LU GIAL E LU SULEJ

Lu gial u ciantavë tutë lë matin prima chë lu sulèj u surtissë.

E suvàn lu gial u disit pien 'd boria: i sèi me chë i fau surtì lu sulèj!

Tuti i pulastr dlu gialiné, a crëjan propri chë a füssë luì lu padrun dlu sulèj e tüti a j'avian biën 'd riguart vèrs lu gial.

Na matin lu gial u rëstë aňdrümì e caňtë u së dësvië u së n'aňcorsë chë lu sulèj u jérë già spuiňtà.

Povru gial! U jat vërgunassë da sulët. Fiňa lë gialinë a jan bütassë a rire!

Rifléssiun:

Parèj ai capitë ai blaghēūr!

IL GALLO E IL SOLE

Il gallo cantava chicchirichì al mattino prima che il sole spuntasse. E spesso il gallo ripeteva pieno di boria: sono io che faccio spuntare il sole!

Tutti i polli credevano davvero che fosse lui il padrone del sole, e tutti lo rispettavano.

Una mattina il gallo dormì più del solito, e quan­do si svegliò, si accorse che il sole era già alto. Povero gallo! Rimase confuso e sbalordito. Perfino le galline risero di lui!

Riflessione:

Così succede ai boriosi!