Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2013

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.121 Febrier 2013

Parole in musica e Viaggio nelle danze dell’Occitania

Paraulas en música e Viatge dins las danças de l’Occitàn

Parole in musica e Viaggio nelle danze dell’Occitania
italiano

Un ciclo di incontri e un corso dal mese di marzo presso l’APM di Saluzzo a cura del Dipartimento di Musica e Cultura Occitana

Il mese di marzo presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo il Dipartimento di Musica e Cultura Occitana organizza due cicli di incontri dedicati alla musica e alla danza. Il primo di intitola “Parole in musica”, è un ciclo di 8 incontri sulla musica occitana e intende dare una panoramica della varietà di proposte che su questo argomento vengono offerte da creativi di diverse provenienze e motivazioni. La caratteristica principale della rassegna è che intende dare spazio alle parole che accompagnano la musica, parole della tradizione, parole della nuova composizione.

Questo corso si tiene sempre di venerdì dalle ore 21 ed inizia il primo di marzo con una lezione introduttiva su elementi di etnomusicologia, una introduzione alla storia e al funzionamento degli strumenti della musica occitana con la docenza di Flavio Giacchero. L’8 marzo sarà la volta di Dino Tron che presenta e commenta il film “Bodega buf de vida: la cornamusa del Languedoc” di Sophie Jacques. Il lavoro è frutto di una lunga ricerca, racconta la storia di questo strumento emblematico della Montagna Nera che accompagna le pene e ritma le gioie e i grandi avvenimenti della vita di questo luogo. Il terzo appuntamento della rassegna è il 15 marzo e presenta il lavoro discografico del gruppo La Mesquia, un progetto musicale che applica la nuova composizione alle danze della tradizione occitana. Tra i componenti del gruppo Remo Degiovanni ha composto parecchi nuovi testi e sarà interessante sentire il suono della lingua contemporanea che accompagna testi ballabili.Il 22 marzo toccherà al gruppo varaitino Trigomigo che presenta un interessante lavoro di reinterpretazioni di testi tradizionali della Valle tra cui i celebri “Barbo Tisto Pasquer” di Batistin Galion di Bellino e “Vouai que rigoulado!”attribuito a Barba Bernardin Levet, tutti e due di Bellino.

Il mese di marzo è terminato e già abbiamo messo nel nostro bagaglio di ascoltatori un buon numero di conoscenze diversificate legate al mondo delle composizioni musicali in lingua occitana. Magari qualcuno si è già appassionato, un’emozione nuova gli ha sfiorato il cuore e forse presto si metterà anche lui a creare nella lingua d’oc.

La rassegna prosegue il cinque aprile con Dario Anghilante che presenta il compositore Masino Anghilante. Nato a Sampeyre Masino Anghilante è stato il primo compositore moderno in lingua occitana delle nostre valli. Tutto inizia nel 1962 con “Charamaio mai” e ha continuato fin ai giorni nostri con decide di composizioni. Autore riconosciuto e insignito tra l’altro nel 2006 del prestigioso premio Testimoni della Cultura Popolare.

Il 12 aprile sarà la volta di Aire de Prima che accompagnerà il pubblico in un viaggio alla scoperta del canto occitano e delle canzoni più significative del suo repertorio da “ Sem montanhòls” a “Arieja mon país” da “Adius a la Val d’Aran” a “Sem mai de prima”. E’ stato il gruppo testimonial de “L’Occitània a pè” e dell’appello “Lenga d’òc patrimòni mondial de l’Umanitat”. Il 19 aprile per contro la rassegna si rivolgerà ad un territorio e ad una comparazione musicale più vasta con la presentazione del libro di Marco Stolfo “Occitani, Friuli, Europa: la mia lingua suona il rock” e del cd che lo accompagna. E’ una serata davvero imperdibile dedicata a tutti coloro che vogliono capire meglio il fenomeno della nuova musica occitana collegata ad un fenomeno che ha accompagnato il percorso di altri territori quali ad esempio quello friulano. E si arriva così il 3 maggio alla fine del ciclo di incontri con Simone Lombardo e La Ramà che presentano “Mascharias”: la nuova creazione occitana, comporre e musicare una leggenda, la nascita di una narrazione sonora.

E passiamo al corso “Viaggio nelle danze dell’Occitania”. Si terrà tutti i lunedì ad iniziare dal 4 marzo dalle ore 20,30 alle ore 22 con gli insegnanti: Flora Sarzotti e Mario Proietto dell’Associazione J O’Leari di Torino e con il musicista Gabriele Ferrero. Il corso è rivolto a tutti quelli che amano il ballo folk e che desiderano approfondire la conoscenza del ricco e vario patrimonio di danze di alcune regioni dell’area occitana in Italia e Francia. L’intento è quello di esaminare alcune delle più belle e conosciute bourrées del Berry e dell’Auvergne con un lavoro sulle coreografie e sullo stile, alcuni rondeus della Guascogna, studio di branles, rondas e rondeus, il rigodon del Delfinato. Verranno anche prese in considerazione le danze della Valle Varaita e del Delfinato. Il corso vuole anche mettere in relazione queste danze con la storia della danza in Europa, evidenziando connessioni e divergenze esistenti. Un lavoro affascinante che prende in considerazione quindi anche delle danze antiche per mostrare come ci sia sempre stata una sorta di dialogo e di scambio tra il mondo delle danze “colte” e quello delle danze “popolari” nonostante le evoluzioni diverse che hanno avuto i due ambiti.


Informazioni: Apm tel. 0175.47031
apm@scuolaapm.it

Gabriele Ferrero: 3474184372

occitan

Dal mes de març, de rescontres e un cors en aquò de l’APM de Saluce sus iniciativa dal Dipartiment de Música e Cultura Occitana


Lo mes de març, en aquò de l’Escòla d’Aut Perfecionament Musical de Saluce, lo Dipartiment de Música e Cultura Occitana organiza doas serias de rescontres dediats a la música e la dança. Lo premier blòc se sòna “Paraulas en música”: 8 rescontres sus la música occitana per presentar una panoràmica de las varietat de propòstas que sus aquel argument son venguas fòra e son ufèrtas da creatius de diferentas provenenças e motivacions. L’objectiu es de donar luea a las paraulas que se marion a la música, paraulas de la tradicion, paraulas de la novèla creacion.

Lo jorn dediat an aquò es lo venres a 9 oras de sera en prencipiant da lo 1 de març abo un rescontre d’introduccion sus l’etnomusicologia: istòria e foncionament de lhi instruments de la música occitana, e serè tengut da Flavio Giacchero. L’8 de març serè animat da Dino Tron per presentar e comentar lo film “Bodega buf de vida: la cornamusa del Languedoc” de Sophie Jacques. Es un trabalh fruch d’una lònja recèrcha e cònta l’estòria d’un intrument símbol de la Montanha Nègra qu’acompanha las penas e lhi grands aveniments de la vida d’aquel luec. Lo tresen rescontre es per lo 15 de març e presenta lo trabalh dal grop La Mesquia qu’es aquel de maridar de novèla creacion literària a las danças tradicionalas occitanas. Entre lor Remo Degiovanni a escrich e escriu de tèxts e serè interessant auvir aquela lenga d’encuei sus las danças d’ier. Lo 22 de març es lo grop varachenc Trigomigo que presenta un interessant trabalh de reinterpretacion de chançons tradicionalas coma “Barbo Tisto Pasquer” de Batistin Galiòn e “Vouai que rigoulado!” atribuït a Barba Bernardin Levet, tuchi dui de Belins.

Aquò per lo mes de març e n’avem já pas mal dins nòstre bersac, de conoissenças sus aquel tèma de la creacion liaa a la música occitana. Benlèu, an aquesta mira, qualqu’un es já estat tochat da l’emocion e s’es apassionat en pilhant la vuelha d’escriure e crear en nòstra lenga d’òc.

Mas l’iniciativa vai anant lo 5 d’abril abo Dario Anghilante que presenta lo compositor Masino Anghilante, son paire, qu’es de Sant Peire e es estat per lhi temps modèrns lo premier dins nòstras valadas a far de chançons en lenga d’òc. Tot comença ental 1962 abo “Charamalha mai” e vai anant fins a lhi nòstri jorns abo desenas e desenas de composicions. Un autor reconoissut e premiat entr’autre coma Testimòni de la Cultura Populara ental 2006.

Lo 12 d’abri lhi aurè Aire de Prima per un viatge a la decubèrta dal chant melòdic de l’Occitània tota: da “ Sem montanhòls” a “Arieja mon país” da “Adius a la Val d’Aran” a “Sem mai de prima”. Es estat aquel lo grop testimòni de “L’Occitània a pè” e de l’apèl “Lenga d’òc patrimòni mondial de l’Umanitat”. Lo 19 d’abril da la música occitana se duèrbon lhi orizonts vèrs de realitat diferentas, abo Marco Stolfo que presenta son libre e lo cd que l’acompanha “Occitani, Friuli, Europa: la mia lingua suona il rock”. Una serada da ren pèrder per capir mielh coma la novèla creacion musicala occitana sie collegaa a un fenomene que regarda ben d’autri territòri coma per exemple aquel friulan.

Aquestas seradas s’acabon lo 3 de mai abo Simone Lombardo e La Ramà que presenton “Mascharias”, la nòva crecion occitana de música e paraulas sus la traça d’una estòria contiaa dins la tradicion de nòstras legendas.

E passem al cors “Viatge dins las danças de l’Occitània” que se passarè tuchi lhi luns dal 4 de març a 8 e mesa de sera. Lhi ensenhants seren Flora Sarzotti e Mario Proietto de l’Associacion J O’Leari de Turin e lo musician violonaire Gabriele Ferrero. Es lo moment per tuchi lhi amants dal bal folk que vòlon aprefondir lors conoissenças sal ric patrimòni de danças de l’Occitània Granda e de nòstras valadas. L’objectiu es d’examinar qualqu’una de las borrèias mai bèlas e conoissuas dal Berry e de l’Auvèrnha: estil, coerografias ...., e lhi rondeus de la Gasconha. Se parlarè tanben de las danças de la Val Varacha e dal Delfinat. Aquesta es decò un’ocasion per metre en relacion aquestas danças popularas abo l’istòria de la dança en Euròpa e coma un sector a enfluençat l’autre. Es un bèl trabalh e una reflexion enteressanta de partir la las danças anticas per verifiar coma lhi aie totjorn agut una sòrta de devís, d’escambi entre las danças de l’ambient aculturat e aquelas popularas qu’an agut totun una evolucion diferenta.

Informacions: Apm tel. 0175.47031 apm@scuolaapm.it

Gabriele Ferrero: 3474184372


Condividi