Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2015

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.149 Octobre 2015

Connessione tra Università e territorio: quattro domande a Matteo Rivoira ricercatore universitario e occitano della Val Pellice

Coneshon antre Università e teritouéro: catro question a Matteo rivoira, resertsour de l'Università e ousitòn de la Val Pélis

di Matteo Ghiotto

Connessione tra Università e territorio: quattro domande a Matteo Rivoira ricercatore universitario e occitano della Val Pellice
italiano

L'Uncem Piemonte ha recentemente firmato un accordo con l'Università del Piemonte Orientale in merito a collaborazioni future. Che cosa ne pensi?

Premesso che non conosco i dettagli dell'accordo, mi pare che un'intesa tra università e territorio, montano in particolare, sia una buona cosa nella misura in cui apre alla possibilità di gettare le basi per un rapporto strutturato e duraturo tra ricerca e territorio. Penso che dotarsi degli strumenti più idonei per lavorare in sinergia su vari temi di interesse comune sia fondamentale, soprattutto in questo periodo di scarsità di risorse.

Gli sportelli linguistici della Città Metropolitana, soprattutto in area francoprovenzale, stanno facendo un importante lavoro in sinergia con te e l'Università. Pensi che sia la strada giusta?

Questo tipo di relazione si inserisce per certi versi in quelle che permettono la realizzazione dell'Atlante Toponomastico del Piemonte Montano: alla base c'è l'idea (e l'esigenza) di coinvolgere le realtà locali sia per responsabilizzarle rispetto agli obiettivi della ricerca, la cui prima ricaduta consiste nella salvaguardia di un patrimonio culturale fondamentale, sia nella sua restituzione alle comunità locale. Ma c'è anche l'esigenza di condurre un lavoro coinvolgendo in modo efficace e profondo coloro che hanno accesso ai saperi che si stanno indagando e che permettono dunque di adottare, dove necessario, un punto di vista interno alla comunità e non esterno. Nel caso specifico dell'esperienza di collaborazione con gli sportelli francoprovenzali, c'è in più il valore aggiunto di riuscire in questo modo a sfruttare anche le competenze specifiche, metalinguistiche, degli operatori coinvolti che si sono praticamente tutti laureati specializzandosi in materie linguistiche e discutendo tesi che studiavano la situazione del loro territorio proprio da questo punto di vista. Il coinvolgimento di persone formate in tal senso, capaci di coinvolgere i membri delle comunità e mantenere al contempo una visione sufficiente allargata, è peraltro la condizione fondamentale per poter realizzare un lavoro come il nostro che oltre alla documentazione e alla tutela della lingua ha anche l'obiettivo di realizzare uno strumento utile in una prospettiva di politica linguistica, vale a dire di intervento consapevole su una varietà linguistica al fine di allargarne i suoi orizzonti di impiego.

Alla luce della tua esperienza ci sono i presupposti per una connessione sempre più solida con il territorio? La comunità scientifica è disponibile?

I presupposti a mio parere ci sono tutti e, nell'ambito nel quale lavoro, quello della linguistica e della dialettologia, ci sono importanti esempi che ci precedono. D'altro canto tutti i bandi che finanziano progetti di ricerca, chiedono sempre più, anche per l'ambito umanistico, delle ricadute visibili sul territorio. Il che indirizza in modo decisivo la ricerca in prospettive che vedano il territorio sempre più coinvolto. La comunità scientifica a mio parere è andata maturando molto negli ultimi anni su questo piano. In realtà non è tutto rose e fiori, perché per esempio, non tutta la ricerca dà risultati immediatamente spendibili su un piano operativo, pur rimanendo fondamentale in una prospettiva più generale.

Quali prospettive e traguardi auspichi in tal direzione, anche grazie agli sforzi di associazioni culturali quali Chambra d'Oc?

Le prospettive nelle quali spero che si impegnino l'accademia da un lato e le istituzioni o le associazioni locali dall'altro sono quelle che devono portare a una sempre più fattiva collaborazione sul piano della realizzazione dei progetti, aumentando ad esempio la competitività progettuale, al fine di riuscire a intercettare fonti di finanziamento che permettano di supportare le ricerche e la diffusione dei risultati. Occorre, in particolare, individuare obiettivi chiari e condivisi e svolgere ognuno il proprio lavoro: da un lato l'accademia deve essere disposta a spendere parte delle sue energie nella divulgazione (lavoro purtroppo non premiante ai fini della valutazione dell'attività scientifica) e a mediare con le esigenze del territorio, dall'altra enti e associazioni dovrebbero cercare guardare all'accademia non come a un antagonista, ma come a un potenziale partner col quale condividere parte delle prospettive. Naturalmente il presupposto di fondo è la maturazione di un rispetto reciproco che non cerchi di cancellare quelli che devono rimanere approcci e obiettivi distinti (l'università deve principalmente spendersi nella ricerca e nella didattica, l'ente locale o l'associazione nella promozione di un patrimonio culturale e di una vitalità comunitaria).

franco-provenzale

L'Uncem Piemon ou l'èt darêremeunn sinhò in acor avó l'Università do Piemon Orientalo an relashon a de colaborashon protséne. Quèi que t'an sondze?

Prebetà que de cunuso pa li detèlh de l'acor, i me paresèit que in'antèinta antre l'università e lo teritouéro de montinheù spesifiquemeunn, lhe sisse in bieunn an teunn que lh'ivre a la posibilità de tapà li plahon pre ina relashon developaia e durabla antre resèrtse e teritouéro. De sondzo que dotase de mouieunn plu convenablo pre travalhìe an lieunn desù bieunn de témo d'intré comun ou sisse fondamantalo, desutòt an ina perióda de mònca de resourse.

Li guetseut languisticco de la Setà Metropolitòn-na, desutòt din l'ére francoprovansala, ou sont apré a fare in gro travòlh an lieunn avó te e l'università. Te sondze que sisse lo bon tsemin?

He tipo de relashon lhe s'anserèit, an carque manêre, din hleu qu'ou consèinto la realizashon de l'Atlas Toponomasticco do Piemon Montòn: o fondemeunn de l'idéia (e lo bozèin) d'anterishìe li localo, sisse pre responsabilizhéli din li but de la resèrtse, e sa premiére artsèita lh'eut la sovegarda d'in patremouéno culturalo fondamantalo, sisse din la restitushon a la comunetaie locale. Totun i èt aseu lo bozèin de menà lo travòlh an anterisheunn, de manêre profonda, tpit hi qu'ou sont depozitéro di savê qu'ou se resèrtso e qu'ou consèinto adonca de prèindre, anté qu'i sèimble neseséro, in poueunn de vu dedin la comunetà e pa de fóra. Din lo spesificco de l'esperièin-he de colaborashon avó li guetseut francoprovansalo, i èt ina valour an plu, hlò d'arsì maheunn a disfrutà aseu de le competèin-he spesifique, metalanguistique, de li operatour qu'ou se sont praticameunn tpit spesializhò an matêre languistique an descuteunn de memouére qu'ou preniont an considerashon la situashon de son teritouéro fròn de he poueunn de vu. L'angadzo de preseneù formaie, capable d'angadzìe de mèimbro de la comunetà e de mantenì an mémo tèin ina vizhon sufizameunn lardze, lh'eut antrotro la condishon fondamantala pre realizhìe in travòlh comme lo nóhro qu'an de lai de la documantashon e de la sovegarda de la lèinga, ou l'èt aseu lo but de realizhìe in estrumeunn utilo din in reguèrt de politicca languisticca, ét a dire in intervanshon consevabla desù ina varietà languisticca a fin d'alargézenn si confin.

A la lemiêre de ton esperièin-he i èt li fondemeunn pre ina coneshon delon plu solida avó lo teritouéro? La comunetà sientificca lh'eut desponibla?

Li fondemeunn, d'apré me, ou zi sont tpit e, din lo doméno din loquin de travalho, hè de la languisticca e de la dialectolozhìe, i èt d'amporteunn ezimplo qu'ou me devòn-ho. D'otro caro tpit li concours qu'ou finòn-ho de prozhé de resèrtse, ou mòndo delon de plu, aseu din lo doméno umanisticco, d'artsèite qu'ou se vaisso desù lo teritouéro. Heunn ieu ou mêne desizameunn la resèrtse an de but qu'ou vaio lo teritouéro delon plu anterishò. La comunetà sientificca selon me, din hi eunn pasà, lh'eut alaia an crèiseunn din he santimeunn. Totun i vèt pa tot bieunn, prequèi que pre ezimplo, pa touteù le resèrtse ou balho de rezultà despandiblo fit, bieunn qu'ou l'arého fondamantalo an in reguèrt plu dzeneralo.

Quinti but te vouèi din hita direshon, aseu avó l'édo d'asosiashon culturale tal que Chambra d'Oc?

Li but din liquinti de souéto qu'ou s'angadzisso l'academìe d'in caro e les institushon e les asosiashon locale de l'otro ou sont hleu qu'ou l'ont a portà a ina colaborashon delon plu solida desù lo plòn de la realizashon de prozhé, an fazeunn crèihre pre ezimplo la competitività, a fin d'arsì a intrà din de filon de finansiameunn qu'ou consantisso de mantenì le resèrtse e la difuzhon di rezultà. I fot, spesifiquemeunn, armerìe de but clhèr e partajò e deroulà tsacun son travòlh: d'in caro l'academìe lhe dèit iéhre desponibla a despèindre ina pèrt de se resourse din la divulgashon (belavòn in travòlh pa ganheunn din l'evaluashon de l'actività sientificca) e a medià avó li bozèin do teritouéro, de l'otro li organismo e les asosiashon ou deverion sartsìe d'avouità a l'academìe pa an teunn que in antagonisto, ma plutó comme in partner potensialo avó loquin partadzìe li but. Suremeunn lo  fondemeunn de heunn ét lo mourisadzo d'in respèt resiproco qu'ou sartsisse pa d'efahìe hi qu'ou l'ont d'arehà d'aprotso e de but difareunn (l'università lhe dèit prensipalamenunn despeindreseù din la resèrtse e din la didaticca, l'organismo localo on l'asosiashon de la promoshon d'in patremouéno culturalo e d'ina vitalità comunetéra).


Condividi