Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2013

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.120 Genoier 2013

Georg Klotz: “Una vita per l’unità del Tirolo”- Benedetto Masi: “Introduzione poco riverente nel mondo dei Sudtirolesi”

Georg Klotz: “Una vita per l'unitat dal Tiròl” - Benedetto Masi: “Introduccion pauc amusanta dins lo mond di Sudtirolés”

Due pubblicazioni che ci aiutano a conoscere meglio la storia e la società sudtirolese.

A cura di Alessandro Michelucci

Georg Klotz: “Una vita per l’unità del Tirolo”- Benedetto Masi: “Introduzione poco riverente nel mondo dei Sudtirolesi”
italiano

"Una vita per l’unità del Tirolo"


L'editore Effekt! di Egna/Neumarkt (Bolzano) ha pubblicato un libro di eccezionale interesse, che colma un vuoto nella pubblicistica italiana: Georg Klotz: Una vita per l'unità del Tirolo (pp. 360, € 19). Scritto da Eva Klotz, la prima dei sei figli di Georg, il volume è l'edizione italiana di "Georg Klotz. Freiheitskämpfer für die Einheit Tirols" (Molden, Graz 2002). La traduzione è di Nerio De Carlo. Il volume ripercorre in modo dettagliato la vita di Klotz, figura centrale dell'attivismo indipendentista sudtirolese.

Il fatto che questa stagione politica sia stata consegnata alla storia con l'etichetta di "terrorismo" non dovrebbe comunque farci dimenticare una cosa molto importante. Se noi pensiamo al terrorismo espresso da alcune minoranze europee nell'ultimo mezzo secolo, i primi casi che vengono in mente sono quello basco e quello nordirlandese. Entrambi hanno lasciato dietro di sè una lunga scia di sangue. Klotz e gli altri separatisti sudtirolesi degli anni Sessanta, al contrario, facevano saltare i tralicci dell'alta tensione: una scelta che naturalmnte può essere contestata, ma che non può essere equiparata alla logica omicida degli altri. Fu stato soltanto in una seconda fase, in seguito all'infiltrazione di alcuni neonazisti austriaci e tedeschi, che la genuinità delle proteste originarie venne compromessa e accantonata. Ci furono dei morti, ma Georg Klotz non uccise nessuno.

Inoltre, cosa che molti omettono o ignorano, bisogna ricordare che l'Italia si comportò in modo vergognoso, rifiutando a lungo di attuare il patto De Gasperi-Gruber che era stato firmato nel 1946. Fu necessario l'intervento dell'ONU perché il governo di Roma cambiasse atteggiamento.

Comunque la si pensi, la figura di Georg Klot merita il massimo rispetto: mosso da ideali sinceri, mai compromesso con il potere politico, è morto esule in Austria nel 1976.

La lettura di questo libro stimola quella riflessione sul tema che in Italia non è stata mai fatta, anche perchè il contesto sudtirolese non poteva esercitare il richiamo antifascista che invece si sarebbe manifestato pochi anni dopo per popoli soggetti alla dittatura (i Baschi con la Spagna franchista) o al colonialismo classico (i nordirlandesi).

Scritto con inevitabile coinvolgimento emotivo, ma sempre fedele ai fatti, il libro ci aiuta a comprendere un momento importante della storia recente, distorto o cancellato da quasi tutti i media italiani.

Per altre informazioni:

www.effekt.it popoli@ecolnet.bz



"Introduzione poco riverente nel mondo dei Sudtirolesi"


Ignorati da molti italiani, conosciuti da molti altri attraverso stereotipi ridicoli o grotteschi, i 300.000 germanofoni del Sudtirolo/Alto Adige sono diventati finalmente oggetto di un ritratto accurato e impietoso grazie a Benedetto Masi, autore del libro Introduzione poco riverente nel mondo dei Sudtirolesi (Arca, Lavis [Trento] 2012, pp. 238, € 12).
Opera insolita e stimolante, il volume guida il lettore attraverso un viaggio che tocca tutte le caratteristiche della società sudtirolese, senza dimenticare quelle poco note al di fuori dei confini regionali.

Dalle annose questioni linguistiche allo sport, dalle amministrazioni locali allo sfruttamento delle risorse ambientali e paesaggistiche, Masi demolisce in modo garbato ma deciso i tanti luoghi comuni che circolano su questa regione e sulla minoranza germanofona che la abita. Un libro acuto, intelligente, indispensabile per capire questa realtà socioculturale di confine.

Benedetto Masi, nato nel 1957, vive a Bolzano, dove lavora come ricercatore.

Per altre informazioni:

Edizioni Arca, tel. 0461-245540

occitan

"Una vita per l'unitat dal Tiròl"


L'editor Effekt! De Egna/Neumarkt (Bolzano) a publicat un libre d'excepcional interès, qu'emplís lo vueit dins la publicística italiana: Georg Klotz: Una vita per l'unitat dal Tiròl (pp. 360, € 19). Escrich da Eva Klotz, la premiera di sieis filhs de Georg, lo volum es l'edicion italiana de "Georg Klotz. Freiheitskämpfer für die Einheit Tirols" (Molden, Graz 2002). La revirada es de Nerio De Carlo. Lo volum torna percórrer d'un biais detalhat la vita de Klotz, figura centrala dins l'activisme indipendentista tirolés.

Lo fach qu'aquesta sason política sie estaa consenhaa a l'istòria embe l'etiqueta de “terrorisme” deuria pas totun nos far desmentiar una causa ben impotanta. Se pensem al terrorisme exprimut da cèrtas minoranças europeas dins lo darrier metz sècle, lhi premiers cas que venon son aquel basc e aquel nord irlandés. Ambedui an laissat darreire lor una lònja traça de sang. Klotz e d'autres separatistas sudtirolés de lhi ans Seissanta, al contrari, fasion sautar lhi pals de l'auta tension: una chausia que naturalament pòl èsser contestaa, mas que pòl pas èsser equiparaa a la lògica omicida de lhi autri. Es estat masque dins una seconda fasa, après l'infiltracion de qualqui neonazistas austriacs e tedescs, que la genuinitat de las protèstas originàrias es estaa compromesa e acantonaa. Lhi a agut de mòrts, mas Georg Klotz a pas maçat degun.

En mai d'aquò, causa que tanti ometon o ignòron, chal recordar que L'Itàlia s'es comportaa d'un biais vergonhós, en refusant a lòng d'actuar lo pact De Gasperi-Gruber qu'era estat sinhat ental 1946. A chalgut l'intervent de l'ONU perque lo govèrn de Roma chambiesse actituda. Coma qu'én la pense, la figura de Georg Klotz mérita lo màxim respèct: mogut da d'ideals sincèrs, jamai compromés embe lo poder polític, es mòrt exiliat es Àustria ental 1976.

La lectura d'aqueste libre estímula aquela reflexion sal tèma qu'en Itàlia es pas jamai estaa facha, mesme perque lo contèxt sudtirolés polia pas exercitar lo recham antifascista que al contrari se seria manifestat pauc d'ans après per lhi pòples subjècts a dictatura (lhi bascs embe l'Espanha franquista), o al colonialisme clàssic (lhi nord ilandés).

Escrich embe un evitabla partecipacion emotiva, mas totjorn fidèl ai fachs, lo libre nos ajua a comprene un moment important de l'estòria recenta, destòrt o cancelat da esquasi tuchi lhi media italians.

Per d'autras informacions:

www.effekt.it popoli@ecolnet.bz




"Introduccion pauc amusanta dins lo mond di Sudtirolés"


Ignorats da ben d'italians, conoissuts da ben d'autri a travèrs d'estereòtips ridículs o grotèscs, lhi 300.000 germanòfons dal Sudtiròl son devenguts finalament objèct d'un retract menimós e despietós gràcias a Benedetto Masi, autor dal libre Introduzione poco riverente nel mondo dei Sudtirolesi (Arca, Lavis [Trento] 2012, pp. 238, € 12).

Òbra inacostumaa e estimulanta, lo volum guida lo lector a travèrs un viatge que vai tochar totas las características de la societat sudtirolesa, sensa eissubliar aquelas gaire conoissuas en defòra des frontieras regionalas.

Da las vielhas question linguísticas a l'espòrt, da las administracions localas a l'esfruchament de las ressorsas ambientalas e dal païsatge, Masi demolís d'un biais delicat mas decís lhi tanti luecs comuns que viron sus aquesta region e sus la minorança germanòfona que l'abita. Un libre agut, intelligent, indispensable per comprene aquesta realitat socioculturala de frontiera.

Benedetto Masi, naissut ental 1957, viu a Bolzano, ente trabalha coma recerchaire.

Per d'autras informacions:

Edizioni Arca, tel. 0461-245540




Condividi