Enti in rete L.482/99   

La Voueulp é Lou Chin...é aoutre countë

La volpe con la pancia piena

La voueulp a to la peunsi pieina

Da la racolta coumpleta Esopo “Favole” edizioni BUR
Tradot ën francoprouvensal Dizenhìa da Teresa Geninatti Chiolero
Pruma edisioun ën francoprouvensal Diresioun editourial Ines Cavalcanti

La volpe con la pancia piena
italiano

L’inverno era ormai alle porte. Gli alberi privi di foglie non offrivano più alcun riparo ed i piccoli animali si erano già preparati ad affrontare il freddo. Una giovane volpe vagava solitaria in cerca di un po’ di cibo con il quale placare quella fame terribile che l’aveva colpita. Erano molti giorni che non mangiava. Le sue abituali prede si erano rifugiate in caldi ripari nutrendosi con le scorte alimentari raccolte durante l’estate ed era impossibile stanarli. Così, il povero animale camminava sconsolato pensando che la fame era veramente una brutta nemica. All’improvviso, un profumo delizioso le stuzzicò le narici. La volpe si avvicinò al punto da cui si propagava l’inaspettata fragranza e finalmente vide un enorme pezzo d’arrosto premurosamente sistemato nell’incavo di una quercia. Sicuramente era il pranzo dimenticato da qualche pastore.

L’animale si intrufolò nella cavità della pianta, riuscendo ad entrarvi con molta fatica.

Quando si trovò all’interno del buco poté placare la propria irresistibile fame, divorando la carne in un boccone. Trascorsi alcuni minuti, la volpe con la pancia spaventosamente piena, decise di uscire dall’incavo per tornare all’aperto. Ma appena tentò di oltrepassare il buco dal quale era entrata scoprì di non essere più in grado di superarlo! Aveva mangiato troppo ed era diventata molto più grossa rispetto a prima. Spaventatissima si sforzò cosi tanto per uscire che alla fine rimase irreparabilmente incastrata nella fenditura!

Lo sfortunato animale iniziò a gridare finché una seconda volpe passando la vide e saputo quanto accaduto disse: “E’ inutile strillare. Avresti dovuto avere pazienza ed aspettare tranquilla all’interno della pianta fino a quando la tua pancia non diminuiva. Invece l’impulsività ti ha ridotto in questa condizione e dovrai comunque aspettare finché non smaltirai ciò che hai mangiato”. Così, la povera volpe rimase incastrata nella cavità per più di un giorno, rimpiangendo il calduccio che avrebbe trovato se avesse aspettato paziente all’interno della quercia.

La pazienza e il tempo sono degli ottimi alleati per affrontare qualsiasi difficoltà 

franco-provenzale

L’invern ou i erët gë al portë. Lh’arbou gë dësfouìa ou dounavount pi nhint riparo é ël bèstië più quitivë ou i erount gë prountë për afrountà l’invern. ‘Na voueulp jouen soulitaria è giravët sercant quërcoza da mingì për frëmà ën poc la fam. È i erët geu diversi dì ‘na qu’è mingivet nhint. Ël bestië que ëd tsolit chapavët ou i erount gë stremaië ën chaoude tanë, mingënt ël choze cou i avont cuì d’istà, é è i erët ëmpopusibil dëstanalë.

Parei la povra bestia è alavët ën gir dëscouragìa, pensënt que la fam è i erët ‘na bruta nemiza. A l’improuvis, ën proufum propi ënvitant cou li guëtìivët lou nas. La voueulp è s’avizinavët d’ëndoua ou aruvavet l’ooudoù é finalmënt è veit ën gro toc d’arost bin sistemà ënt ‘oou buirou d’ën rou. D’ezgù ou i erët lou dinà dëzmentià ëd quërqui bërgì.

La bestia è s’ënfilaia ënt ‘oou buirou dla piënta intrënt a to ‘na grosa fatiga. Can qu’ è t’ istaia dëdin è i ëst riusìa a gavase la bruta fam mingënt la carn ënt un boucoun. Dopou querqui minutë, la voueulp a to la peunsi pieina, è i eu dechidù ëd saì daou buirou për tournà fora. Ma apeina è i eu ëncaminà a sërcà ëd saì daou buirou d’ëndoua è i erët pasaia për intrà, è i eu descruvì d’estri pi nhint bouna a saì! È i avet mingìa tro é è i erët vinua più grosa ëd pruma. Dispëraia è s’eu sfoursìa tant për saì que a la fin è s’eu ëncastraia ënt ‘oou buirou!

La sfourtunaia bestia è s’eu butaia a braì fin cant que ‘na scounda voueulp, pasant, è l’eu viuva, è, savù qu’è i erët quëpità, è li dit: “È i ëst inutil braì. T’arì douvù avè pasiensa é ëspëtà trëncouila dëdin a la piënta fin cant que la toua peunsi è diminuivët. Ënveche l’impoulsività è t’eu coumbinaia parei é t’à da spëtà fin cant que t’à nhint digigerì sën que t’à mingìa”. Parei la povra voueulp è t’istaia ëncastraia ënt ‘oou buirou più d’ën dì, deziderant lou chaout que è i arit trouà spetant trëncouila ëddin a lou rou.

La pasiensa é lou ten ou sount boun aleà për fà frount a couelsiasi coumplicasioun.