Enti in rete L.482/99   

Carema

Caréma

Carema
italiano

Carema, ultimo paese del Canavese, si trova proprio vicino alla Valle d’Aosta. Queste parole in latino: Ad Cameram o Ad Quadragesimum lapidem danno il nome a Carema, nome che non si trova in nessuna altra parte d’Italia. Inoltre al tempo dei romani c’era un ufficio della Dogana o un posto per mettere il rame di un romano che si chiamava Sallustio. Poi, diciamo proprio alla buona, Carema si trova a quaranta miglia da Aosta.

Per arrivare a Carema, se arrivi dalla pianura, si può prendere l’autostrada Torino-Aosta, ma bisogna uscire a Quincinetto; se no bisogna prendere la Statale 26 e, quando arrivi in Piemoun, invece di prendere la Statale, bisogna entrare per la strada vecchia, dove si trova Carema bassa.

Carema è divisa in due: Carema bassa, la più nuova, dove le case sono state costruite vicino alla strada vecchia, e Carema alta, che è la più vecchia, dove le case sono tutte intorno al campanile e altre si arrampicano su in mezzo alle vigne.

Carema si trova proprio in mezzo a una conca tutta ricoperta di vigne. Mario Soldati ha scritto che, quando ha visto Carema per la prima volta, ha provato la stessa emozione che ha provato quando ha visto per la prima volta New York e l’ha chiamata Città-vigneto.

Per andare su a Carema alta ci sono due strade: Charére che porta al cimitero e a piazza Pianteis, dove una volta c’era la chiesa dei protestanti, se no bisogna salire su a Pouhale e arrivare su vicino alla Scuola di musica.

Se vuoi fare una bella passeggiata, bisogna lasciare la macchina in via Torino, a Pra Marquées e poi incamminarsi verso Pont-Saint-Martin e prendere un sentiero a destra che sale su e arriva vicino alla cappella di San Rocco. Da qui si apre una bella vista di Carema. Il sentiero continua in mezzo ai muraglioni e ai piloun di pietra per poi scendere le scale in un piccolo sentiero fino a che si trova una via un po’ più larga vicino alle vigne. Da qui guardi in su verso le vigne e vedi persino la monorotaia.

Il sentiero porta fino al fondo di Fouriana da dove inizia via Roma che attraversa tutta Fouriana fino alla Scuola di musica. Da qui vai su in via Basilia dove si trova una fontana tra le più vecchie. Poi continui su per via Basilia fino a piazza della Chiesa, dove c’è anche il municipio. Poi prosegui vicino al campanile e arrivi dalla Cappella Suplin che è proprio davanti al palazzo degli Ugoni. Da lì attraversi tutta via Piana fino ad arrivare dalla Gran Mazoun. Dopo attraversi le vigne di Falét, il ponte di Villanova e sali su a Siéi dove c’è la cappella. Da lì ti guardi intorno e vedi tutta Carema , Pont-Saint-Martin e anche Donnaz.

Infine bisogna scendere giù a Piole, poi passare in mezzo alle vigne di Maioulèi, giù Jarbieui poi Bourinne e arrivi a Champoun dove si trova la Cantina Sociale. Da lì prendi di nuovo la strada vecchia e arrivi da dove avevi iniziato la passeggiata.

franco-provenzale

Caréma, ùltim pais dou Canavèis, as trova proppe dapé la Val d’Ousta. Hëtte paróle an latin: Ad Cameram o Quadragesimum lapidem dounan ou noun a Caréma, noun que s trova an nhune d’ate part d’Italia. Mèracco aou tèns di roumën n éra un ufisse d la dougana o an post par butà l’aram d’ un roumën que n’eht noun Sallustio.

Magara, dizèn prope a la bouna, Caréma a s trova lounh couarënta milha da Ousta.

Par rivà a Caréma, se rive dou foun, s po pia l’aoutostrà Turin-Aousta, ma vènta sourtì a Cahini, dasnò vénta pià la Statal vintisés e quënte rive an Piemoun n ou pa da pià la Statal vènta intrà dinte la htra vélha, daou que lh’è Caréma bassa.

Caréma l’e partia an dui: Caréma basa la più neuva, daou que l’an fèt i ca tute dapé a la htra vélha e Caréma aouta que l’è la più velha daou i ca soun tute a virët dou campanil e d’ate s rëmpiën seu pou drét an mèh di vinhe.

Caréma a s trova proppe an mèh a na counca tuta couarchà ëd vinhe. Mario Soldati l’eht scrit que quënte l’a iù Caréma per la prima votta a l a prouà la midéma emousioun que l’eht prouà quënte l’a iù per la prima votta New York e l eht chamala “Citta-vigneto”.

Par ilhe seu a Caréma aouta n’é doue vie: Charére que porta aou sumitére e a piaha Piantèis daou que na votta n’era la hieza di proutestën dasnò vènta mountà su Pouhale e rive seu dapé a la hcola d mùsica.

Se veui fa na bila spasejada vènta lassà la maquina an via Turin a Pra Marquées e peui ncaminasse vers San Martìn e pià an vioun a déstra que mounta seu e ariva dapé la capéla san Roc. Da n qui as douèrta na bila vista ad Caréma. Ou vioun countinua an mèh di muralhe e piloun an péra par peui sënde i schalé t’un pitot vioun fin que s trova na via an po piu larja dapé di vinhe. Da n qui beuque n seu pi vinhe e véie finha la monorotaia.

Ou vioun porta a caro Fouriana daou que ncamina via Rouma que travèrsa tuta Fouriana fina hcola d mùsica. Da n qui vèi houte Via Basilha daou que n’e na fountana, una di più vèlhe. Peui mounte seu par Via Basilha fina piaha da hieza daou que n’è avoi la counfrìa. Peui passe houte dapé dou campanil e rive dapé da capela Suplin que l é proppe par douanh dou palas di Ugoni. Da n qui travèrse tuta Via Piana fin que rive dapé da Gran Mazoun. Apreu travèrse i vinhe d Falét, ou poun d Vilanova e mounte seu a Sièi daou que a lhé la capéla. Da n qui beuque a virët e véie tuta Caréma, San Martin e avoi Dounàh.

Apreu vènta sënde ju an Piole, peui passà an mèh di vinhe d Maioulèi, ju Jarbieui, peui Bourinne e rive ju Champoun daou que lhé la Cantina Souchal. Da n qui torne pià la htra vélha e rive daou que t é ancaminà la spasejada.