Nòvas d'Occitània    Nòvas d'Occitània 2014

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.132 Febrier 2014

10 anni dalla scomparsa di Nuto Revelli "Lettera aperta per l’al di là"

10 ans da la desparicion de Nuto Revelli "Letra dubèrta per l'al delai"

di Ines Cavalcanti

10 anni dalla scomparsa di Nuto Revelli "Lettera aperta per l’al di là"
italiano

Caro Nuto

Non so bene dove ti trovi ora, ma a 10 anni dalla tua dipartita ti voglio scrivere questa lettera in mome dell’amicizia mia, di mia madre che è stata testimone nei tuoi libri “Il mondo dei vinti” e “L’anello forte”, dell’Associazione Chambra d’oc che mi ha accolta in questi ultimi decenni e mi ha permesso di continuare il lavoro ideale che avevo inziato negli anni settanta, in cui ci siamo conosciuti e frequentati. Ti voglio scrivere anche a nome dei miei due figli Peyre e Esteve e dei miei due nipoti Aimat e Danièl per inanzitutto ringraziarti della memoria che ci hai trasmesso.Più che mai quando hai dei figli che diventano adulti ti rendi conto dell’importanza di lavori che gente come te, come Primo Levi ed altri avete fatto sulla memoria.

Nei tempi che ci frequentavamo io ero molto impegnata in campo politico nel “Movimento Autonomista Occitano”. Erano gli anni in cui sognavamo che tutto potesse essere diverso e migliore, intorno a noi c’era un fermento, tutti avevano voglia di parlare, di confrontarsi, di crescere, l’idealità era molto alta. Nel medesimo tempo la speculazione edilizia imperava, le montagne si svuotavano, il tema della memoria sembrava un qualcosa di superfluo.

Allora io era giovane e anche a me il tema delle memoria non mi pareva poi così fondamentale, ma tu eri così appassionato, sentivi così tanto l’urgenza di raccogliree le testimonianze della guerra, le testimonianze dello spopolamento e della vita grama che i nostri montanari avevano fatto che, alla tua richiesta di aiutarti in questo compito mi sono mossa e ti ho accompagnato da diversi testimoni e sono rimasta li ad ascoltare le loro testimonianze.

Con tutti loro tu entravi immediatamente in empatia, si creava un clima di apertura al dialogo che faceva si che cose che mai erano state dette ad alcuno venissero svelate proprio in quella sede, davanti ai miei occhi stupiti.

Riuscivi a tenere dritta la barra del timone dell’idealità sentendo delle cose a volte terribili uscire dalla bocca dei testimoni senza esprimere il tuo giudizio, lasciandoli liberi di “confessarsi”, proprio a te che eri inderogabilmente un laico.

Con i tuoi libri hai reso memoria a tutti coloro di cui nessuno avrebbe mai scritto, di cui nessuno si sarebbe mai occupato.

Caro Nuto vorrei darti delle buone notizie sull’oggi ma purtroppo non sono in grado di dartele. Anche se ci sono dei segnali di ripresa da parte di giovani di buona volontà e di grande creatività un po’ in tutte le nostre montagne, la mancanza totale di una politica territoriale da parte delle istituzioni porta spesso a vanificare parte del lavoro intrapreso.

La politica è allo sfascio, la Regione Piemonte ha raggiunto in questi anni il punto più basso della sua programmazione e non parliamo della Provincia di Cuneo. Se tu vedessi com’è ora forse riusciresti perfino a rimpiangere il Presidente Falco!

Ora io mi occupo prevalentemente di lingua e di cultura occitana, non sono granchè presente in campo politico, Ho dovuto scegliere, non si può fare tutto e io non voglio che la mia lingua occitana muoia; eravamo in pochi a lavorare su questo tema e l’ho reso prioritario nella mia vita. Non me ne pento di questa scelta. Penso in questi anni di aver fatto un buon lavoro.

Sono particolarmente orgogliosa di aver, attraverso il mio lavoro, favorito la crescita di una classe nuova di giovani che credono nel futuro della lingua e della cultura d’oc e che lavorano per riportare attraverso il loro lavoro culturale coesione sociale ai territori. Premessa essenziale se si vuole che questi riprendano vitalità e intravedano un futuro.

Vorrei ricordarti dedicando ai lettori di Nòvas d’Occitània un brano reciato da Dario Anghlante tratto dal Cd de Lou Dalfin W.Jean D ‘L’Eiretto, pubblicato nel tuo libro “Il mondo dei vinti”.

Da un’intervista a Giovanna Giavelli, nata a Ferriere (Valle Stura), classe 1886:

MI PIACEVA VIVERE LASSÙ

Mi piaceva vivere lassù. L’aria era pura, l’acqua era buona. L’acqua era il nostro vino. Avevamo tutto ciòe che insieme si chiama libertà. Era come avere le ali. Qui al ricovero degli anziani mi sento un po’ come in prigione. La notte, quando sogno, sogno lassù. La mia casa, la mia prima casa, è una casa tutta nera, ma mi piaceva. Lassù l’aquila vola

occitan

Char Nuto,

Sai pas ben ente te tròbes aüra, mas a 10 ans da ta despartia te vuelh escriure una letra en nom de l'amistat mia, de ma maire, qu'es estaa testimòni dins ti libres “Il mondo dei vinti” e “L'anello forte”, de l'associacion Chambra d'òc, que m'a aculhia e m'a permés de continuar lo trabalh ideal qu'aviu començat enti ans setanta, quòra nos sem conoissuts e frequentats. Vuelh decò t'escriure a nom de mi filh Peyre e Esteve e mi nebots Aimat e Danièl per te remerciar d'abòrd de las memòria que nos as transmés. Pus que mai se as de filhs que venon adults e te rendes còmpte de l'importança de trabalhs que de gent coma tu, o Primo levi e d'autri avetz fach sus la memòria.

Enti temps que nos frequentàvem mi ero ben empenhaa dedins la política entwal Moviment Autonomista Occitan. Eron lhi ans ente sumiàvem que tot polguesse èsser diferent e melhor, a l'entorn de nosautri lhi avia un ferment, tuchi avion vuelha de parlar, de se confrontar, de créisser, l'idealitat era auta. Al mesme temp l'especulacion edilícia emperava, las montanhas se desvueidavon, lo tèma de la memòria semelhaa calquaren de sobrenc.

Enlora ero jove e decò a aquel tema me pareissia pas fondamental, mas tu eres tant apassionat, senties tant l'urgença de culhir las testimonianças de la guèrra, dal despoplament e de la vita grama que nòstra gent a fach, que a ta demanda de t'ajuar en aquel dever me siu bojaa e t'ai acompanhat da divèrsi testimònis e siu restaa aquí a escotar lor còntes.

Abo tuchi lor tu intraves súbit en empatia, se creava un clima de dubertura al diàlog que fasia que de causas pas jamai dichas venesson desvelaas pròpi en aquel luec, derant mi uelhs estupits. Arribaves a tenir drecha la barra dal timon de l'idealitat en avent de causas de bòts terriblas sensa exprímer ton judici, en lhi laissant libres de “s'avoar”, pròpi a tu qu'eres un laïc fach e finit. Abo lhi tiei libres as rendut memòria a tuchi aquilhi dont degun auria jámai escrich, dont degun se seria jamai ocupat.

Char Nuto, voleiru donar-te de bònas nòvas sus l'encuei, mas malaürosament puei pas te las donar. Bèla se lhi a de senhals de represa da part di joves de bòna volontat e de granda creativitat un pauc d'en pertot dins nòstras montanhas, la totala mancança d'una política territoriala da part des institucions mena sovent a r, ende van lo trabalh entreprés. La política es al desfais, la Region Piemont ent aquesti darriers ans a rejonch lo poch pus bas de sa programacion e parlem pas de la Província de Coni. Se veiesses coma es enquèi benlèu arribaries bèla a regretar lo president Falco!

Aüra m'ocupo mai que tot de lenga e de cultura occitana, siu pas tant presenta en cham polític. Ai degut chausir, én pòl pas far tot e mi vuelh pas que ma lenga muere; érem en gaire, a trabalhar sus aquel tèma e l'ai rendut prioritari dins ma vita. Regreto pas ma chausia, penso d'aver fach un bòn trabalh ent aquesti ans.

Siu particularament orgulhosa d'aver, atravèrs mon trabalh, favorit la creissua d'una nòva classa de joves que creon dins lo futur de la lenga e de la cultura occitana e que trabalhon per reportaruna coësion sociala di territòris. Una premessa essenciala s'én vòl qu'aquesti se revíscolen e entreveien un avenir.

Voleriu te recordar en dediant ai lectors de Nòvas d'Occitània un tòc recitat da Dario Anghilante tirart dal CD de Lou Dalfin “W Jan l'Eiretto, publicat dins ton libre “Ilmondo dei vinti”.


Da un'entrevista a Giovanna Giavelli, naissua a Ferrieras (Val d'Estura), classa 1886:


M'agradava viure ailamont.L'aire era bòna, l'aiga era bòna. L'aiga era nòstre vin. Aviam tot aquò que se butat ensema se sòna libertat. Era coma aver las alas. Aicí a l'espidal me sento un pauc coma en preison. La nuech, quora sumiu, sumiu ailamont. Ma maison, ma premiera maison, es una maison tota niera, mas totun m'agradava. Ailamont l'àigla vòla.”


Condividi