Enti in rete L.482/99   

Erbe e piante che curano. Erbario fitoterapico delle specie autoctone

Genepì (Artemisia genepì)

Genepì

a cura di Teresa Geninatti

Genepì (Artemisia genepì)
italiano

La pianta: è una pianta erbacea alta fino a 15 centimetri che cresce in cespi ramificati e fogliosi di colore verde argenteo. La si trova sulle Alpi, generalmente tra i duemila e i tremila metri di altitudine. Caratterizzata da fusti semplici con rami eretti o striscianti, ha alla base foglie con un picciolo piccolo e sulla parte alte foglie (chiamate capolini) disposte come spighe. Ciascun capolino è costituito da numerosi fiori gialli.

Proprietà: tra le proprietà del genepì vi sono quelle cicatrizzanti, espettoranti, stimolanti, balsamiche, anti-spasmodiche, toniche, antinfiammatorie e gastro-protettive. Ha effetti benefici nel bloccare o comunque alleviare gli spasmi intestinali e la tosse, ma lenisce le ferite e cura diverse patologia dell’apparato respiratorio quali bronchite e asma. Non è finita: dona sollievo dopo una digestione difficoltosa ed elaborata, nonché in caso di flatulenza. Infine favorisce l’abbassamento della febbre e l’aumento della sudorazione.


Come si usa: vengono impiegate le sommità fiorite, inclusi i fiori stessi, e le radici. In particolare i fiori delle specie maschili del genepì sono impiegati nella produzione dei liquori: in valle si è soliti mischiare la grappa con il liquore di genepì per lenire il mal di montagna.

Curiosità: il celebre scrittore De Amicis, nel 1883, nel suo “Alle porte di Italia”, dopo aver assaggiato il liquore rimase notevolmente colpito dalle sue proprietà digestive che così descrisse: “un liquore di fiori di prato che farebbe digerire una bomba lessa”.

franco-provenzale

La piënta: è i ëst n’èrba aouta fin a 15 cm qu’è creit ën bouch ramificà a to gro ëd foië ëd couleù vërd-ërgënt. Nourmalmënt è creit zlë Alp, tra li duimila é li traimila meter d’aoutëssi. Caraterizaia da ‘na chëmba a to chite brënchë dretë o cou couërount bà. È i eu a la baze ëd foie a to ën chit but é ën aout ëd foië (chamaië “capolini”) butaië parei ‘me dë spië. Onhidun “capolino” ou i ëst fait da tente fieu jaounë.


Prouprietà: tra ël prouprietà è i eu selle chicatrizant, espetourant, stimoulant, balsamiquë, anti-spazmodiquë, toniquë, antifiamatorië é gastro-proutetivë. È i eu d’efet benefic ënt ‘oou bloucà o diminuì lh’espazm intestinal é dla tous, ma ëd co për gavà l’infiamasioun al feridë é curà diversë mëladì dl’aparat respiratori coume lou mal a li poulmoun é l’azma. È i ëst nhint finia eisì: è dounet soulieou can quë un ou i ëst ëstoumià o ou fait ëd pët. É poi ou fait basì la fevra è ou fait suvà.


Coume ès drouvët: ou s’ drouvount ël pountë fiourië é ël reis. Ën përticoular ël fieu dli masquiou doou genepì ou sount drouvaië ënt la proudousioun ëd licour: ënt ël valade soulitamënt ou s’ misquiount la breunda a to lou licour ëd genepì për curà lou mal ëd mountanhi.


Curiouzità: lou famous scritour De Amici, ënt ‘oou soun “Alle porte di Italia” dopo quë ou i eu tëstà lou licour ou t’istà coulpì dal souë prouprietà tan quë ou l’eu descrit parei “un liquore di fiori di prato che farebbe digerire una bomba lessa”.