Enti in rete L.482/99   

Lou petseut dl’a mountanha in col - XLVI° Concours Cerlogne

La roba di petseut

L'abbigliamento infantile

Tipologia file: testo FRP
Tipologia testo: ricerca scolastica
Grafia testo frp: Genre
Data Pubblicazione: A.S. 2007/2008
Fonte: Lou petseut dl’a mountanha in col - XLVI° Concours Cerlogne
Autore: Scuola Elementare di Giaglione classi III-IV-V
Luogo:
-di provenienza dell'autore del testo frp: Giaglione

franco-provenzale

Fin ai tre an la roba di petseut è dle petsiteus lheře la mèima.

Anouvravoun la roba sia li maclo que le filheus.

Apre li tre an li petseut bitavoun de pantalouncin, le petsiteus de robeus queurteus avé de fioc o louèindzeus fin aou dzenolh, de malhieteus de laouna de mèizoun, tsamisoleus, tsaouseus louèindzeus de laouna d’uvert o pi queurteus de tsoutèin.

De petseut tsousie de laouna pi èipeus a la sola o de pann.

Apre aioun de tsousie bas per le filheus o de scarpouncin per li mèina, o li sepoun.

Li petseut per l’uvert aioun de pantaloun de laouna avé le bretèleus, tsemizeus de laouna, malhoun, pioun, bartin, tot an laouna de mèizoun, scarpoun o sepoun è gan.

De tsoutèin pantaloun queurt, tsamisoleus è sandali.

Le petsiteus aioun per l’uvért ina tsamizola de laouna o de coutoun pezan, o roba è malhoun è tsaouseus de laouna louèindzeus, scarpouncin è paltó, bartin è gan an laouna de mèizoun.

De tsoutèin de tsamizoloeus de coutoun, de robeus antieřeus seunsa mèindzeus, foulard a la teta è tsousie pi ledzie.

italiano

Fino a 3 anni l’abbigliamento dei bimbi e delle bimbe non si differenziava molto. Indossavano vestitini sia i maschi sia le femmine. Dopo i 3 anni i maschietti portavano dei pantaloncini, mentre le femminucce indossavano vestiti corti, arricciati e adornati con grossi fiocchi oppure gonne lunghe fino al ginocchio, magliette di lana di pecora, camicette, calze lunghe di lana in inverno, oppure calze fino al ginocchio o fino alla caviglia d’estate. Le scarpine dei bimbi che incominciavano a camminare erano di lana lavorata ai ferri con una trama fitta che sosteneva i piedini, oppure erano di panno. Successivamente le femminucce calzavano scarpine basse di cuoio, mentre i maschietti scarpe alte di cuoio oppure calzavano gli zoccoli. I maschietti in età scolare indossavano, in autunno e in inverno pantaloni di lana con bretelle, camicie di lana, di flanella o di velluto, maglioni fatti a mano, calzettoni di lana fatti in casa, berretti di lana, scarponi oppure zoccoli con la suola di legno e guanti. In estate e in primavera dei pantaloncini corti, camicie con le maniche corte, calze di cotone fino al ginocchio, scarponcini o sandali. Le femmine, in età scolare, indossavano, in autunno e in inverno,una sottoveste e un vestito di lana o cotone pesante oppure gonne con maglioni di lana fatti in casa, calze lunghe fino alle cosce sorrette dal reggicalze, scarponcini, cappotto, berretto, scarpe e guanti realizzati a mano. In estate e in primavera indossavano sottovesti di cotone, vestiti interi o smanicati con camicetta, calze corte in cotone, foufard e scarpe leggere di tela.