LU CAVAL SAŇSA CHĒŪR

N'om, n'asu carià, e 'n caval a fësiun 'n toch ëd ciümin ansèňch.

An tën tel bèl muman l'asu u jére

strach e u na pulì pa pì. U dit au caval: famë gavè 'n poch ëd mun pèjs sëdnò i dévu fërmemë.

Lu caval saňsa chēūr, u i donë pa daman e l'asu për la strachità u céjë bas e u mēūrë. Lu padrun sëňchë u fat?, u carië slu caval pa mach tut lu péjs chë a purtavë l’asu, ma asé la pèl dl'asu mort.

Rifléssiun:

Parèj a capitë a sèl chë
u giüte pa j'autri.

IL CAVALLO SENZA CUORE

Un uomo, un asino e un cavallo facevano un tratto di strada insieme.

Ad un certo punto l'asino era stanco da non poterne più e disse al cavallo: fammi levare un po’ del mio peso altrimenti mi dovrò fermare. Il cavallo senza cuore non le diede retta e ad un tratto l'asino, per la stanchezza cadde a terra e morì.

Allora il padrone cosa fece?, caricò sul cavallo non solo tutto il peso che portava l'asino, ma anche la pelle dell'asino morto.

Riflessione:

Così capita a chi
non aiuta il prossimo.