Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2012

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.116 Setembre 2012

“L’era pé jo ben bel issì”

“L’era pé jo ben bel issì”

di Luca Quaglia

“L’era pé jo ben bel issì”
italiano Il libro si presenta attraverso l'introduzione del professore Lucio Monaco, figlio dell'autore, che ci fa scoprire i testi partendo dalla biografia di suo padre. Figlio di gente della valle, Giovanni Monaco ha fatto studi classici e si è laureato in Greco. Partigiano, durante la seconda Guerra Mondiale, ha fatto il professore di lettere ad Aosta. Anche se ha passato la sua vita lontano dalla sua valle, a Valloriate ritornava spesso nelle sue vacanze, e nel suo paese a collaborato con la Voüs d’la famija valouriana, rivista dalla quale sono stati tratti i racconti e le poesie presenti in questa pubblicazione, con la bella traduzione di Alessandro Monaco.
Il libro è interessante sia dal punto di vista letterario -racconti e poesie hanno una freschezza vibrante, nella parlata della borgata del versante solatio, senza influenze alla provenzale come accadeva sovente un tempo nei “etnotesti” delle valli- sia da quello linguistico, l'opera è infatti arricchita da un'esaustiva analisi filologica e linguistica condotta dal curatore. Non sono poche le pubblicazioni in lingua d'oc della Valle Stura, e in quest'opera sono presenti delle forme lessicali oramai perdute o modificate nelle parlate odierne. Bisogna anche dire che persino un semplice appassionato di lingua occitana qui troverà un lieto regalo. Negli scritti di Monaco, si trovano delle particolarità fonetiche interessanti e, grazie al cd-rom allegato, è anche possibile ascoltare la parlata di Valloriate dalla voce di Barbara Brunetto, mentre le immagini di bellissimi paesaggi -scelti secondo una correlazione tematica ai testi che accompagnano- permettono di conoscere il territorio che ha ispirato l'autore.
“L’era pé jo ben bel issì”, edizioni Araba Fenice
occitan

Lo libre se presenta abo l’introduccion del prof. Lucio Monaco, filh de l’autor, que nos fai descubrir lhi tèxts en partent da la biografia de son paire. Filh de gent de la valada, Giovanni Monaco a fach d’estudis clàssic e al s’es laureat en Grèc. Partisan, pendent la IIª Guèrra Mondiala, al a fach lo professor de letras a Aosta. Decò se sa vita era lunh de sa valada, a Valauria al retornava sempre dins si moments libres, e al país al a collaborat a la Voüs d’la famija valouriana, revista d’ont son pilhaas las còntias e las poesias presentaas dins aquesta publicacion, abo las bèlas traduccions de Alessandro Monaco.
Lo libre es interessant sie dal ponch de vista literari –còntias e poesias an una freschor ben viva, dins lo lengatge de las ruaas de l’endrech, sensa d’influenças a la provençala coma l’arribava sovent un temp, dins lhi “etnotèxts” de las valadas– sie da aquel linguístic, que l’òbra es decò enrichia da un’exaustiva anàlisi filològica e linguística menaa dal curator. Las son pas gaire las publicacions en lenga d’òc de la Val d’Estura, e dins aquest’òbra son presentas de formas lexicalas aüra perduas dins las parladas d’encuei o modifiaas. La chal decò dire que fins un simple apassionat de la lenga occitana aicí trobarè son regal. Dins lhi escrichs de Monaco, se tròbon de particularitats fonèticas remarcablas, e, mercés lo cd-rom annèx, l’es decò possible escotar la parlada de Valàuria da la votz de Barbara Brunetto, mentre las imatges de bèls païsatges –chausias segond una correlacion temàtica ai tèxts que companhon– permeton de conóisser lo terraire qu’a inspirat l’autor.
“L’era pé jo ben bel issì”, edicions Araba Fenice. 12 euros.


Condividi