Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2018

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.182 Novembre 2018

AMPAI:-06 – Rubare la voce .
Leggi, ascolta, immagina. Frammenti di un mondo vivo.

AMPAI:-06 – Rubà la veus.
Lès, scouta, imagina. Toc d’ën mound vìou.

La musica tradizionale e il contesto culturale di una piccola comunità alpina di minoranza linguistica francoprovenzale, le Valli di Lanzo (TO)
di Flavio Giacchero. Traduzione di Teresa Geninatti Chiolero

AMPAI:-06 – Rubare la voce . Leggi, ascolta, immagina. Frammenti di un mondo vivo.
italiano

Questa testimonianza compare anche nel film documentario Lou soun amis – Il suono amico che ho realizzato insieme a Luca Percivalle e in quel caso, insieme alle parole, sono anche sguardi e gesti a dare significato. Il tema della musica e del canto nella guerra è anche occasione per citare un libro da poco pubblicato Al rombo del cannon, grande guerra e canto popolare di Franco Castelli, Emilio Jona e Alberto Lovatto alla cui realizzazione, per quanto riguarda i documenti sonori allegati, ho avuto il piacere di collaborare e da cui è tratto uno spettacolo musicale del gruppo Blu l'azard.

La giovane età degli intervistati è testimonianza della vitalità di questa lingua, per quanto minoritaria, e del contesto culturale ad essa inscindibile.

Traduzione della registrazione

Io so che durante la guerra mio nonno qui di Vrù per partire si è preso la fisarmonica, che è un peso non indifferente, eppure una volta tra tutti... gli piaceva la musica... e l'ha usata, ce l'ho ancora adesso, tutta distrutta. È partito con la fisarmonica ed è tornato con la fisarmonica e ha fatto la guerra con la fisarmonica.

Una volta, un aneddoto che mi ha raccontato mio zio, a cantare, lui ha pochi anni di differenza da Ciano... erano quella squadra lì che cantavano da ragazzi, gli ha preso la voce e ha rischiato di prendersele! Ognuno faceva la sua voce e guai a copiarla. E suonare anche, quelli che di solito fanno i primi o i secondi e poi anche negli accompagnamenti che comunque non è una parte impegnativa cerchi sempre di fare la stessa nota no, se senti che uno fa una nota tu ne fai un'altra. Cambia un po' e l'armonia rimane più bella.

Diciamo che quando suoni, in genere, ormai le squadre che sono affiatate, ognuno più o meno sa già che attacca la sua [sottinteso musica, ndr.] e uno non attaccherà mai quella suonata lì che sa già che è lui che la farà prima o poi. E poi come nelle courende [la danza tradizionale locale, la corrente, ndr.] si alternano le parti no, un po' ai clarini, un po' alle trombe. Per dire, io so già che magari una sera che andiamo lì per suonare prima che sia finito faccio le mie due o tre che conosco e gli altri se sono lì presente lo sanno e non le attaccano ma non perché io lo vieto... regole non scritte via e io lo stesso. Quella che suonerà un altro non la suono io.

Una volta, sceso da san Domenico [santuario in montagna in cui si tiene un'antica festa annuale, ndr.], il trombone è partito giù per le rive, avevo bevuto un po', però non mi sono mai fatto male. E quella volta là, sempre a san Domenico, siamo venuti giù tutto suonando, e pioveva pure forse... non so più cosa faceva... abbiamo sempre suonato, sempre suonato.

Testimonianza di Davide Genotti Ceschìn (1991), Cantoira Vrù, 2012. E' presente e partecipa Andrea Ravicchio (1989).

Il tempo del vivere è una sorta di presente costante. Il passato narrativo cioè non è mai così lontano dal presente. Si tratta più di un qui e ora sempre.

Aneddoti, storie, racconti che si rigenerano ogni volta che vengono citati, in cui labile è il confine tra reale e immaginario ma sempre suscitano l'impressione di qualcosa di significativo e la forza della narrazione ci pone davanti a qualcosa di vero. Un flusso narrativo formulare che è innanzitutto suono ma anche un caleidoscopio di immagini da cui attingere e riformulare. Un guardare (in greco skopèo) delle figure (aîdos) in cui l'essenza è il bello (kalòs) e un restituire altrettante forme per comunicare, condividere frammenti esistenziali. È un mondo che sorride, anche nel dramma, è un mondo gentile. La guerra è guerra reale ma è anche luogo mitizzato, un'immagine impressa nei canti. La guerra è un luogo e ogni luogo può risuonare di musica. Portando la musica con sé si porta un mondo intero. Indubbio il potere apotropaico della musica e il beneficio che si prova con ciò che la musica richiama. In questa cultura la voce si può rubare e per questo la voce nella musica non solo è forte presenza esistenziale ma rappresenta anche un'identità individuale. Si tratta quindi di un delicato rapporto di equilibri tanto musicali quanto sociali. All'interno di un contesto musicale tradizionale seguire un ordine prestabilito non è limitativo, favorisce la creatività e permette che si realizzi un suono, un'estetica a cui si tende. È un riconoscersi dunque. Una musica che appartiene alle persone prima ancora che a un luogo ma che appartiene a quelle persone che vivono in quel luogo. Qualcosa di personale, un suono distintivo che indica presenza e si lascia spazio affinché essa possa rivelarsi.

La musica che fa uso del tempo per manifestarsi e una società che trova anche in quel tempo una via per testimoniare la propria esistenza. In questa fugacità si trova una sorta di consapevolezza e di leggerezza. Una società che usa il suono per dare spazio alla propria presenza, individuale e collettiva. Una durata limitata ma che ritorna. Un eterno ritorno in cui le varie voci per un attimo esistono e si incontrano in quel mondo che già conoscono, perché appartiene loro, e che in fondo sanno che ha qualcosa di infinito. In quel momento la propria voce, che sia strumentale o vocale, è importante e ha senso in un determinato ordine. Un ordine che permette il raggiungimento di una specifica estetica. Solo in quel modo, per quella breve durata, tutto vibra, insieme e si ha l'impressione di partecipare a quell'infinito.

Questo paesaggio è un ambiente prettamente alpino in cui ogni vetta ha un nome e nella sua immobilità costantemente si trasforma con il cambio delle stagioni ed è in un piccolo gruppo di persone che cantano e che suonano in qualche suo luogo che tutto risuona.


Fotografia: Flavio Giacchero.

Il falò e la luna (2017).

©

http://www.instagram.com/p/BWnK6nFgBfU/?taken-by=flaviogiacchero

franco-provenzale

Sta testimouniënsi è coumparët ëd co ënt ‘oou film documentari “Lou soun amis –Il suono amico” que j’ai realizà ënsembiou a Luca Percivalle é ën se cazo lai, ënsembiou a lë parolë, è i eu ëd co ëd zgouard é gest për dounà sinhificà.

La joueun età ëd lh’ëntervistà è i ëst testimouniënsi ëd la vitalità ëd ‘sta lenga, bele se ëd minourënsi, é doou countest coultural a sitta groupà.


Registrasioun

Testimouniënsi ëd Davide Genotti “Ceschìn” (1991), Quëntoira Vrou, 2012. Ou i ëst prezent é ou partechipët ëd co Andrea Ravicchio (1989).


Lou ten doou vivri ou i ëst ‘në spechë ëd coustant present. Lou pasà naratiou ou t’istà mai si lounh daou present. Ès tratët d’ën eiquì é oura sempër.

Aneddoti, storië, countë cou s’ rinovount onhi vì cou vinhount countà, ëndoua ou i ëst labile lou counfin tra lou real é l’imaginari ma sempër ou soushitount l’ëmpresioun ëd quërcoza ëd sinhificatiou é la forsi dla narasioun ou nou butët ëdvant a quërcoza ëd vè. Ën flous naratiou cou i ëst pruma ëd tout soun ma ëd co caleidoscopio ëd imagini da pìi é riformulà. Ën vardà (ën grec skopeo) ëd figurë (aîdos) ëndoua l’esensi ou i ëst lou bel (kalòs) é ën restitouì aoutretantë foueurmë për coumunicà, coundividri toc d’ezitensi. Ou i ëst ën moundou cou sourit, ëd co ënt ‘oou drama, ou i ëst ën moundou gentil. La gouera è i ëst gouera vera ma ëd co post mitic, n’imaginë stëmpaia ënt li chant. La gouera è i ëst ën post é tui’ li post ou peuvount ërsounà ëd muzica. Pourtënsë drè la muzica ès portët ën moundou ëntieur. È i eu nhun dubi soou potere apotropaico dla muzica é lou beneficho cou s’ provët a to la muzica. Ënt ësta coultura la veus ès peut rubà é për sën la veus ënt la muzica è i ëst nhint mëc ‘na fortë prezensi ezistensial, ma è raprezentët ëd co n’identità individouala. Ès tratët di fati d’ën dlicà raport d’ecouilibri nhint mëc muzical ma ëd co souchal. Dëdin a ën countest muzical trëdisiounal segouì n’ourdin prestabilì ou i ëst nhint limitatìou, ma ou favoureit la creatività é ou permetët ëd fà vinì fora ën soun, n’estetica da councouistà. Ou i ëst, couindi, ën ricounhuse. ‘Na muzica que è i ëst ëd lë persounë pruma ancoù quë d’ën post, ma qu’è i ëst ëd lë sellë persounë cou istount ën se post. Quërcoza ëd persounal, ën soun distintìou ou moustrët ‘na prezensi é ou s’ lasët lë spasi për pouè rivelasë.

La muzica que è drouvët lou ten për manifestase é ‘na suchetà qu’è trovët ëd co ën se ten ‘na vì pë testimounià la soua prezensi. Ënt ‘ësta fougachità ès treuvët ‘në speche ëd counsapëvoulëssi é ëd lëgërëssi, ‘Na souchetà qu’è drouvët lou soun për dounà spasi a la soua prezensi, individoual é couletia. ‘Na dourà limitaia qu’è tournët. N’eterno ritoueurn ëndoua ël diversë veus për ën moumënt ezistount é ou s’ëncountrount ën se moundou cou counhusount geu, përqué ou i ëst lour, é que a la fin ou sont qu’è i eu quërcoza d’ëndefinì. Ën se moumënt la veus, strumental o vocal, è i ëst ëmpourtanta é è i eu ën sens ënt ën determinà ourdin. N’ourdin cou permetët lou rajoungimënt ëd ‘na spechifica estetica. Mëc ënt ësta maneri, për sëlla quitiva douraia, tout ou vibrët ënsembiou é ou s’eu l’ëmpresioun ëd përtechipà a se ënfinit.

Stou paezajou ou i ëst n’ambient ëlpin ëndoua onhi pounta è i eu ën noum é ënt la soua imobilità ou s’ trasfourmët coustantemënt a to lou quëmbi ëd lë stëjoun é è i ëst ënt ën quitì grouppo ëd persoune cou chantount é cou sounount ën quërqui post que tout ou risounët.




Condividi