LU CIN MAI CUNTAŇT

`N cin u travërsavë la dueira can 'n grò toch `d carn tra 'l dan.

A, büché din l'ejva cejra ai sëmiavë 'd vèj n'autru cin cun 'n toch 'd carn tra 'l dan e a smiavë fiňa chë lu toch 'd carn u füssë pi grò dlu sot.

U gabulisë: se i rivu a pié asé stu toch ichì, duman i jëi lu diné prunt!, u fat për piélu. U drēūvë 'l dan e sun toch 'd carn u vat au fun dla dueira.

Rifléssiun:
Parèj a capitë a sèl chë
us cuňtaňte pa ëd sëňchë u jat
e u vut pié lë ciosë 'd jautri.

IL CANE MAI CONTENTO

Un cane attraversava la dora a nuoto con un grosso pezzo di carne fra i denti.

Nell' acqua limpida pareva vedere un' altro cane con la stessa preda.

Anzi, quella preda pareva più grossa della sua. Pensò: se riesco a prendere anche quella preda ne avrò per pranzo domani.

Fece per acciuffarlo, fu un attimo, aprì la boc­ca e così lasciò cadere il suo pezzo che andò a

finire in fondo alla dora senza che potesse
ripescarlo.

Riflessione:
Così capita a chi
non si accontenta del proprio e
vuole prendere la roba altrui.