Enti in rete L.482/99   

La feta de li couscrî - XLIX° Concours Cerlogne

Squèrs è dispèt

Scherzi e dispetti

Tipologia file: Testo FRP
Tipologia testo: ricerca scolastica
Grafia testo frp: Genre
Data Pubblicazione: A.S. 2010/2011
Fonte: La feta de li couscrî - XLIX° Concours Cerlogne
Autore: Scuola Elementare di Giaglione classi III-IV-V
Luogo:
-di provenienza dell'autore frp: Giaglione

franco-provenzale

Din fi dzòrt de la feta se tsantave è se bèivèt bèin de vin. De sólit se preneèt an dziř a la bouna qui i eře pa itâ àbil a la vìzita. Se fezèt de squèrs per divertise. In nono ou couèinte que, canque ou l’avèt 18 an, aou tèin de la feta, couscrî i an fèt bèiře de vin a in ano que ou pasave avê in tsařeut. La bete lh'eře talmeun tsouca que lou mèitre arivave pa pi a tienila è seun cé i avèt fèt riře li dzoùveun. In aoutro squèrs i eře sèl de dounê la "couminioun" a sit que aioun 18 an: ina lètsa de tartifla banhâ din le drógueus.

Toutun i éřoun de squèrs inouseun, per riře è divertise, seunsa faře de mal.

italiano

Durante i giorni della festa si cantava e si beveva molto vino. Di solito si prendeva in giro bonariamente chi non era stato “abile” alla visita militare. Sin facevano scherzi per divertirsi. Un nonno racconta che, quando ha festeggiato i 18 anni, durante la festa i coscritti hanno fatto bere del vino ad un asino che passava trainando un carretto. L’animale si era così ubriacato e il padrone non riusciva più a trattenerlo e questo aveva provocato ilarità tra i ragazzi.

Un altro scherzo era quello di dare “la comunione” ai diciottenni: una fetta di patata condita con salse e spezie piccanti. Erano comunque scherzi innocenti, per ridere e divertirsi, senza provocare incidenti e infortuni.