Enti in rete L.482/99   

Lou petseut dl’a mountanha in col - XLVI° Concours Cerlogne

La roba de l’èicola

L’ occorrente scolastico

Tipologia file: testo FRP
Tipologia testo: ricerca scolastica
Grafia testo frp: Genre
Data Pubblicazione: A.S. 2007/2008
Fonte: Lou petseut dl’a mountanha in col - XLVI° Concours Cerlogne
Autore: Scuola Elementare di Giaglione classi III-IV-V
Luogo:
-di provenienza dell'autore del testo frp: Giaglione

franco-provenzale

In cool la cartèla lh'eře de booc, de cartloun o de couè nèiřa o maron.

D 'in la cartèla iavèt li lèivro, in èicartaře a couadret è ioun a rigueus avla couvertina nèiřa, in feulh de carta asourbeun per èisouie l’èintso, in'astuch de booc, que ou se iouvre a scourimeun avè ina matita ina plumò, ina goma. Carque coulou in tèmpeřin carque plumin de tsèindzo.

La plumò lhe se banhave d'in lou calamaio dou ban.

Li tempeřin aseumblavoun a seun que s'anovre ařo per pelee le tartifleus.

An prima è secounda iavét maque in lèivro: lou lèivro de letura, an tersa, cuarta è cuinta aioun anque lou sussidiario.

Din la cartela iavet asè in petseut dèidzun, in toc de pan de sèila.

italiano

Un tempo la cartella poteva essere di legno, di cartone pressato oppure di cuoio nero a marrone.

Nella cartella c'erano i libri, un quaderno a quadretti e uno a righe con la copertina nera, una carta assorbente per asciugare l’inchiostro, un astuccio spesso di legno con il coperchio scorrevole con dentro una matita, una penna con il pennino, una gomma, qualche colore e un temperino, qualche pennino di ricambio. La penna s' intingeva nel calamaio che si trovava nel banco di scuola.

I temperini erano simili a sbucciapatate. In prima e seconda elementare i bimbi avevano un solo testo: il libro di lettura, mentre in terza, quarta e quinta ne usavano due: il sussidiario e il libro di lettura. Nella cartella sovente c’era anche la merenda che consisteva in un pezzo di pane di segale.