Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2014

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.134 Abril 2014

Il maltese: da dialetto arabo dell'anno mille a lingua nazionale e lingua ufficiale dell'Unione Europea

Lo maltés: da dialèct arabe de l’an mila a lenga nacionala e lenga oficiala de l’Union Europea

di Giuseppe Brincat

Il maltese: da dialetto arabo dell'anno mille a lingua nazionale e lingua ufficiale dell'Unione Europea
italiano

La storia della lingua maltese è essenzialmente una storia di contatti tra varie lingue. Praticamente i contatti caratterizzano tutte le lingue, ma il maltese si distingue perché fonde insieme tre famiglie linguistiche, quella semitica, quella romanza e quella germanica. Effettivamente la composizione odierna della lingua di Malta, risultato del confluire di elementi di varia provenienza in un arco di tempo lungo mille anni, permette di seguire in un modo molto chiaro l’intreccio tra le vicende storiche e le trasformazioni della lingua locale. Situata precisamente al centro del Mediterraneo, a 90 km dalla Sicilia e a 290 km dalla costa tunisina, Malta non ha avuto solo contatti con i suoi vicini ma ha subito gli influssi di tutte le potenze marinare che attraversavano il canale di Sicilia, le quali hanno introdotto la propria lingua come acroletto. L'effetto dei contatti viene evidenziato dalla struttura del lessico odierno: il 32% è di origine araba colloquiale (ma consta delle parole più frequenti), il 53% è di origine siciliana e italiana (che rappresenta il progresso tecnico, sociale e culturale) e il 6% è di origine inglese (ma questo strato è in aumento).

Il maltese di oggi riflette i contatti degli abitanti con le persone che nei secoli sono sbarcate nell’isola per colonizzarla o per governarla in un territorio minuscolo (27 km per 14 km) dove i rapporti numerici tra governati e governanti sono intensi. Il fattore demografico a Malta e Gozo ha sempre avuto un peso determinante sull’evoluzione della lingua perché in mille anni ha portato il numero degli abitanti da un minimo di 5.000 a un massimo di 415.000, non solo grazie alla crescita naturale ma anche in seguito a ondate cumulative di centinaia di immigrati, soprattutto dalla Sicilia, dall'Italia, dalla Francia e dalla Spagna, come mostrano i cognomi. I rapporti degli autoctoni con gli immigrati hanno necessariamente comportato contatti linguistici perché la lingua dei nuovi arrivati ha esercitato un influsso quasi sempre duraturo sulla parlata locale. Di conseguenza la storia della lingua maltese rappresenta un caso sintomatico di una lingua “minoritaria” dal punto di vista internazionale (ma maggioritaria nell’isola) che convive al fianco di, anzi sopravvive malgrado e perfino grazie a, varie lingue “maggiori”, cioè di circolazione più ampia e di maggior prestigio (ma localmente ristrette alla minoranza colta): l’arabo classico (870-1248), il latino, il siciliano (1090-1530), l’italiano (1530-1936) e l’inglese (dal 1800 a oggi). Introdotto dai cavalieri dell'Ordine di San Giovanni, l'italiano è rimasto lingua ufficiale anche nel periodo britannico, difesa dai colti che lo ritenevano la loro "lingua" (alta) e scudo contro l'anglicizzazione totale, mentre oggi svolge il ruolo di lingua dell'intrattenimento attraverso la televisione (il 25% dell'audience in prima serata). ll processo di standardizzazione del maltese iniziò nel Settecento (con la produzione di grammatiche, dizionari, opere letterarie, e testi scolastici) e si è concluso nel 1934 con la sua elevazione al rango di lingua ufficiale. Nel 2004 ha avuto la sua consacrazione internazionale con l'adesione all'Unione Europea che lo ha riconosciuto come una delle sue lingue ufficiali.

Per apprezzare la peculiarità del caso maltese occorre osservarlo nel quadro delle altre isole del Mediterraneo, come la Corsica, la Sardegna, Elba, Capri, Pantelleria, Lampedusa e Djerba, le quali non hanno subito lo straordinario sviluppo demografico di Malta. Inoltre, solo a Malta l’idioma locale ha raggiunto un alto grado di standardizzazione, gode lo status di lingua ufficiale, e viene usato regolarmente su tutto l’asse diamesico, malgrado l’esiguità della comunità che lo parla. Basti menzionare i due quotidiani di una quarantina di pagine ciascuno, i tre canali televisivi maggiormente seguiti e la ventina di stazioni radiofoniche, e la produzione editoriale di centinaia di titoli all'anno. Anche gli atti notarili si redigono in maltese, che è la lingua dei processi legali e dei dibattiti parlamentari. A scuola la metà delle materie s'insegna in maltese e l'altra metà in inglese, gli avvisi istituzionali e commerciali sono bilingui, in maltese e in inglese, la corrispondenza con gli uffici pubblici e perfino il bancomat e Google offrono la scelta tra le due lingue ufficiali. 

occitan

L’istòria de la lenga maltesa es essencialment un’istòria de contacts entre divèrsas lengas. Practicament lhi contacts caracterizon totas las lengas, mas lo maltés se destria perque fond ensem tres familhas linguísticas: aquela semítica, aquela romana e aquela germànica. Efectivament la composicion odièrna de la lenga de Malta, resultat dal confluïr d’elements de vària proveniença dins un arc de temp lòng mila ans, permet de seguir en maniera ben clara l’entreçament entre lhi eveniments istòric e la transformacion de la lenga locala. Plaçaa just al centre dal Mediterrani, a 90 km da la Sicília e 290km da la còsta tunisina, Malta a pas agut masque de contàcts embe si vesins, mas a subit lhi inluxs de totas las potenças marinaras qu’atraversavon lo canal de Sicília, qu’an introduch lor lenga coma lenga sabenta. L’efèct di contacts ven evidenciat da l’estructura dal lèxic odièrn: lo 32% es d’origina araba colloquiala (mas compta las paraulas mai frequentas, lo 53% es d’origina siciliana e italiana (que representa lo progrès técnic, social e cultural) e lo 6% es d’origina anglesa (mas aqueste sòl es en aument).

Lo maltés d’encuei reflèct lhi contacts de lhi abtants embe las personas qu’enti sècles son desbarcaas sus l’isla per la colonizar o la governar dins un territòri minúscul (27 km per 14 km) lhi rapòrts numérics entre governats e governaires son intens. Lo factor demogràfic a Malta e Gozo a sempre agut un pes determinant sus l’evolucion de la lenga perque en mila ans a portat lo numre di abitants da un mínim de 5.000 a un màxim de 415.000, ren masque gràcias a la creissença naturala, mas decò per consequença d’ondadas cumulativas de centenas d’immigrats, sobretot da la Sicília, da l’Itàlia, da la França e da l’Espanha, com testimònion lhi conhoms. Lhi rapòrts de la gent dal pòst embe lhi immigrats an comportat necessariament de contacts linguístics, dal moment que la lenga di nòus arribats a esquasi sempre agut un influx durador sus la parlada locala. De consequença l’istòri dela leng maltesa representa un cas sintomàtic d’una lenga “minoritària”dal ponch de vist internacional (mas majoritària de l’isla) ente conviu da cant, o mielh sobreviu malgrat e bèla gràcias a divèrsas lengas majoras, o ben de circulacion mai ampla e de major prestigi (mas localment restrechas a la minorança cultivaa de la populacion): l’arabe clàssic (870-1248), lo latin, lo sicilian (1090-1530), l’italian (1530-1936) e l’anglés (dal 1800 a encuei). Introduch dai cavaliers de l’Òrdre de Sant Joan, l’italian es restat lenga oficiala bèla ental periòde britànic, defendua da la classa sabenta que lo consideràvon lor “lenga” (auta) e lor escut còntr l’anglicizacion totala, dal temp qu’encuei a lo ròtle de lenga d’entreteniment a travèrs la television (lo 25% d’audience en prima serada). Lo procès d’estandardizacion dal maltés es començat ental Set Cent (embe la produccion de gramàticas, diccionaris, òbras literàrias e tèxts escolàstics) qu’a abutit ental 1934 embe son elevacion al rang de lenga oficiala. Ental 2004 a agut sa consacracion internacionala embe l’adesion a l’Union Europea, que l’a reconoissut coma una de sas lenga oficialas.


Per apreciar la peculiaritat dal cas maltés chal l’observar dins lo quadre des autras islas dal Mediterrani, coma la Còrsica, la Sardenha, Elba, Capri, Pantelleria, Lampedusa e Djerba, qu’n pas subit l’extraordinari desvolopament demogràfic de Malta. En mai, masque a Malta l’idiòma local a rejonch un aut grat d’estandardizacion, joís de l’estatus de lenga oficiala e ven adobrat d’acostuma sus tot l’ax diamésic, malgrat l’estrechessa de la comunitat que lo parla. Baste mencionar lhi dui quotidians d’una quarantena de pàginas chascun, lhi tres canals televisius mai seguits e la vintena d’estacion radiofònicas e la produccion editoriala de centenas de debats parlamentars. A l’escòla la meitat des matèrias se mostra en maltés e l’autra meitat en anglés, lhi avís institucionals son bilíngues, la corrispondença embe lhi oficis públics e fins a mai lo bancomat a Google ofrisson una chausia entre las doas lengas oficialas.


Condividi