Enti in rete L.482/99   

Cappella di Sant’Anna

Capéla Sant Anna

Cappella di Sant’Anna
italiano

La cappella di Sant’Anna è stata fatta sulla montagna del Maletto a 1336 metri: qui tanti di Carema vanno al fresco a passare l’estate. La bella chiesetta si trova in mezzo ai prati, vicino all’albergo che ora, purtroppo, è chiuso. Per Sant’Anna si fanno tre feste con i priori: la prima intorno alla metà di giugno perché Sant’Anna protegga tutti quelli che sono su con le vacche; l’ultima a metà settembre per ringraziarla, ma la festa più grossa viene fatta alla fine di luglio con tanta gente del paese e forestieri. Una volta il giorno di Sant’Anna dicevano messa prima alle otto quando arrivava dal Piën la processione, messa grande alle dieci e mezza e vespro con la processione alle tre e mezza. I priori offrivano colazione ai musicisti e a pranzo invitavano i parenti, gli amici e i coscritti; dopo vespro e il lunedì si facevano le bicchierate.
Oggi si fa festa solo più di domenica, la processione la mattina non parte più dal Piën ma da San Giacomo; si dice solo più messa grande e vespro dopo pranzo.


Ascolta la lettura in fracoprovenzale

franco-provenzale

La capéla d Sant Anna a l é hta fètta n sla mountanha dou Malët a mila trazènt trëntiséz méter; anquì téint d Caréma van aou frehc a pasà l’ihtà. La billa hiesëtta a s trova an mèh di prè e tacà l’oubèrge que arà, darmajo, a l é sarà. Par Sant Anna fan tréi féhte coun i prioû: la prima antorn la mità d junh parqué Sant Anna beuco tùit hëi que soun péina seu coun i vache; l’ùltima a mità stémbër par ringrasiala, ma la féhta piu grosa ven fètta a la fin eud lùi coun téint gën dou paìs e fourahté. Na votta geu d Sant Anna dizén mëssa prima a eut oure quënte rivava seu la pourchisioun d ën Piën, mëssa gran a déz e mèza e véhpre coun la pourchisioun a trèi e mèza. I prioû dounàvën coulasioun a i musiquënt e a dihnà anvitàvën tùit i parën, lhi amis e i couscrit; preu véhpre e ou diluns fazén lh arbade.
Geu d anquëi fan féhta mëc piùs que la diménia, la pourchisioun a la matin vèn piùs d’an Piën ma da San Jaco; dìën mac piùs que mëssa gran e sólit véhpre preu dihnà.