LU LIUN E LU RAT

N vir a j'erë ‘n liun e 'n rat.

Lu liun u vulit miňgé lu rat bèla viv; ma lu rat u jat bütassë a piuré fort e lu liun, për cumpassiun, u jat lejssalu alé.

N bèl giorn lu rat u j'alavë a spass e u véjë lu liun ciapà din lu lass.

Lu rat u jat piaňtà ichì d'alé a spass e u jat turnà 'd cursa a mèjsun për ciamé agiut, e tuta la famija dù rat, rat, ratin, ratun e giari a sun alà dau liun e a jan bütassë a rüsié lu lass chë u lu tënit prèjsuné.

Rüsia, rüsia e lu lass u se rumpë e lu liun u scapë vià.

Rifléssiun:

Per ricévë lu bèn a faňtë farë 'd

bèn.

IL LEONE E IL TOPO

Una volta c'era un leone e un topo.

Il leone voleva mangiare il topo bello vivo; ma topo si lamentava e piangeva e il leone, per compassione lo lasciò andare.

Un giorno il topo mentre andava a spasso, vide il leone preso al laccio.

Il topo non proseguì la passeggiata, ma ritonò di corsa a casa per chiamare aiuto, e tutta la famiglia del topo, topi, topini e toponi andaro­no dal leone e si misero a rodere la corda che lo teneva prigioniero.

Rodi e rodi e la corda si ruppe e il leone scappò via libero.

Riflessione:

Per ricevere il bene bisogna fare del

bene.