Una catena storica valorizzata da un progetto finanziato dal Piano di Sviluppo Rurale, in linea con la filosofia del Gruppo di Azione Locale (Gal). Diverse le opere eseguite a tal fine: il ripristino del sentiero tra le due frazioni, l’installazione di un’area da pic-nic a Vernè e un percorso didattico per comprendere le evoluzioni dell’area nel corso delle varie epoche.

Un viaggio in cui ogni passo si tinge di profumi e sfumature antiche.

franco-provenzale

Pas. Coulture. Storie. As’ëncountrount, vivont e a quentount quoè ca l’era niagio. Antichi senter, vie mulatere, portunt ën niagio ën tlou tens. Lou scenare a le coul dla francoprovensal val ëd l’Orco, ca cour da Pount fin a lou Nivoulai. El fil rouge l’itinerare ën tli mount ca l’han poupoulà lasant sue trase.

Ën tla frasioun Foere ëd Loucana, n’auter celtico a se staia ën tla soua maestousità an mes al pientes ca i sont d’entorn. Rest ca quentunt el pasà. Luo roc, databil al 500 a.C., pent da na part: le reis ëd na chasagna a l’han soulevà. Ma al tens dli Celti a l’era nhën pareishi: a l’era ën tlu centro d’na radoura, perfetament ën pian. ën tla souperficie dlou roc ai sont dle incisoun a fourma d’coupa (coppelle). Da sitishi partuount ed canaline ca rivount fin a tera. As trata ëd n’auter sacrifical e ënsimma li druidi, li prere dli Celti, a fasiont i sacrifisi e a lesiont li auspici a secont dla diresioun ca chiapava lou sanc ën tle canaline.

Sou par giù an Km ëd distanse, ën pount romanic, dla primà metà dël 800 d.C., traversa ël Rio Vallunga ën tla frasioun Vernè. La coustrousioun, coun n’arcada soula, a le mai steta moudificà ën tlou cours dli secoul e as presenta, ancor ënquì, ën tla sua fourma ouriginaria. Niagio via coumercial ënpurtant, ënquì pasage per en locus amoenus an mes a fo e chasagne.

Na tsèina storica valourisà da n’prouget fiansià dal Pian de Sviluppo Roural, en linea coun la filosofia dal Grup d’Asioun Loucal (GAL). Diverse a sont le opere fete a tal fin: la sistemasioun dël senter tra le douì frasioun, la creasion ëd n’area pic-nic ën frasioun Vernè e ën percours didattico per capir l’evoulousioun dl’area en tluo cours dle varie epoche.

En niagio ën te que ogni pas as tins ëd proufum e sfoumature dë niagio. 


Condividi