Enti in rete L.482/99   

La feta de li couscrî - XLIX° Concours Cerlogne

La feta

La festa

Tipologia file: Testo FRP
Tipologia testo: ricerca scolastica
Grafia testo frp: Genre
Data Pubblicazione: A.S. 2010/2011
Fonte: La feta de li couscrî - XLIX° Concours Cerlogne
Autore: Scuola Elementare di Giaglione classi III-IV-V
Luogo:
-di provenienza dell'autore frp: Giaglione

franco-provenzale

In col…..

In col , lou matin dou premìe dzenìe, tot ri couscrî alàvoun a mesó, è aprê, maque li bot alàvoun a minzdê lou past a la cantina avê lou sandic è li muzican. Lou vepro se fezèt lou bal din le bourdzâ pi gróseus è s'anvitàvoun l e filheus. La feta lhe duřave pi o meno ina semaouna, dzòrt è nouèt, seunsa tournê a mèizoun. Li bot viřàvoun tot lou paî, alàvoun a bèiře din le voùteus è dremioun din li soulìe è din lh'èitrablo deloun ansèin a doué muzican. Per la feta qui peièt, s'atsitave ina vestimeunta noueva. Lou dzòrt de Sèin Viseun, feta de Dzalhoun, li couscrî ómeun pourtàvoun an prousesioun la statoua è la relicouia dou sèin, se vitioun avê l’abe de la confraternita avê in petseut mas de flos.

Incouê...

Incouê per mo que i ot pi de libertâ è se fèt pa pi la vìzita, la feta lh'ot perdû le tsózeus d'in col. I ot pa pi tanti dzoùveun din lou paî èa per carque an la feta lhe se fèt pa pi a Dzalhoun ma avê li couscrî di paî atacâ quéme Nouvalèiza è Venoû.

Touit li couscrî, bot è filheus, partétsipoun a la mesó dou premìe dzenìe o lou dzòrt di Trê Rèi.

Aprê mìndzoun touit ansèin. Lou dzòrt de la feta de Sèin Viseun, li couscrî de 18 an pòrtoun an prousesioun la statoua dou sèin è li dzoùveun de 20 an pòrtoun la relicouia.

Din lou 2011 le filheus de 18 an i an pourtâ an prousesioun la statoua de Sèint'Anheze, la dimèindza devan la feta de Sèin Viseun.

italiano

Un tempo…

Un tempo, il mattino del primo gennaio, tutti i coscritti partecipavano alla messa, poi solo i coscritti maschi andavano a pranzo al ristorante con il sindaco del paese e i suonatori. La sera si organizzava un ballo nelle borgate più importanti e si invitavano le ragazze. La festa durava circa una settimana, giorno e notte, senza tornare a casa. I ragazzi giravano per tutto il paese, andavano a bere nelle cantine di ognuno di loro e dormivano nei fienili e nelle stalle sempre assieme a due musicanti che li accompagnavano. In occasione della festa, chi poteva, si comprava un vestito nuovo. Il giorno di San Vincenzo, festa del patrono di Giaglione, i coscritti maschi portavano in processione la statua e la reliquia del santo, indossando l’abito bianco della confraternita con un mazzolino di fiori sull’abito.

Oggi…..

Oggi poiché si ha una maggiore libertà e non si fa più la visita militare, la festa ha perso le sue caratteristiche primordiali. Dal momento che nel nostro paese il numero di giovani è notevolmente diminuito, in molte annate la festa non si svolge più nel paese ma si fa con i ragazzi dei paesi vicini quali a Novalesa e Venaus. Tutti i coscritti, maschi e femmine, partecipano alla messa il primo gennaio o il giorno dell’Epifania. Quindi organizzano un pranzo tutti assieme. Il giorno della festa del patrono, San Vincenzo, i coscritti di 18 anni portano in processione la statua del santo mentre i ragazzi di vent’anni portano la reliquia. Nel 2011 le ragazze di 18 anni, la domenica precedente la festa del santo patrono, hanno portato in processione la statua di Santa Agnese.