Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2015

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.144 Abril 2015

Primo di maggio Festa del Lavoro... scappa lavoro che arrivo!

Premier de mai Festa dal trabalh... escapa trabalh que mi arribo!

di Ines Cavalcanti

Primo di maggio Festa del Lavoro... scappa lavoro che arrivo!
italiano

Un tempo c’era il detto “scappa lavoro che io arrivo!”. Oggi esso è più che mai d’attualità. Non occorre nemmeno scappare dal lavoro, visto che scarseggia sempre di più. I giovani fan volare la fantasia e s’inventano di tutto qui nelle valli occitane, ma è difficile riuscire a vivere di agricoltura, di turismo, d’erbe officinali, e soprattutto è difficile pensare di poterlo fare se non si ha un capitale iniziale! Per incoraggiare le perone si adducono sempre esempi virtuosi, si mostra che qualcuno ce l’ha fatta. Certo, ci mancherebbe che nessuno ce la faccia! In tutte le epoce storiche c’è qualcuno che è riuscito, ma se se si gratta in fondo al barile ci si può accorgere che non è stato facile, e che soprattutto chi ce l’ha fatta aveva al momento attuale, per una ragione o per l’altra, un capitale iniziale.

In questo caso, se si hanno pochi soldi, se l’idea è forte, la visione ampia, la volontà granitia, se non si ha paura di balzare a piè pari nel mondo della burocrazia, un mondo terribile che fa sentir sempre inadeguati e colpevoli anche se non si è fatto nulla, si può cercare di compiere i primi passi che poco a poco conducono verso la realizzazione del proprio sogno.

E occorre ancora vedere se si vole realizzare il proprio progetto. Più si sale vèrso i paesi di montagna, più le difficoltà aumentano. Ogni pezzo di terra ha più proprietari, riuscire a crearsi una proprietà è un’impresa ciscopica. Se si ha la fortuna di avere un Comune a sostegno và meglio, altrimenti si preannuncia una via crucis da un  proprietario all’altro senza vederne la fine. Senza dubbio, alla fine si sarà acquisita una vasta conoscenza di tutte e parentele del paese, compresi forse i loro peccati, dove sono emigrati, a quale famigia appartenevano. Se pensiamo che nulla sia inutile nella nostra vita, quello è il modo migliore per una nuova possibilità d’appartenenza a una memoria collettiva.

Ma bisogna sbrigarsi. La strada e lunga e piena di ostacoli. Come si diceva, atto secondo: bisogna avere il coraggio di affrontare la burocrazia. E lì entri in un mondo parallelo fatto d’iscrizioni  a varie organizzazzioni e i conseguenti fogli da compilare, da compilare... Così la disperazione t’assale e il morale cade a terra. Pensi di abbandonare tutto e sogni di andare a vivere in una grotta come Pit de bauma, il personaggio di Elva che mi raccontavano aver già preso un tempo quella decisione.

Finalmente scopri parole nuove mai udite prima: Legge Galasso, il Gal, il Psr... Essi ti chiamano e di notte sogni di loro che t’invitano a entrare nel loro mondo, a non aver paura d’affrontarli, e tu ti senti sempre più scoraggiato, solo, spaventato e non sai a chi rivolgerti. Bisognerebbe che qualche psicologo si specializzasse in questo campo! Ecco un nuovo lavoro per i giovani. Giovani senza lavoro che l’hano trovato per sostenere altri giovani che voglio realizzare un loro progetto di lavoro.

In realtà oggi il lavoro che non manca è quello delle agenzie di sostegno per affrontare la burocrazia. I commercialisti e le organizzazioni sindacali hanno sempre più lavoro, ma anche per fare domande di finanziamento a tutti i livelli c’è il Festival di project Manager e altre figure nuove, tutte rigorosamente richieste in lingua inglese, se le nomini in italiano sei già escluso dall’inizio da un possibile percorso in quel campo.

Dove manca completamente il lavoro è nel campo della cultura. Sempre di più si pensa che essa debba rendere. Ma rendere a chi? A coloro che la finanziano. Il denaro investito in quell’ambito deve renderre, deve ritornare all’investitore. Ma come fare a calcolare la rendita in rapporto con l’investimento? Chi riconosce la rendita dell’azione immateriale? Chi ne fa una valotazione oggettiva? Forse ciò sarebbe possibile nel caso di un territorio che ha chiari gli obiettivi a cui mira e traccia dunque un cammino comune per azioni materiali e immateriali, donando a tutte loro un valore all’incirca uguale. Ma nel caso delle nostre valli, dove non c’è una politica e una visione del futuro, ciò è un sogno ce non si può realizzare.

Quindi auguri di buon primo maggio! Io vado a Pessinetto alla manifestazione ideata e organizzata da giovani di buona volontà “Courenta mai”. Là potrete trovarmi con la cultura e la produzione editoriale e se vorrete protremo continuare il discorso cha ho iniziato. 

occitan

Un bòt lhi avia aquela dicha “escapa trabalh que mi arribo!”.  E encuei aquò es ben d’actualitat. Lhi a pas pus manc da manca d’escapar dal trabalh, vist que aqueste escarseja de mai en mai. Lhi joves fan volar la fantasia e se n’enventon de totas sòrtas aicí dins las Valadas, mas es difícil arribar a viure d’agricultura, de torisme, d’èrbas oficinalas. E sobretot es difícil pensar de poler lo far se as pas un capital inicial! Per encoratjar lo monde se pòrton totjorn d’exèmples virtuós, se mostra que qualcun es arribat. Es ves, lhi mancaria encara que pas degun lhi sie arribat! Dins totas las èpocas estòricas lhi a qualcun que lhi es arribat,  mas se én vai a gratar lo fons de la caçairòla se pòl veire que es pas estat de bèl far. E que sobretot aquilhi que lhi son arribats avion tuchi al moment actual, qui per una razon qui per l’autra, un capital inicial. 

Dins aquel cas, se d’argent n’as un pauc,  se l’idea es fòrta, la vision es ampla, la volontat es granítica, se as pas paor d’intrar a pè jonchs dins lo monde de la burocracia, un monde terrible que te fai sentir totjorn inadeqüat e en colpa mesme se as pas ren fach, pòs cerchar de far lhi premiers pas que plan planet te pòrton envèrs la realizacion de ton sumi.

E chal encà veire ente vòs realizar lo ton projèct. Pus vas en aut dins lhi país de montanha, pus las dificultat aumenton. Chasque tòc de tèrra es de mai d’un proprietari, arribar a te far un fondo es una empresa ciclòpica. Se as encara la fortuna d’aver una Comuna que t’ajua la vai mielh, senon comences ta via crucis da un proprietari a l’autre sensa ne’n veire la fin.  De segur a la fin de la fièra as emprés a conóisser totas las parentelas dal monde dal país e decò lors pechats, magara, e ente son emigrats, a quala familha apertenion. Se pensem que ren sie inútil a nòstra vita, aquela es la maniera melhora per una nòva possibilitat d’aparteneça a una memòria collectiva. 

Mas chal  pas esser pressats. Lo chamin es lóng e plen de entravas. Coma se disia, act second: chal aver lo coratge d’ afrontar la burocracia. Aquí intres dins un mond parallèl fach  d’ inscripcions a diferentas organizacions e de consequents papiers da compilar, da compilar... Aquí la desperacion te pilha e lo moral vai a tèrra. Penses de abandonar tot, sumies d’anar viure sot una Balma coma Pit de Bauma.. lo personatge d’Elva que me contiavon aver já pès dins lo temp passat aquela dralha.

Finalament descuèrbes de paraulas nòvas que avies jamai sentut: la lei Galasso, lo Gal, lo Psr....Lor te chamon e tuchi ensem lhi sumies de nuech que t’envidon a intrar dins lo lor mond, a pas aver paor de lhi afrontar. Tu te sentes de mai e mai descoratjat, de mai en mai solet, de mai en mai esbuït e sas pas ben a qui t’adreçar. Chalaria que qualque psicòlògue s’especializesse dins aqueste champ! Vaquí un novel trabalh per de joves. De joves sensa trabalh e que l’an trobat per sostenir d’autres joves que vòlon realizar un lor projèct de trabalh. 

En realitat encuei lo trabalh que manca pas es aquel des  agencias de sosten a afrontar la burocracia. Lhi comercialistas e las organizacions sindacalas an sempre pus de trabalh, mas decò per far de demandas de finançament a tuchi lhi livèls lhi lo Festival de project manager e d’autras nòvas figuras, totas rigorosament sonaas en anglés, se las escrives en italian sies já talhat fòra al començament da un possible percors dins aqueste champ.

Ente manca completament lo trabalh es dins lo champ de la cultura. De mai en mai se pensa que la cultura deu rénder, autrement es pas la pena de la far. Ma rénder a qui? An aquilhi que la finançon. L’argent envestit dins aquel champ deu rénder, deu retornar a l’envestitor. Mas coma far a calcular la rènda en rapòrt a l’envestiment? Qui te reconois la rentabilitat de l’accion immateriala? Qui ne’n fai una valutacion objectiva? Magara aquò seria possible dins lo cas d’un territòri que a clars lhi objectius d’ente vòl arribar e alora traça un chamin comun per d’accion materialas e immaterialas. E a totas doas dona una valor mai o menc eigala.  Mas dins lo cas de nòstras valadas, ente lhi a pas una política e una vision de l’avenir, aquò es un sumi que se pòl pas realizar. 

Donc auguri de bòn premier de mai! Mi me’n vau a Pessinetto a la manifestacion que de joves de bòna volontat an ideat e organizat “ Courenta mai”. Aquí polerètz me trobar abo la cultura e la produccion editoriala e se volerètz polerèm contuniar lo discors que ai entemenat. 


Condividi