Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Roland Pecout - Poesias

Nel ventre di ogni viaggiatore - di Roland Pecout

Dins lo ventre de cada viatjaire - de Roland Pecout

dalla rubrica di letteratura: "Chaminar e pensar"
di Peyre Anghilante

Nel ventre di ogni viaggiatore - di Roland Pecout
italiano tratto da: Poèmas per tutejar

Nel ventre di ogni viaggiatore

Nel ventre di ogni viaggiatore
ci sono melagrane succose
anziché i bagagli dimenticati
ci sono deviatoi blu, il peso dei cieli,
grasso di macchina, schiuma e case di terra
e la giovinezza gialla e verde delle strade
Nel ventre di ogni schiavo
c'è un uomo che si agita e che aspetta la sua ora
e che vorrebbe fosse ora.
Nel ventre di ogni mano c'è un pugno chiuso
per fendere il vento
per salutare le vie frementi
i giorni transumanti.
Nel ventre di ogni parola
c'è il senso di ogni cosa
la restituzione dei colori immaginati
e la fusione dei metalli
e un dire d'uomo
che ha smesso d'esser febbrile.
Nel ventre di ogni passo
c'è un passo testardo esitante sicuro
con l'ostacolo e l'amicizia delle pietre.
Nel ventre di ogni ventre
c'è un'amore selvaggio e puro
come gli occhi del gatto selvaggio c'è un riso
che fonde le leggi che attraversa i ghiacci.
Nel ventre di ogni istante ci sono io ci sei tu
ci siamo noi e le nostre trasformazioni
c'è un istante d'ora che ad ogni istante diviene avvenire.
Non abbiamo che troppo inciampato
con piaghe ai ginocchi e ai gomiti
se siamo in piedi è che ce lo siamo guadagnati.
Siamo gente semplice
viviamo complicati
ad ogni ora, è l'ora.
occitan da: "Poèmas per tutejar"

Dins lo ventre de cada viatjaire

Dins lo ventre de cada viatjaire
i a de miugranas chucosas en plaça
dei maletas escampadas
i a d'agulhatges blus, los pes dei cèus,
de cambolh, d'escruma e d'ostaus de pastoira
e la joinessa jauna e verda dei camins.
Dins lo ventre de cada esclau
i a un òme que se bolèga e qu'espèra son ora
e que voudriá que siágue l'ora d'ara.
Dins lo ventre de cada man i a un ponh sarrat
per fendasclar lo vent
per saludar lei carrièras bolhentas
lei jorns en escabòt.
Dins lo ventre de cada mòt
i a lei sens de cada causa
la restitucion dei colors imaginadas
e la fusion dei metaus
e un dire d'òme
qu'a quitat d'èstre febrós.
Dins lo ventre de cada pas
i a un pas testard trantalhant segur
amé l'empacha e l'amistat dei pèiras.
Dins lo ventre de cada ventre
i a un amor sauvatge e linde
coma leis uelhs dau cat-fer i a un rire
que fond lei leis que traversa lei glaças.
Dins lo ventre de cada instant i a ieu i a tu
i a nosautrei e nòstrei desguisaments
i a un instant d'ara qu'a cada instant ven avenidor.
Avèm que tròp trabucat
amé de plagas ai genolhs e ai codes
se siam de pè es que l'avèm ganhat.
Siam de monde simple
vivèm complicats
a cada ora, es l'ora.


Nel ventre di ogni viaggiatore - di Roland Pecout

Dins lo ventre de cada viatjaire - de Roland Pecout

dalla rubrica di letteratura: "Chaminar e pensar"
di Peyre Anghilante

Nel ventre di ogni viaggiatore - di Roland Pecout
italiano tratto da: Poèmas per tutejar

Nel ventre di ogni viaggiatore

Nel ventre di ogni viaggiatore
ci sono melagrane succose
anziché i bagagli dimenticati
ci sono deviatoi blu, il peso dei cieli,
grasso di macchina, schiuma e case di terra
e la giovinezza gialla e verde delle strade
Nel ventre di ogni schiavo
c'è un uomo che si agita e che aspetta la sua ora
e che vorrebbe fosse ora.
Nel ventre di ogni mano c'è un pugno chiuso
per fendere il vento
per salutare le vie frementi
i giorni transumanti.
Nel ventre di ogni parola
c'è il senso di ogni cosa
la restituzione dei colori immaginati
e la fusione dei metalli
e un dire d'uomo
che ha smesso d'esser febbrile.
Nel ventre di ogni passo
c'è un passo testardo esitante sicuro
con l'ostacolo e l'amicizia delle pietre.
Nel ventre di ogni ventre
c'è un'amore selvaggio e puro
come gli occhi del gatto selvaggio c'è un riso
che fonde le leggi che attraversa i ghiacci.
Nel ventre di ogni istante ci sono io ci sei tu
ci siamo noi e le nostre trasformazioni
c'è un istante d'ora che ad ogni istante diviene avvenire.
Non abbiamo che troppo inciampato
con piaghe ai ginocchi e ai gomiti
se siamo in piedi è che ce lo siamo guadagnati.
Siamo gente semplice
viviamo complicati
ad ogni ora, è l'ora.
occitan da: "Poèmas per tutejar"

Dins lo ventre de cada viatjaire

Dins lo ventre de cada viatjaire
i a de miugranas chucosas en plaça
dei maletas escampadas
i a d'agulhatges blus, los pes dei cèus,
de cambolh, d'escruma e d'ostaus de pastoira
e la joinessa jauna e verda dei camins.
Dins lo ventre de cada esclau
i a un òme que se bolèga e qu'espèra son ora
e que voudriá que siágue l'ora d'ara.
Dins lo ventre de cada man i a un ponh sarrat
per fendasclar lo vent
per saludar lei carrièras bolhentas
lei jorns en escabòt.
Dins lo ventre de cada mòt
i a lei sens de cada causa
la restitucion dei colors imaginadas
e la fusion dei metaus
e un dire d'òme
qu'a quitat d'èstre febrós.
Dins lo ventre de cada pas
i a un pas testard trantalhant segur
amé l'empacha e l'amistat dei pèiras.
Dins lo ventre de cada ventre
i a un amor sauvatge e linde
coma leis uelhs dau cat-fer i a un rire
que fond lei leis que traversa lei glaças.
Dins lo ventre de cada instant i a ieu i a tu
i a nosautrei e nòstrei desguisaments
i a un instant d'ara qu'a cada instant ven avenidor.
Avèm que tròp trabucat
amé de plagas ai genolhs e ai codes
se siam de pè es que l'avèm ganhat.
Siam de monde simple
vivèm complicats
a cada ora, es l'ora.