Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2014

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.134 Abril 2014

Elezioni comunali, regionali, europee: dare piena attuazione alla L. 482/99 e alle Direttive Europee
Questo chiediamo ai futuri eletti

Eleccions comunalas, regionalas, europeas: donar una plena actuacion a la L. 492/99 e a las directivas europeas
Aquò demandem ai futurs elejuts

di Ines Cavalcanti

Elezioni comunali, regionali, europee: dare piena attuazione alla L. 482/99 e alle Direttive Europee Questo chiediamo ai futuri eletti
italiano

Ognuno in questo mondo complicato e frenetico porta il suo granello di sabbia alla costruzione di una società secondo la sua visione del futuro e con il proprio lavoro quotidiano.

Io da anni porto il mio granello di sabbia, collaborando con enti, associazioni, ricercatori, innovatori, creativi, artisti, per l’affermazione di un messaggio semplice: “essere glocal nel mondo contemporaneo è un valore che fa la differenza per il futuro dell’umanità”. Non c’è contraddizione tra parlare l’occitano o il francoprovenzale o il walser e nel medesimo tempo apprendere l’italiano, l’inglese e se possibile una gran altra quantità di lingue. Quello che è importante e che si tribola molto a fare capire è che lo sradicamento dalla propria lingua crea uno spaesamanto, un non luogo del l’anima, proprio come sempre più spesso succede in chiave architettonica.

Capita sovente di sentire frasi fatte riguardanti il valore aggiunto della cultura e della lingua specifici dei nostri territori, ma ancora troppo spesso si percepisce che gli amministratori non sono veramente convinti di quello che dicono, non hanno introiettato dentro di sè l’importanza dell’argomento,

Eppure, se si riflettesse un po’ a fondo, ad oggi si potrebbe toccare con mano il valore aggiunto che hanno assunto e che stanno assumendo alcuni progetti coraggiosi che hanno alla base una filosofia di ragionamento sulla specificità della cultura occitana.

Ne è credo un fulgido esempio il Comune di Ostana, ma possiamo citare le Locande Occitane, i Percorsi occitani, la Carovana Balacaval, gruppi come Lou Dalfin, Lou Seriol, il lavoro culturale del Parco del Gran Bosco di Salbertrand, i Musei caratterizzati da materiali in lingua che li rendono preziosi come quello di Elva con la ricerca sui raccoglitori di capelli o quello degli Acciugai di Celle Macra....

E se andiamo a vedere dal punto di vista della comunicazione quanti articoli parlano delle Valli utilizzando il marchio Valli Occitane, territorio di lingua d’oc etc... e non possiamo obiettivamente far altro che constatare che rappresenta un elemento importante per il nostro futuro.

C’è poi alla base di tutto un concetto chiaro di coesione sociale. Il lavoro che da anni porto avanti con l’Associaizone Chambra d’oc, mira soprattutto a due principali obiettivi:

  1. Formare dei giovani che sappiano lavorare in modo professionale nel campo linguistico e culturale occitano e anche nel campo della lingua francoprovenzale

  2. Creare attraverso momenti collettivi condivisi coesione sociale

Nell’anno 2013 e in questo inizio del 2014, attraverso progetti promossi dalla Provincia di Torino e Imperia che hanno coinvolto più di 70 Comuni, progetti promossi dalla C.M. Alpi del Mare e dalle Valli del Monviso, abbiamo toccato in un tour linguisico e culturale un numero enorme di Comuni e in ognuno di essi abbiamo cercato di portare elementi condivisi di lingua e cultura con l’obiettivo di cementare insieme un possibile futuro. Abbiamo elementi per credere che il nostro lavoro sia utile e siamo disponibili a mettere a disposizione il nostro saper fare per la crescita dei territori in sinergia con gli enti che lo vorranno.

In questo la Chambra d’oc ha un percorso chiaro che non lascia spazio ad alcun dubbio: noi vogliamo che i territori crescano su questo specifico argomento e siamo disponibili a collaborare, a creare, a formare gruppi di lavoro, a realizzare. “La fè sens òbra mòrta es / La fede senza opera morta è” , la adottiamo senza esitazione come nostro motto.

Quello che vogliamo chiedere ai candidati alle elezioni comunali, regionali e europee è di perdere qualche minuto del loro prezioso tempo per approfondire in modo serio e preciso il tema delle “Minoranze linguistiche storiche in Piemonte”, tutelate dalla L. 482/99, da non confondere con la questione del piemontese che ha una sua dignità ma che ha una propria strada istituzionale e giuridica da seguire che non è la nostra.

Quello che vogliamo chiedere ai candidati è di inserire nel proprio programma un ragionamento di questo genere: l’ente che andrò a rappresentare si impegna a promuovere tutte le azioni utili a creare sinergia con gli Enti preposti per dare piena attuazione alla L. 482/99 “Norme a tutela delle minoranze linguistiche storiche” in ottemperanza all’art. 6 della Costituzione e alle Direttive Europee vigenti. Tenuto conto che le minoranze linguistiche storiche della Regione Piemonte occitana, francoprovenzale, walser e francese si trovano tutte in territorio montano sarà nostra cura tenere conto dei loro elementi linguistici e culturali caratterizzanti, in una programmazione complessiva per aree di interesse, per far si che questi elementi possano contribuire alla valorizzazione e allo sviluppo economico, sociale e culturale dei territori.

occitan

Chascun, en aqueste mond complicat e frenétic pòrta son granèl de sabla a la contruccion d’una societat second sa vision de l’avenir e embe son trabalh de chasque jorn. Mi depuei d’ans pòrto lo miu, en collaborant embe organismes, associacions, recerchaors, innovators, creatius, artistas per l’afermacion d’un messatge simple: “èsser glocal dins lo mond contemporàneu es una valor que fai la diferença per l’avenir de l’umanitat”. Lhi a pas de contradiccion entre parlar l’occitan o lo francoprovençal o lo walser e a l’encòp emprene l’italian, l’anglés e mai encara de lengas, se aquo’s possible. Çò qu’es important e que se trebula fòrt a far compene es que lo desraïsament da una lenga crea lo despaïsament, un non-luec de l’alma, parelh coma sempre pus sovent càpita decò en clau arquitectònica.

L’arriba sovent d’auvir de frasas fachas sus la valor ajonta de la cultura e de la lenga típicas di nòstri territòris, mas encara tròp sovent s’apercèb que lhi administrators son pas da bòn convençuts de çò que van disent, an pas introjectat dedins lor l’importança de l’argument.

Totun, se reflectem un pauc a fons, encara encuei se pòl truchar embe man la valor ajonta qu’an menat qualqui projècts coratjós qu’an a la basa una filosofia de rasonament sus l’especificitat de la cultura occitana. Un exèmple lampant es la comuna d’Ostana, mas polem citar las Locandas Occitanas, lhi Percors Occitans, la Carovana Balacaval, de grops coma Lou Dalfin, lo trabalh cultural dal Parc dal Grand Bòsc de Salbertrand, lhi musèus caracterizats da materials en lenga que hi rendon preciós coma aquel d’Elva, embe la recèrcha sus lhi reculhidors de pels, o aquel di anchoiers de Cèlas...

E se anem veire dal ponch de vista de la comunicacion, qué tanti articles parlon des Valadas en adobrant lo marqui Valli Occitane, territorio di lingua d’òc etc... e objectivament polem pas que constatar que representa un element important per nòstre avenir.

Lhi a puei a la basa de tot aquò un concèpt clar de coësion sociala. Lo trabalh que depuei d’ans pòrto anant embe l’associacion Chambra d’òc mira sobretot a dui objectius principals:

a – Formar de joves que sàpien trbalhar en aniera professionala dins lo champ linguístic e cultural occitan e decò de la lenga francoprovençala.

b – Crear de coesion sociala a travèrs de moments collectius partatjats.

Dins l’an 2013 e en aqueste començament dal 2014, a travèrs de projècts promoguts da la Província de Turin e d’Impèria qu’an implicat mai de 70 comunas, projècts promoguts da la C.M. Alpi del Mare e da las Valli del Monviso, avem tochat dins un torn linguístic e cultural un grand numre de comunas e en chascuna d’elas avem cerchat de trobar d’elements partatjats de lenga embe l’objectiu de cimentar ensem un avenir possible. Avem d’elements per creire que nòstre trabalh sie útil e sem disponibles a butar a disposicion nòstre saber far per la creissença di territòris en sinergia embe lhi orgnismes que lo volerèn.

En aicò la Chambra d’òc a n percors clar que laissa pas d’espaci a gis de dúbit: nosautri volem qu’aquesti territòris creissen sus aqueste específic argument e sem disponibles a collaborar, a crear, a formar de grops de trabalh, a realizar. “La fè sens òbra mòrta es”, l’adoptem sensa esitacion coma nòstre mot.

Çò que volem demandar ai candidats as eleccions comunalas, regionalas e europeas es de pèrder qualque minuta de lor temp preciós per aprofondir d’un biais seriós e precís lo tema des “minoranças linguísticas istòricas en Piemont2 tutelass da la lei 492/99, da ren confónder embe la question dal piemontes, qu’a una sia dignitt, mas qu’a una sia dralha institucionala e jurídica da seguir e qu’es pas la nòstra.

Çò que volem demandar ai candidats es d’inserir dins lor programa un rasonament d’aquesta sòrta: l’organisme qu’anarei a representar s’empenha a promòure totas las accions útilas a crear una sinergia embe lhi organismes prepausats per donar una plena actuacion a la lei 482/99 en obtemperança a l’art. 6 de la Constitucion e a las directivas europeas en vigor. Tengut còmpte que las minoranças en piemont se trobòn totas dins un territòri de montanha, nos prenerèm garda de considerar lors elements linguístics e culturals caracterizants, dins una programacion complexiva per àreas d’interès, per tal qu’aquesti elements pòlen contribuïr a la valorizacion e al desvolopament econòmic, social e cultural di territòris.


Condividi