Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2015

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.147 Avost 2015

Terza Carovana della memoria e della diversità linguistica e altre iniziative dello Sportello linguistico in Valle di Susa

Treizhéma Caravòn-na de la memouére e de la difarèin-he languisticca e ótres animashon do Guetseut Languisticco de la Val de Suze

Tappa a Giaglione il 30 agosto
di Matteo Ghiotto

Terza Carovana della memoria e della diversità linguistica e altre iniziative dello Sportello linguistico in Valle di Susa
italiano

Dal 17 agosto al primo settembre 2015 l’Associazione LEM Italia, in collaborazione con  l’Università degli studi di Teramo e altri numerosi partner, organizza la Terza Carovana della memoria e della diversità linguistica. Parte il 17 agosto da Villa Badessa di Rosciano in Calabria (arbresh), passa da Guardia Piemontese (occitano), prosegue con tappe cadenzate verso il nord Italia e giunge a Giaglione (francoprovenzale) dove è accolta dagli Sportelli linguistici francoprovenzale e occitano dell’Alta valle di Susa all’interno del progetto “Lingue Madri” della Città Metropolitana di Torino.

La Carovana 2015 si pone l’obiettivo di essere occasione di incontro tra operatori, studiosi, studenti e appassionati della diversità linguistica e culturale italiana, europea e mediterranea. Due laureande dell’Università di Teramo accompagneranno l’intero percorso per svolgere parte del lavoro di ricerca sul campo, finalizzato all’elaborazione delle loro tesi di laurea intorno ai diritti linguistici e alla promozione della diversità linguistica. Raccoglieranno durante il percorso numerose testimonianze individuali e collettive che andranno a comporre un film documentario che sarà presentato a inizio autunno in occasione della Giornata Europea delle lingue di cui la Carovana rappresenta anche un’esperienza preparatoria. 

Tra le novità di questa edizione, la Carovana segna la fusione con il progetto europeo Tramontana (www.Tramontana.org) per la raccolta e valorizzazione della memoria orale delle aree di montagna (Programma Europa creativa 2014/2020). Diverse inchieste Tramontana saranno infatti realizzate durante la Carovana anche nell’ottica di una “scuola” itinerante per la formazione di giovani studiosi al lavoro sul campo.

Domenica 30 agosto alle ore 10 presso il Cesdomeo di Giaglione avrà luogo l’accoglienza della Carovana con la conseguente presentazione del progetto e la realizzazione di videointerviste a testimoni privilegiati della cultura francoprovenzale e occitana. Nell’occasione verranno presentate le attività di sportello con le iniziaive di ricerca e riproposizione territoriale; nel pomeriggio è prevista una visita all’Abbazia e al borgo medioevale di Novalesa, veri gioielli da conoscere per chi percorre l’Italia con una Carovana e la sera una cena francoprovenzale all’agriturismo di Barbamarc, accompagnata da racconti della tradizione francoprovenzale a cura di Marco Rey.

Seguirà domenica 27 settembre un’altra iniziativa qualificante a Caprie: il Tsant'an tsamin, passeggiata musicale con canti collettivi della tradizione francoprovenzale alla scoperta del territorio, fermandosi a conoscere le bellezze paesaggistiche del Comune e condividendo una giornata attraverso la riscoperta della lingua francoprovenzale. Alle ore 16,30 si potrà assistere alla cerimonia ufficiale di presentazione della bandiera francoprovenzale che verrà consegnata dal Sindaco di San Giorio al Sindaco di Caprie. Così come il Tsant'an tsamin, anche la cerimonia di consegna della bandiera francoprovenzale ha l’intenzione di rappresentare un momento cardine e simbolico per tutti coloro che si riconoscono nella comune identità francoprovenzale. La bandiera vuole essere un segno di riconoscimento sul territorio, una marca culturale che parla di unione e fratellanza. Chiuderà la giornata alle ore 17,30 il gruppo Blu l’Azard con Dançar a la chantarela/Balá en chantant. Un apprendimento creativo della lingua attraverso il canto e la danza.

Diverse proposte tutte tese ad un solo fine: la condivisione delle lingue francoprovenzale e occitana in valle di Susa.

Il 4 ottobre, come ormai tradizione, è annunciata la Giornata delle minoranze linguistiche storiche con inizio alle ore 16 presso la Sala Consiliare del Comune di Oulx. Di questa nel dettaglio parleremo più avanti, ma il programma di quest’anno prevede alcune importanti novità quali la presentazione del Trezòr de Lèinga: dizionario informatizzato e biblioteca digitale, un grande lavoro di ricerca e messa in rete di materiali in lingua francoprovenale, e la “prima” della nuova creazione per lo Sportello linguistico “PP:Purus Purí” (Pera Marcia) scritto e diretto, da Renato Sibille con Luca Pellegrino, Sara Cesano, Peyre Anghilante e Flavio Giacchero. 

franco-provenzale

Di 17 d'ó o premìe de stèimbro 2015 l’Asosiashon LEM Italia, an colaborashon avó l’Università di steujo de Teramo e d'otri partner lh'organizhe la Treizhéma Caravòn-na de la memouére e de la difarèin-he languisticca. Lhe mode li 17 d'ó de Villa Badessa de Rosciano an Calabria (arbresh), lhe trahe de Guardia Piemontese (ousitòn) pre alà ineunn, avó de tape tòt o lon tèin qu'o nord d'Italia, e arvà an Dzalhon (francoprovansal) anté que lhe sarèt atandouò di Guetseut languisticco francoprovansal e ousitòn de la Hota Val de Suze din lo doméno do prouzhé “Lèingue Mare” de la Setà Metropolitòn-na de Turin.

La Caravòn-na 2015 lhe vout iéhre in momeunn de rancontra pre operatour, saveunn,   studeunn e èimeunn de la difarèin-he languisticca e culturala italiòn-na, europèintse e mediterranèintse. Dbeu studeunn de l’Università di Teramo ou l'acompanheront lo viadzo pre deroulà ina pèrt do travòlh de resèrtse finalizhò a l'elaborashon de se memouére de laurea a l'antòrt di drouèt languisticco e de la promoshon de la difarèin-he languisticca. Ou l'amaseront pandeunn lo viadzo bieunn de temouanhadzo andevidualo e comunalo qu'ou l'aleront a compondre in film documantéro qu'ou sarèt prezantà an comahèlh de semetsìe pre la Dzornà Europèintse de le lèingue de laquinta la Caravòn-na ét in momeunn preparatouéro. 

O mouèitèin de le nóve de hita edishon, la Caravòn-na lhe sinhe la fuzhon avó lo prouzhé europèin Tramontana (www.tramontana.org) pre l'amasadzo e la valorizashon de la memouére orala de les ére de montinheù (Programma Europa Creativa 2014/2020). Bieunn d'anquête Tramontana ou seront féte pandeunn la Caravòn-na din lo bié de ina “escóla”  itinerèinta pre la formashon de dzevenó din lo travòlh praticco de resèrtse.

Demèindze 30 ó a dis oure din lo Cesdomeo de Dzalhon i arèt lo bienvenù a la Caravòn-na avó la prezantashon do prouzhé e la realizashon de videointerviste a de temoueunn spesialo de la culteura francoprovansala e ousitòn-na. An mémo tèin ou seront prezantaie les ativitaie do Guetseut avó les animashon de resèrtse e de repropozishon teritoriala. Pandeunn l'apré-denà  i se prevouèit la dehevèrta de l'Abaì e do Bourc medievalo de Novalèize, in bidzouieut veritablo qu'i fot qu'ou cunusisso tpi hi qu'ou se trònmo pre l’Italia an Caravòn-na, e lo véfro i arèt la hin-na francoprovansala a l’agritourismo “Mèizoun de Barbamarc” acompanhò da le controle de la tradishon francoprovansala avó Marco Rey.

I souiverèt demèindze 27 de stèimbro in'otra animashon califièinta a Chàvrie: lo Tsant'an tsamin, promonada mezecala avó de tsahon d'ansèin de la tradishon francoprovansala a la dehevèrta do teritouéro, an planteunse a cunuhre li caro plu bèl de la Comeune e an partadzeunn ina dzornà pre arprèindre e savourì la lèinga francoprovansala. A catro e demì de l'apré-denà i se poudrèt asistà a la seremonìe ufisiala de prezantashon do drapèl  francoprovansal qu'ou venerèt donà do Santicó de Sèin Dzouiro o Santicó de Chàvrie. Tal que  lo Tsant'an tsamin, aseù la seremonìe de pasadzo do drapèl francoprovansal lhe vout iéhre in momeunn fondamantalo e sembolicco pre tpi hi qu'ou s'arcunuso din la méma idantité francoprovansala. Lo drapèl ét in sinho idantitéro din lo teritouéro, ina marca culturala que lhe deut lo partadzo e la fratelòn-he. La dzornà lhe se sarerèt a hinc e demì avó lo grup Blu l’Azard e sa Dançar a la chantarela/Balá en chantant. In amprentisadzo de la lèinga a travès do tsòn e de la dòn-he. 

Bieunn d'animashon qu'ou l'ont in mémo fin: lo partadzo do francoprovansal e de l'ousitòn din la Val de Suze.

Li 4 d'otobro, selon la tradishon, lh'eut anon-hiaia la Dzornà de minouròn-he languistique istorique dipé catr'oure de l'apré-denà din la Sala do Consèlh de la Comeune d'Ouls. De heunn de n'an donerèin de detèlh plu ineunn ma d'avan-hièin que lo programo de hi còl ou prevouèit  carcareunn de nóvo tal que la prezantashon do Trezor de la Lèinga: dishounéro anfourmatizhò e bibliotéque dizhitala ina greunt'óvra de resèrtse e de difuzhon di materialo an lèinga francoprovansala, e la “premiére” de la nóva creashon “PP: Purus Purí” (Preu Pri) fèt e derèt da Renato Sibille avó Luca Pellegrino, Sara Cesano, Peyre Anghilante e Flavio Giacchero.


Condividi