Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2013

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.122 Març 2013

Ma quanti sono gli Assedi di Cuneo? Un mistero che andrebbe risolto

Ma que tanti son lhi Sètges de Coni? Un misteri qu’anaria resolvut

di Gennaro Russo

Ma quanti sono gli Assedi di Cuneo? Un mistero che andrebbe risolto
italiano

Cuneo è conosciuta come La Città dei sette Assedi tanto è vero che, da moltissimi anni, una via cittadina è intitolata Via dei sette assedi, questa via si trova nel centro storico, è una traversa di Via Roma e porta a lato Stura; di fronte ha Via Teatro Toselli che porta a lato Gesso.

A riprova che la città è conosciuta come La Città degli Assedi una lapide con l’elenco degli “assedi” è posta dal 1955 all’esterno del Municipio di Cuneo, su Largo Audiffredi, ed è opera dello scultore Giovanni Battista Alloatti.

Su questa lapide troviamo la prima discordanza sugli assedi che ha subito la città di Cuneo, non sono sette bensì otto. Sulla lapide in lettere maiuscole è testualmente scritto: TESTIMONIANZA/DI EROICA/CIVICA VIRTU’/SOSTENUTI NEI SECOLI/DALLA CITTA’ DI CUNEO/PER LE SUE LIBERTA’:1515 GUERRA FRANCO SPAGNOLA/1542 GUERRA FRANCO SPAGNOLA/1557 GUERRA FRANCO SPAGNOLA/1639 GUERRA DEI TRENTANNI/1641 GUERRA DEI TRENTANNI/1691 GUERRA DELLA LEGA DI AUGUSTA/1744 GUERRA DI SUCCESSIONE AUSTRIA/1943 1945 GUERRA DI LIBERZAIONE

NEL DECIMO ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE/DELLA CITTA’.

Ma allora gli Assedi furono sette o più di sette?

Dai vari libri che ho letto ho notato che gli Assedi non furono sette ma addirittura dieci e sono questi:

1° Assedio dei Milanesi anni 1347-1348

2° Assedio degli Svizzeri, anno 1515

3° Assedio dei Francesi, anno 1542

4° Assedio dei Francesi, anno 1557

5° Assedio dei Franco-Piemontesi, anno 1639

6° Assedio dei Franco-Piemontesi, anno 1641

7° Assedio dei Francesi, anno 1691

8° Assedio dei Franco-Spagnoli, anno 1744

9° Assedio degli Austro-Russi, anno 1799

10° Assedio dei Tedeschi: 8 settembre 1943, 29 aprile 1945

Sulla lapide di Largo Audiffredi sono esclusi il 1° e il 9° dei dieci ipotizzati e sono: l’Assedio dei Milanesi anni 1347-1348 e l’Assedio degli Austro-Russi, anno 1799.

Nella mia Storia di Cuneo fino al 1801 pubblicata dalla Provincia di Cuneo nel 2001 insieme alla Storia dei Granatieri - può essere visionata gratuitamente su due siti www.frpassatorecuneo.magix.net e www.liberoviaggiatore.com - avevo considerato, dopo moltissime ricerche otto assedi:

Avevo escluso, come fanno molti storici, i primi due dei 10 assedi ipotizzati e cioè l’assedio dei Milanesi anno 1347-1348 e l’assedio degli Svizzeri dell’anno 1515.

Continuando le ricerche ho notato che su un libro che ha avuto vasta diffusione (di 108 pagine, dimensioni 260-190 mm, con bellissime foto) dal titolo Cuneo: La Città. L’Arte e la Storia con testi di Ilaria Aimonetto. stampato nel 1992 quando era Sindaco L’Ing. Giuseppe Menardi, gli assedi elencati sono sette ma diversi, sono stati esclusi tre:

Assedio dei Milanesi, anno 1347-1348.

Assedio dei Franco Piemontesi, anno 1641.

Assedio dei Tedeschi: 8 settembre 1943, 29 aprile 1945.

Passano pochi anni e un altro piccolo libretto dal titolo Cuneo in tasca di 82 pagine, anche questo con bellissime foto di formato (216-103 mm), stampato dalla Città di Cuneo, a centinaia di copie e tuttora distribuito gratuitamente, alle pagine 26 e 27 sono elencati otto assedi.

Sono gli stessi che ho elencato nella mia storia di Cuneo ma nello stesso libretto è specificato che gli assedi in realtà furono nove, ricordo che i testi sono del Professore Giovanni Cerutti. Non sono riuscito comunque a capire l’assedio numero nove, è probabile che sia l’Assedio degli Svizzeri dell’anno 1515, quindi dei 10 assedi ipotizzati è rimasto escluso il primo dei dieci assedi quello dei Milanesi, anno 1347-1348.

Anche nel bel libro, pubblicato lo scorso ottobre, dal titolo Nostra Signora della Misericordia, che narra la storia del Pilone Votivo situato nel muro di cinta della Villa Tornaforte di Madonna dell’Olmo nei pressi della Chiesa omonima, gli assedi elencati cambiano rispetto a quelli elencati sulla lapide posta all’esterno del Municipio di Cuneo.

Di questo prezioso libro, che va arricchire la biblioteca della Parrocchia di Madonna dell’Olmo, realizzato per la volontà della “Classe 1940” con i testi curati da Giovanna Cometto Spada, nelle note storiche sono elencati otto assedi.

Sono gli stessi assedi che è possibile trovare su internet Wikipedia ma va precisato che su questo prezioso mezzo di informazioni, gli assedi non sono numerati.

Gli assedi esclusi nel libro Nostra Signora della Misericordia e su Wikipedia, rispetto ai 10 assedi ipotizzati, sono il primo e l’ultimo: l’Assedio dei Milanesi anno 1347-1348 e l’Assedio dei Tedeschi: 8 settembre 1943, 29 aprile 1945.

Ho anche notato che analogamente a Wikipedia gli storici famosi che hanno scritto la storia di Cuneo, come ad esempio Ferdinando Gabotto che scrisse La Storia dei primi 700 anni di Cuneo e Aldo A. Mola nel libro Storia di Cuneo 1700-2000 si sono guardati bene a numerare gli assedi.

Sarebbe interessante se gli storici provassero, una volta per tutte, ad elencare i veri assedi che ha subito questa città e che se ne tenesse conto nei libri ed opuscoli che vengono ciclicamente stampati, ma nell’attesa di tutto questo continueremo a definire Cuneo la Città dei sette assedi?

gerusso@hotmail.com

occitan

Coni es conoissua coma la Vila di sèts Sètges tant que, da ben d’ans, una via ciutadina es titolaa Via dei Sette Assedi, aquesta via se tròba dins lo centre istòric, es una travèrsa de Via Roma e pòrta envèrs lo caire de l’Estura, de front a Via Teatro Toselli que pòrta envèrs lo Ges.

A confermar sensa ombra de dúbit que la vila es conoissua coma la Vila di sèt Sètges una peira abo la lista di Sètges es pendua dal 1955 al defòra de la Casa comuna de Coni, envèrs Largo Audifreddi, e es òbra de l’escultor Giovanni Battista Alloatti. Sus aquesta peira trobem lo premier desacòrdi sus lhi Sètges que regardon la vila de Coni, aquí son pas sèt mas uech.

Sus la peira en letras majusculas es parelh escrich: TESTIMONIANÇA/D’ERÒICA/CIVICA VERTUTS/SOSTENGUAS DINS LHI SÈCLES/DA LA VILA DE CONI/PER LAS SIAS LIBERTATS: 1515 GUÈRRA FRANC ESPANHÒLA/1542 GUÈRRA FRANC ESPANHÒLA/1557 GUÈRRA FRANC ESPANHÒLA/1639 GUÈRRA DI TRENT’ANS/1691 GUÈRRA DI TRENT’ANS/1691 GUÈRRA DE LA LEGA D’AUGUSTA/1744 GUÈRRA DE SECESSION D’AUSTRIA/1943-1945 GUÈRRA DE LIBERACION

DINS LO DESEN ANNIVERSARI DE LA LIBERACION DE LA VILA.

Mas alora lhi Sètges son estats sèt o mai de sèt?

Dins diferents libres ai vist que lhi Sètges son pas estats sèt ma ben de mai: es a dir 10 e son aquesti:

1 Sètge di Milanés an 1347-1348

2 Sètge di Soís an 1515

3 Sètge di Francés, an 1542

4 Sètge di Francés, an 1557

5 Sètge di Franc-Piemontés an 1639

6 Sètge di Franc-Piemontés, an 1641

7 Sètge di Francés, an 1691

8 Sètge di Franc-Espanhòls, an 1744

9 Sètge di Austriac-Rus, an 1799

10 Sètge di Tedèscs: 8 setembre 1943, 29 abril 1945


Sus la peira de Largo Audifreddi mancon lo 1er e lo 9em di dètz ipotizat e son: lo Sètge di Milanés an 1347-1348 e lo Sètge di Austriac-Rus, an 1799.

Dins la mia Storia di Cuneo fino al 1801 publiaa da la Província de Coni dins lo 2001 ensem a l’Istòria di Granatiers –en vision sus lhi sit www.frpassaorecuneo.magix.net e www.liberoviaggiatore.com - aviu considerat, après ben de recèrchas uech Sètges.

Aviu pas considerat, coma fan diferents istòrics, lhi premier dui di 10 sètges ipotizats, val a dir lo Sètge di Milanés an 1347-1348 e lo Sètge di Soís de l’an 1515. En continuant las recèrchas ai fach a ment que sus un libre qu’a agut una granda difusion (de 108 paginas, format 260-190 mm, abo de jòlias fotografias) entitolats Cuneo: la Città, l’Arte e la Storia abo tèxt d’Ilaria Aimonetto, estampat dins lo 1992 al moment qu’era Séndic L’Ing. Giuseppe Menardi, lhi sètges endicats son sèt ma ben diferents, tres lhi son pas:

Sètges di Milanés, an 1347-1348

Sètges di Franc-Piemontés, an 1641

Sètges di Tedèscs: 8 setembre 1943, 29 abril 1945

Passon qualqui ans e un autre pichòt libret dal titre Cuneo in tasca dal prof. Giovanni Cerutti de 82 paginas, decò aqueste abo jòlias fotografias, estampat da la Vila de Coni a centenas de coblas e donat gratuitament, a las paginas 25 e 27 son nomat uech sètges. Son lhi mesmes que ai nomat dins mon istòria de Coni ma dins lo mesme libret es especificat que lhi sètges en realitat son estats nòu. En tuchi lhi cas siu pas arribat a comprene lo sètges numer nòu, es probable que sie lo sètge di Soís de l’an 1515, parelh di 10 sètges ipotizats seria de fòra lo premier di dètz sètges, aquel di Milanés, an 1347-1348.

Decò dins lo jòli libre, publiat l’octobre passat, dal titre Nostra Signora della Misericordia, que contia l’estòria dal Pilon Votiu que se tròba dins lo mur d’encerclament de la maison Tornaforte de Madonna dell’Olmo dapè de la gleisa omònima, los numres de Sètges encara chambia en confront an aqueli escrichs sus la peira a l’exterior de la Comuna de Coni. Da aqueste preciós libre que vai enrichir la bibliotèca de la Paròquia de Madonna dell’Olmo, realizaa per la volontat de la “Classa 1940” abo tèxts de Giovanna Cometto Spada, dins la notas istòricas son elencats uech sètges. Son lhi mesmes sètges qu’es possible trobar sus internet Wikipedia mas chal dir que dins aqueste preciós mejan d’enformacion lhi sètges son pas numerats.

Lhi sètges que mancon dins lo libre de Nostra Signora della Misericordia e sus Wikipedia , en liòc di 10 ipotizat, son lo premier e lo derrier: lo Sètges di Milanés an 1347-1348 e lo Sètges di Tedèscs: 8 setembre 1943, 29 abril 1945. Ai decò vist que, coma fai Wikipedia, lhi estòrics famós que an escrich l’istòria de Coni, coma per es. Ferdinando Gabotto que escrivia La Storia dei primi 700 anni di Cuneo e Aldo A.Mola dins lo libre Storia di Cuneo 1700-2000 se son ben gardats de numerar lhi sètges.

Seria enteressant se lhi estòrics, provessen, un bòt per tuchi, a elencar lhi vers sètges que regardon la vila de Coni e que se ne’n tenesse còmpte dins lhi libres e las publicacions que de tant en tant venon estampats, mas en atendent es que continuarem a sonar Coni la vila di sèt sètges?

gerusso@hotmail.com


Condividi