Enti in rete L.482/99   

Erbe e piante che curano. Erbario fitoterapico delle specie autoctone

Camomilla (Matricaria recutita)

Queunamìi

a cura di Teresa Geninatti

Camomilla (Matricaria recutita)
italiano

La pianta: è un’erbacea annuale a portamento cespuglioso, non supera in genere i 50 cm nelle forme spontanee, mentre nelle varietà coltivate può arrivare agli 80 cm. Cresce spontaneamente nei prati e in aperta campagna, non oltre gli 800 m e in terreni assolati; diventa spesso invadente comportandosi come pianta infestante. Ha più fusti che partono dalla base, mentre i fiori hanno i petali bianchi e il cuore giallo. La sua fioritura va da maggio a settembre. Per la raccolta allo stato spontaneo è necessario saperla riconoscere: è molto facile confonderla con un altro tipo di camomilla, denominata bastarda, non velenosa, ma che può provocare reazioni allergiche. Una particolarità che ci permette di riconoscere la camomilla comune dalle altre è che i petali bianchi, subito dopo la fioritura, sono rivolti verso il basso.

Proprietà: nota per le sue proprietà sedative, ha effetti antinfiammatori e antispasmodici, per questa ragione è utilizzata come rimedio lenitivo, decongestionante, addolcente e calmante, in tutti tipi d’irritazioni dei tessuti esterni e interni, come dermatiti, ferite, ulcere, gastrite, congiuntivite, riniti, irritazioni del cavo orale, gengiviti e infiammazioni. È utilizzata, anche, per curare i disturbi gastrici, i dolori mestruali e i problemi digestivi o per alleviare infiammazioni e spasmi muscolari. Di recente si è scoperto che ha un’azione antiossidante.

Come si usa: si utilizza il cuore giallo del fiore in infuso, impacchi, gargarismi, oli essenziali e creme.

Curiosità: a volta veniva fumata al posto del tabacco.

franco-provenzale

La piënta: è i ëst n’èrba annoual é lou soun pourtamënt ou i ëst bas é a bousoun; è superet nhint li 50 cm ënt l’espeche sëlvagi, mentre ënt la vërietà coulvaia è peut aruvà a lh’ 80 cm. È creit spountaneamënt ënt li prà é ënt li champ, ma nhint più ën aout ëd li 800 mt é ën li teren aou soulei; souvent è i ëst cazi n’infestanta. È i eu più ëd ramë cou partesount da la baze, mentre ël fieu ou i ont petali biënc é lou queur jaoun. La fiuridura è vait da mai a stembër. Për cuìila è ventet èstri boun a ricounhuizla : è i ëst fachil counfounla a to n’aoutrou tipou, chamaia “bastarda”, nhint velenouza, ma qu’è peut dounà ëd reasioun alergiquë. Ma è i eu ‘na përticoularità qu’è nou aidet a ricounhuistri la queunamìi coumun da ‘rz aoutrë: li petali biënc, subit dopo la fiuridura, ou s’ virount vers bà.


Prouprietà: counhousua për ël souë proupriëtà sedativë, è i eu d’efet antinfiamatori é antispazmodic, për sën è i ëst drouvaia coume lenitivou, decoungestiounant é calmant për tui’ li tipou d’iritasioun estern é intern, parei ‘me dermatiti, feride, ulcherë, gastriti, conjountiviti, riniti, iritasioun dla bouchi é ëd lë gënzivë. È i ëst drouvaia ëd co për curà li dëstouërbi gastric, li douleù ëd lë chozë ëd lë fëmelë, li proublema dla digestioun o për fa pasà infiamasioun é spazmi ëd li muscoul. Rechentement è t’istà dëscuert qu’è i eu ëd co n’asioun antioussidant.


Coume ès drouvët: è vint drouvà mëc lou queur jaoun ëd la fieu për fa d’infuzioun, papin, gargarizm, euli essensial é poumade.


Curiouzità: quërqui vì ël foië sëchë ou vinivount drouvaië aou post doou tabac