Portal d’Occitània    Letteratura occitana

Roland Pecout - Poesias

Le Parole- di Roland Pecout

Lei mòts - de Roland Pecout

dalla rubrica di letteratura: "Chaminar e pensar"
di Peyre Anghilante

Le Parole- di Roland Pecout
italiano
tratto da: Poèmas per tutejar

 

Le parole


Le parole
non bisogna venderle
al miglior offerente
cavillare dire
fan tre giri
e me ne vado.
Le parole
poiché ce n'è
le voglio prendere in conto
spigolarne una lucidità
verde come il melo
con le uve aspre
con il gusto pepato
delle città conquistate.
La vigna
non cresce dalla terra ma
nel cavo delle mani
del vignaiolo.
Quelle parole pescate alla derivazione
il loro paese è il mio sangue è il tuo sangue
nello stretto tessuto
dell'invenzione dei minuti.
Le parole erranti vagabonde
non esistono più
sopra le nostre teste
li abbiamo digeriti inventati
resi fiori di nervi di sangue e di vene
da ora che ci sbarazziamo
dell'ordine degli orologi.
Le parole hanno taciuto
gli uomini parlano
la poesia è morta
da quando il musetto della donnola
fra le statue
è spuntato.
Ecco.

occitan
da: "Poèmas per tutejar"

Lei mòts

 

Lei mòts
lei cau pas vendre
a'n'aqueu que mai paga
besuquejar dire
fan tres torns
e me'n vau.
Lei mòts
puèi que n'ia
lei vòle prendre en compte
n'espigar una luciditat
verda coma la pomièra
amé de rasims aspres
amé lo gost pebrat
dei vilas conquistadas.
La vinha
creis pas de la tèrra mai
dins lo fons dei mans
dau vinhairon.
Aquelei mòts pescats a la descisa
lor país aquò's mon sang aquò's ton sang
dins lo teissut sarrat
de l'invencion dei minutas.
Lei mòts trevadís barulaires
existan pas mai
subre nòstrei cabeças
leis avèm digerats inventats
fach flors de nervis de sang e de venas
dempuèi ara que nos despatolham
de l'òrdre dei relòtges.
Lei mòts se son taisats
leis òmes parlan
la poesia es mòrta
dempuèi que lo morre pichòt de la mostèla
entre leis estatuas
poncheja.
Vaquí.


Le Parole- di Roland Pecout

Lei mòts - de Roland Pecout

dalla rubrica di letteratura: "Chaminar e pensar"
di Peyre Anghilante

Le Parole- di Roland Pecout
italiano
tratto da: Poèmas per tutejar

 

Le parole


Le parole
non bisogna venderle
al miglior offerente
cavillare dire
fan tre giri
e me ne vado.
Le parole
poiché ce n'è
le voglio prendere in conto
spigolarne una lucidità
verde come il melo
con le uve aspre
con il gusto pepato
delle città conquistate.
La vigna
non cresce dalla terra ma
nel cavo delle mani
del vignaiolo.
Quelle parole pescate alla derivazione
il loro paese è il mio sangue è il tuo sangue
nello stretto tessuto
dell'invenzione dei minuti.
Le parole erranti vagabonde
non esistono più
sopra le nostre teste
li abbiamo digeriti inventati
resi fiori di nervi di sangue e di vene
da ora che ci sbarazziamo
dell'ordine degli orologi.
Le parole hanno taciuto
gli uomini parlano
la poesia è morta
da quando il musetto della donnola
fra le statue
è spuntato.
Ecco.

occitan
da: "Poèmas per tutejar"

Lei mòts

 

Lei mòts
lei cau pas vendre
a'n'aqueu que mai paga
besuquejar dire
fan tres torns
e me'n vau.
Lei mòts
puèi que n'ia
lei vòle prendre en compte
n'espigar una luciditat
verda coma la pomièra
amé de rasims aspres
amé lo gost pebrat
dei vilas conquistadas.
La vinha
creis pas de la tèrra mai
dins lo fons dei mans
dau vinhairon.
Aquelei mòts pescats a la descisa
lor país aquò's mon sang aquò's ton sang
dins lo teissut sarrat
de l'invencion dei minutas.
Lei mòts trevadís barulaires
existan pas mai
subre nòstrei cabeças
leis avèm digerats inventats
fach flors de nervis de sang e de venas
dempuèi ara que nos despatolham
de l'òrdre dei relòtges.
Lei mòts se son taisats
leis òmes parlan
la poesia es mòrta
dempuèi que lo morre pichòt de la mostèla
entre leis estatuas
poncheja.
Vaquí.