Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2012

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n.118 Novembre 2012

“Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock”, storie, lingue e canzoni

“Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock”, storiis, lenghis e cjançons

“Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock”, storie, lingue e canzoni
italiano L’associazione 'Lidrîs e Butui' ha pubblicato il nuovo libro di Marco Stolfo
La pubblicazione comprende anche un cd di musica occitana e friulana

Un libro che descrive la realtà friulana e la mette in relazione e a confronto con quella occitana e con quelle di una serie di altre minoranze e nazionalità d'Europa. Si intitola “Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock” ed è stato pubblicato, con il contributo e il patrocinio della Provincia di Torino, dall'associazione Lidrîs e Butui, sodalizio costituito nel 2003 per iniziativa di un gruppo di giovani di origine friulana che vivono a Torino e altrove in Piemonte.
Il volume, scritto dal ricercatore e giornalista freelance Marco Stolfo, descrive l'evoluzione della produzione musicale in occitano e in friulano negli ultimi quarant'anni, illustra il contesto storico, geografico, culturale, linguistico e politico del Friuli e delle terre “d'Óc” e rende conto della relazione tra musica nella lingua propria, rivendicazioni su diritti linguistici e forme di autogoverno territoriale e esistenza o meno di azioni di tutela e forme di autonomia regionale. La comparazione tra il Friuli e quella che, in termini geografici e demografici, è la nazione senza stato più grande dell'Europa occidentale è condotta soprattutto sui binari della storia degli ultimi due secoli, in cui per Stolfo è possibile individuare l'esistenza di un conflitto, in corso ancora oggi, che riguarda economia, cultura e politica. Da una parte c'è “Babilonia”, alla quale corrispondono le tendenze all'omologazione che derivano dal nazionalismo e dalla globalizzazione, e dall'altra “Babele”, cioè la diversità e la pluralità di lingue e culture, le nazionalità e i territori e la resistenza all'alienazione e alla colonizzazione.
Nel libro si mette in evidenza che nel corso del Novecento ci sono diversi momenti in cui quelle parti di “Babele” che sono l'Occitania e il Friuli «alzano la testa e mostrano la lingua». È quanto si verifica con diverse mobilitazioni politiche e sociali: dalle manifestazioni dei vinhairons a Montpellier tal 1907 al “biennio rosso” in Friuli, dalla Resistenza e dalla Liberazione nell'Occitania “francese” e “italiana” e in Friuli fino ai movimenti emersi negli anni Sessanta, Settanta e Ottanta in entrambe le realtà (Volem Viure al Pais, MAO, UDAVO, MF, DP dal Friûl, l'ecoautonomismo friulano) sino alle dinamiche presenti negli ultimi due decenni.
Il tutto si manifesta anche nel pensiero e nella scrittura, da Jòrgi Rebol e Carles Campròs a Max Roqueta, Joan Bodon, Robert Lafont, Toni Boudrie e Felix Castanh in Occitania; da Zuan Minut e Achîl Telin a Pasolini, fino a Leo Zanier, Galliano Zof, a Usmis e più recentemente ai Trastolons in Friuli, e qundi nella musica. Per fare qualche esempio: la “nova cançon occitana” e i canzonieri; Massilia Sound System, Lou Dalfin e Lou Seriol e Mitili FLK, Lino Straulino e Arbe Garbe; Lou Davi e Goulamas'k e Dj Tubet e Mig 29 over Disneyland.
Il rapporto tra lingua propria e musica è affrontato anche in base al confronto con altre esperienze (Sardegna, Paese Basco, Frisia, Paesi Catalani, Corsica, Bretagna, Galles, Scozia, Galizia...) e in base ad una serie di testimonianze dirette di musicisti e operatori culturali.
“Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock” non è solo un libro da leggere, ma è anche un cd da ascoltare con una ricca selezione di rock, folk, reggae e hip hop in occitano e in friulano.
Dopo la presentazione effettuata a O Borc (Borgo San Dalmazzo), nell'ambito della “Festa de Lou Dalfin” lo scorso 3 novembre, la pubblicazione sarà presentata e distribuita in Piemonte, in Friuli e altrove nel corso dell'inverno. In provincia di Torino l'associazione Lidrîs e Butui organizzerà a breve una serie di appuntamenti dedicati a lingue, diritti, musica e Europa dal titolo “La mia lingua suona...in tour” e tra qualche settimana sarà pubblicata la versione rinnovata del sito web www.lidrisebutui.wordpress.com. Per saperne di più: lidrisebutui@gmail.com.

Marco Stolfo, OCCITANIA, FRIULI, EUROPA. LA MIA LINGUA SUONA IL ROCK, Lidrîs e Butui, Torino/Udine, 2011 (libro + cd)

friulano La associazion 'Lidrîs e Butui' e à dât fûr il gnûf libri di Marco Stolfo
La publicazion e ten dentri ancje un biel cd di musiche ocitane e furlane

Un libri che al conte la realtât furlane e le met in relazion e in confront cun chê de Ocitanie e cun chês di une schirie di altris minorancis e nazionalitâts ator pe Europe. Il so titul al è “Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock” e al è stât dât fûr, cul jutori e il patrocini de Provincie di Turin, de bande de associazion Lidrîs e Butui, sodalizi nassût tal 2003 par iniziative di un grup di zovins di divignince furlane che a son a stâ a Turin e inaltrò in Piemont.
Il volum, che il so autôr al è il ricercjadôr e gjornalist freelance Marco Stolfo, al conte la evoluzion de produzion musicâl in lenghe ocitane e par furlan tai ultins cuarante agns, al presente il contest storic, gjeografic, culturâl, linguistic e politic dal Friûl e des tieris “d'Óc” e al da cont de relazion tra musiche te lenghe proprie, rivendicazions che a tocjin dirits linguistics e formis di autoguvier teritoriâl e presince o mancjance di azions di tutele e formis di autonomie regjonâl. La comparazion tra il Friûl e chê che sul plan gjeografic e demografic e je la nazion cence stât plui grande de Europe a soreli jevât e ven puartade indenant soredut dilunc des sinis de storie dai ultins dusinte agns, là che par Stolfo si pues vualmâ la esistence di un conflit, in vore ancjemò in dì di vuê, che al tocje economie, culture e politiche. Di une bande e je “Babilonie”, che i corispuindin lis tindincis ae omologazion che a divegnin dal nazinalisim e de globalizazion, e di chê altre e je “Babêl”, ven a dî la diversitât e la pluralitât di lenghis e culturis, lis nazionalitâts e i teritoris e la resistence ae alienazion e ae colonizazion. Tal libri si mostre che dilunc dal Nûfcent si cjatin divers moments là che chês parts di “Babêl” che a son la Ocitanie e il Friûl a «alcin il cjâf e a mostrin la lenghe».
Chest al sucêt cun mobilitazions politichis e sociâls: des manifestazions dai vinharons a Montpellier tal 1907 ai agns che a son vignûts daûr de fin de Prime Vuere Mondiâl in Friûl, de Resistence e de Liberazion te Ocitanie “francese” e “taliane” e chi di nô fintremai ai moviments saltâts fûr tai agns Sessante e Setante in dutis dôs lis realtâts e aes dinamichis in vore tai ultins vincj agns. Ma si palese ancje tal pinsîr e te scriture, di Jòrgi Rebol e Carles Campròs a Max Roqueta, Joan Bodon, Robert Lafont, Toni Boudrie e Felix Castanh in Ocitanie; di Zuan Minut e Achîl Telin a Pasolini, fintremai a Leo Zanier, Galliano Zof, a Usmis e plui di resint ai Trastolons in Friûl, e duncje te musiche. Par esempli: la “nova cançon occitana” e i cjançonîrs; Massilia Sound System, Lou Dalfin e Lou Seriol e Mitili FLK, Lino Straulino e Arbe Garbe; Lou Davi e Goulamas'k e Dj Tubet e Mig 29 over Disneyland.
La relazion tra lenghe proprie e musiche e ven frontade ancje daûr dal confront cun altris esperiencis (Sardegne, Paîs Basc, Frisie, Paîs Catalans, Corsiche, Bretagne, Gales, Scozie, Galizie...) e su la fonde di une schirie di testemoneancis di musiciscj e operadôrs culturâi.
“Occitania, Friuli, Europa. La mia lingua suona il rock” nol è dome un libri di lei, ma al è ancje un cd di scoltâ cuntune selezion siore di rock, folk, reggae e hip hop par ocitan e par furlan.
Dopo de presentazion a O Borc (Borgo San Dalmazzo) inte suaze de “Festa de Lou Dalfin” ai 3 di Novembar stâts, la publicazion e vignarà presentade e distribuide ator pal Piemont, in Friûl e inaltrò vie par dut l'Unvier.
Ator pe provincie di Turin la associazion Lidrîs e Butui e je daûr a inmaneâ une schirie di apontaments su lenghis, dirits e musiche dal titul “La mia lingua suona...in tour” e chi di cualchi setemane e saltarà fûr la version rinovade dal sît web www.lidrisebutui.wordpress.com. Par savênti di plui: lidrisebutui@gmail.com.

Marco Stolfo, OCCITANIA, FRIULI, EUROPA. LA MIA LINGUA SUONA IL ROCK, Lidrîs e Butui, Torino/Udine, 2011 (libro + cd)


Condividi