Enti in rete L.482/99   

Zona F - Frazioni

Santuario di Madonna dei Boschi

Santouari ët Madona di Bœsc

FEDARTE: itinerari tra fede & arte

Santuario di Madonna dei Boschi
italiano

La Cappella della Beata Vergine del Borgato fu per secoli epicentro della vita religiosa di Peveragno, che celebra ancora oggi la propria festa patronale nel giorno della nascita di Maria.

Le origini della Cappella, dall’Ottocento chiamata Santuario, sono incerte: il periodo di suo massimo splendore iniziò con il 1684 in seguito al lascito testamentario di Pietro Gondolo, ricco peveragnese. Seguirono altri lasciti nel Settecento che arricchirono ancora di più il Santuario, amministrato dal Comune. La disponibilità di denaro permise la costruzione di una nuova Cappella e di un nuovo fabbricato per gli esercizi spirituali. La vita del Santuario proseguì fino al 1870, anno in cui i suoi beni divennero di proprietà comunale e, con la loro vendita, per esigenze di bilancio, iniziò un lento e inarrestabile declino del Centro Religioso. Al suo interno si può vedere l’immagine della Madonna del Borgato (o dei Boschi), opera probabilmente di G. Baleison di Demonte.

occitan

La capèla ët la madona di bœsc a l’é ëstèta për ët secoui ël cœr ët la vita relijouza ët pouranh. ëncoû òoura la festa del paìs a cala ël dì qu’a i é nà la madona.

's sa nhant propi bin coura a l’é ëstèta fèta la capèla, que a parte da l’œtsant a l’é ëstèta chamâ santouari e a l’a tacà a ese al masim ët l’ësplendoû aprés dël 1684 coura que pietro gondolo, ën pouranhin bin ric, ou i a lasèt na grosa ardità. ënt ël sètsant, i count dël santouari, que proufitant d’ète arditè ou l’era aruà a ese padroun ët bœsc e ët foundou, a l’erou mandè anènt da la coumuna. avant ët sold a l’an pœzù fâ na capèla nœva e a i an jountà dacant ën post për fâ i ezerchisi spiritouai. I afé dël santouari a soun ëndèt anènt bin finde al 1870 coura tuti i soe bin a soun pasè a la coumuna qu’a l’a tacà a vàndie për aranjase i count.