Enti in rete L.482/99   

Erbe e piante che curano. Erbario fitoterapico delle specie autoctone

Faggio (Fagus sylvatica)

Foou

a cura di Teresa Geninatti

Faggio (Fagus sylvatica)
italiano

La pianta: è un albero deciduo che può facilmente superare i 30/40 metri di altezza e si adatta facilmente a qualsiasi terreno. Cresce spontanea nell'Europa occidentale ed è molto comune sui rilievi di tutta Italia, dove forma boschi, a quote comprese tra i 700 e i 2000 m. Ha una corteccia liscia di colore grigiastro e una chioma piuttosto folta e molto ramificata.
Le
foglie sono di colore verde-lucido, sono alterne di forma ovale con margine ondulato. Produce, sulla stessa pianta, sia fiori maschili sia femminili. I frutti, chiamati faggiole, sono di colore bruno.

Proprietà: astringenti e febbrifughe; è abbastanza conosciuto perché dal suo legno si ricava una sostanza medicinale nota con il nome di "creosto", particolarmente utile nella cura delle affezioni polmonari per le sue proprietà balsamiche ed espettoranti. Un'altra applicazione medicinale del Faggio è legata alle proprietà del carbone che si può ottenere dal suo legno: è antiacido e assorbente delle tossine intestinali.

 

Come si usa: la corteccia in decotto, in caso di febbre e bronchiti.

Curiosità: i frutti venivano tostati e utilizzati come surrogato del caffè.

franco-provenzale

La piënta: è i ëst n’arbou dechiduo cou peut tracouilamënt superà li 30/40 meter d’aoutëssi é cou s’adatet a onhi tipou ëd teren. Ou vint spountanemënt ënt l’Eouropa ouchidental é ou i ëst coumun ën zlë mountnhë ëd touta Italia, ëndoua ou fourmët ëd bousquinë, a d’aoutëssë tra li 700 é li 2000 meter. Ou i eu ‘na garuschi griza é ‘na couma bela pieina a to gro ëd brënchë. Ël foië ou sount vërt luzent, ou sount ëlternaië é ëd foueurma ouvala a to lou margin oundoulà. Su l’istes arbou ou vinhount sia ël fieu masquil sia feminil. Li fruit ou sount maron.


Prouprietà: astrigent é ou fait pasà la fevra; lou foou ou i ëst counhusù përqué da la soua garuschi è vint ‘na soustënsi medichinal chamaia “creosto”, particoularmënt bouna për curà ërz infesioun a li poulmoun për ël souë proupriëtà espttorant é balsamiquë. N’aoutra aplicasioun medichinal doou foou è i ëst coulegaia al prouprietà doou soun cherboun: cou i ëst antiachid é asourbënt ëd le tousinë ëd l’intestin.

Coume ès drouvët: la garuschi ën decot për fa pasà fevra é bronquite.


Curiouzità: li fruit ou vinivount toustà é drouvà aou post doou café.