Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2014

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.139 Novembre 2014

MIRADOR

MIRADOR

Una creazione del gruppo BLU L'AZARD dedicata a "I BORGHI PIÙ BELLI D'ITALIA", promossa dal Comune di Ostana, dalla rete dei Borghi e prodotta dalla Chambra d'oc.

MIRADOR
italiano

Canti,danze, stornelli, ninna nanne e filastrocche che costituiscono il BELVEDERE italiano.

Mirador è innanzitutto uno spettacolo musicale pensato e ideato per i “Borghi più belli d'Italia”. Nella creazione dello spettacolo ci si è interrogati su quale fosse la peculiarità di questi borghi e sul concetto di bellezza. Si è cercato quindi di declinare il concetto di bellezza e di luogo attraverso i suoni della grande e multiforme tradizione musicale italiana e con l'aiuto di alcune importanti figure culturali del “Bel paese”. Mirador è un termine occitano, una delle dodici minoranze linguistiche storiche italiane tutelate legislativamente, la lingua dell'amor cortese e dei trovatori. Mirador significa belvedere ed è come uno sguardo dall'alto che si è immaginato lo spettacolo, un belvedere o se si preferisce un colpo d'ala, un volo sulla bellezza e la singolarità di questi borghi, diversi ma uniti da un legame, da un filo rosso che è appunto la bellezza con le sue declinazioni e l'Italia con la sua storia. Lo spettacolo è dunque un viaggio in cui, come da un belvedere, si cerca di dare uno sguardo dall'alto ai borghi più belli d'Italia. Canti, danze, stornelli, ninna nanne, filastrocche e poesie diventano frammenti di pensieri e impressioni sinestetiche in cui la bellezza e “il borgo” sono ora pietra, sole, silenzio, canto d'amore, solitudine, collina, mare, pescatori, poeti, …

Terreno solido in cui si appoggia lo spettacolo è la musica tradizionale italiana di cui con un ipotetico sguardo dal nostro belvedere si cerca di offrire la varietà e la ricchezza dei paesaggi sonori e culturali che animano, o che hanno a lungo animato, i nostri borghi. Il grande etnomusicologo Alan Lomax, che tra il 1954 e il 1955 compie un lungo viaggio per l'Italia registrando le musiche e i canti tradizionali, consegnando alla storia e alla nostra memoria dei suoni e delle estetiche musicali che già andavano scomparendo, scrive sul suo diario di viaggio: “La maggior parte degli italiani – non importa chi siano o come vivono – ha una passione per l'estetica. Magari hanno soltanto una collina rocciosa e le mani nude per lavorare, ma su quella collina costruiranno una casa o un intero paese le cui linee si armonizzano perfettamente con il contesto”. Coordinate dello spettacolo, quasi a guidare lo sguardo dal belvedere, oltre i suoni della tradizione musicale italiana sono anche poesie e pensieri che aiutano a declinare il concetto di bellezza e che di bellezza sono impregnati. La collina rocciosa in cui Lomax registrava canti di lavoro è anche la collina di Pavese in cui: “... Un acceso silenzio brucerà la campagna come i falò la sera”. Oppure la bellezza descritta e rappresentata nelle opere di Pasolini, che a proposito scrive: “L’occhio guarda, per questo è fondamentale. È l’unico che può accorgersi della bellezza. La bellezza può passare per le più strane vie, anche quelle non codificate dal senso comune. E dunque la bellezza si vede perché è viva e quindi reale...”. Ma la bellezza può anche essere risposta e rimedio al dolore: “Medico del dolore è per l'uomo il canto”, recita un'incisione su un antico strumento musicale italiano, oppure “La ninna nanna della guerra” del grande poeta romano Trilussa in cui la poesia è come se cercasse di esorcizzare la follia distruttiva facendo dormire un bambino affinché non veda l'orrore della Prima guerra mondiale di cui, tra l'altro, quest'anno è il centenario. Lo spettacolo si apre con una citazione che non a caso è riportata sulla guida “I Borghi più belli d'Italia”, nell'introduzione che ha per titolo “La bellezza per salvare l'Italia”:

Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un'arma contro la rassegnazione, la paura e l'omertà. All'esistenza di orrendi palazzi sorti all'improvviso, con tutto il loro squallore, da operazioni speculative, ci si abitua con pronta facilità, si mettono le tendine alle finestre, le piante sul davanzale, e presto ci si dimentica di come erano quei luoghi prima, ed ogni cosa, per il solo fatto che è così, pare dover essere così da sempre e per sempre. È per questo che bisognerebbe educare la gente alla bellezza: perché in uomini e donne non si insinui più l'abitudine e la rassegnazione ma rimangano sempre vivi la curiosità e lo stupore”. (Peppino Impastato).

I BLU L'AZARD sono:

Peyre Anghilante, voce e fisarmonica.

Flavio Giacchero, voce, clarinetto basso, sax soprano, cornamuse.

Marzia Rey, voce, violino.

Pierluigi Ubaudi, voce, flicorno baritono, oggetti sonori.


www.chambradoc.it/BlulAzard.page

occitan

Chants, danças, estornèls, breçairòlas e continas que constituïsson lo “mirador”italian.

Una creacion dal grop Blu l’Azard dedicaa ai Borgs pus Bèls d’Itàlia promogua da la Comuna d’Ostana, da la ret di Borgs e producha da la Chambra d’òc.

Mirador es d’en premier un espectacle munical pensat e ideat per lhi Borgs pus Bèls d’Itàlia. Dins la creaciopn de l’espectacle nos sem demandats qula foguesse la peculiaritat d’aquesti borg e sal concèpt de belessa. Après avem cerchat de declinar lhi concèpts de belessa e de luec a travèrs lhi sòns de la granda e multifòrme tradicion musicala italiana e embe l’ajut de qualquas importantas figuras culturala dal “Bèl país”. Mirador es un tèrme occitan, una des dotze minoranças linguísticas istòricas italiana tutelaas da la lei, la lenga de l’amor cortés e di trobadors. Lo mot signífica belveire e es coma un esgard da l’aut qu’avem imaginat l’espectacle, un mirador, o tanben un còp d’ala, un vòl sus la belessa e la singularitat d’aquesti borgs, divèrs mas units da un liam, da un fil ros qu’es justament la belessa embe sas declinacions e l’Itàlia embe son istòria. Chants, danças, estornèls, breçairòlas, continas e poesias devenon de fragments de pensiers e d’impressions sinestéticas ente la belessa e lo “borg” aüra son peira aüra solelh, silenci, chant d’amor, solituda, colina, mar, peschaors, poètas...

Un terren sòlid ente s’apòja l’espectacle es la música tradicionala italiana, dont cerchem embe nòstre ipotétic esgard da l’aut de semóner la varietat e la richessa di païsatge sonòrs e culturals qu’ànimon, o qu’an lòngtemp animat, nòstri borgs. Lo grand etnomusicològ Alan Lomax, qu’entre lo 1954 e lo 1955 fai un lòng viatge per l’Itàlia en registrant las músicas e lhi chants tradicionals, en liurant a l’istòria e a nòstra memòria di sòns e des estéticas musicalas que já anavon desparéisser, escriu sus son diari de viatge: “La major part di italians – empòrta pas qui sion o coma vivon – a una passion per l’estética. Benlèu an ren qu’una colina rochassua e las mans nuas per trabalhar, mas sus aquela colina bastiren una maison o un entier país dont las linhas s’armonizon perfectament embe lo contèxt”. Las coordinaas de l’espectacle, coma a guidar l’esgard dal mirador, en mai que lhi sòns de la tradicion musicala italiana, son decò de poesias e de pensiers qu’ajuon a declinar lo concèpt de belessa e que d’aquela beltat son trempats. La colina rochassua ente Lomax registrava lhi chants de trabalhs es tanben la colina de Pavese ente: “... un silenci avisc brusarè la campanha, coma lhi fuecs lo sera”. O tanben la belessa descricha e representaa dins las òbras de Pasolini, que a prepaus escriu: “L’uelh agacha, pr’aquò es fondamental. Es lo solet que pòl s’apercéber de la beltat. Aquesta pòl passar per lhi chamins pus estranges, bèla aquilhi ren codificats dal sens comun. Pr’aquò la beltat se vei perqué es viva e donc reala...” Mas la belessa pòl èsser decò una responsa e un remèdi al dolor: “Mètge dal dolor es lo chant per l’òme”, récita una gravadura sus un ancian instrument musical italian, o pura “La breçairòla de la guèrra” dal grand poèta roman Trilussa, ente la poesia es coma se cerchesse d’exorcizar la folia destructiva en fasent durmir un mainat pr’amor que vee ren l’orror de la Premiera Guèrra mondiala dont, en mai d’aquò, aquest an es lo centenari. L’espectacle se duèrb embe una citacion que ren a cas es reportaa sus la guida di Borgs pus bèls d’Itàlia, dins l’introduccion qu’a per títol “La belessa per salvar l’Itàlia”: “Se se mostresse la belesa a la gent, én lhi forniria un arma còntra la resignacion, la paor e l’omertat. A l’existença d’orribles palais bastits tot d’un crèp, embe tot lor tristum, da d’operacions especulativas, én s’abitua embe una prompta facilitat, se buton las tendinas a las fenèstras, las plantas sus la codiera e fito én se desmentia de coma eron derant aquilhi luecs e de tota causa, per lo solet fach qu’es coma aquò, pareis que deve èsser parelh da sempre e per sempre. Es per’aquò que chaleria educar la gent a la belessa: perqué dins lhi òmes e las fremas s’enfonilhe pas pus l’abituda e la resignacion, mas rèsten sempre vivas la curiositat e l’estupor”. (Peppino Impastato).



Lhi Blu l’Azard son:

Peyre Anghilante, vòutz e armòni

Flavio Giacchero, vòutz, clarinet bas, sax sobran, chabretas

Marzia Rey, vòutz, violon

Pierluigi Ubaudi, vòutz, flicòrn baríton, objècts sonòrs




Condividi