LA GIRANDULA SLU CIUCHÉ

A jèrë in vir aňsima lu ciuché na giraňdula nēūva chë i marcavë la diréssiun dln van. Le gian chë a itavu dapé dla gésia e a passavu din la piassa, suvan a bücavu a nau për savej da cala part a sufiavë lu van.

La giraňdula i disit: i sei mé chë i fau sufié lu van e i fau farë bèl tèn.

A pasu j 'ann e la giraňdula per la strachità i cejë slu cüvèrt dla gesia.

A j'ann piala e a j'ann purtala din lu sulé. Dau sulé la giraňdula i vejsit chë bèla chë i jérë papì ièj, lu van u sufiavë e lu bèl tén u vënit l'istéss.

Rifléssiun:

Pagnun a put cumaňdé lu tèn,
gnaňca la giraňdula!

LA BANDERUOLA

C' era una volta sopra un campanile una bande­ruola nuova che segnava la direzione del ven­to.

Quelli che abitavano vicino alla chiesa e quelli che passavano nella piazza, spesso guardavano in su per vedere da quale parte soffiava il vento.

La banderuola diceva: sono io che faccio sof­fiare il vento e faccio il sereno!

Passarono molti anni e la banderuola per la stan­chezza cadde sul tetto della chiesa.

Fu presa e portata in una soffitta.

Dalla soffitta la banderuola vedeva che anche senza di lei, l vento soffiava e il sereno veniva ugualmente.

Riflessione:

Nessuno può comandare il tempo,
nemmeno la banderuola!