MODÂ VËNO

Ecco una delle poesie di Gino Vayr lette a Monastero di Lanzo in occasione della ras­segna annuale delle poesie Franco Provenzali. Nella poesia "NÔHRÂ DZÔRNAIË" tro­viamo una descrizione semplice e disincantata di ciò che era la vita del montanaro: lo scandire del tempo legato soprattutto alle esigenze degli animali, che per primi avevano il dirit­to di mangiare ed essere accuditi (Lës ôvrës) e per i quali si lavorava per le provviste inver­nali; per contro, viene posto in evidenza il breve tempo dedicato al proprio pasto,sempre veloce e misero, e al proprio riposo.

Leggendo questi versi si coglie la cadenza, la ritmicità di chi è abituato a scalare i monti, dosando il passo in modo da sfruttare tutta l'energia e la forza disponbile, che con la stessa regolarità,e forse rassegnazione, affronta la montagna di mansioni e doveri della vita.

Come sempre il nostro poeta nei suoi versi ricorda e decanta un mondo antico, ma non ne tralascia gli aspetti più crudi e veri.

C.V.

NÔHRÂ DZÔRNAIË

A sèt outhës, fèt lës ôvrës,

voglië ôn pa fot ehrë viâ

për tôrnath apre midzârt,

caszë ghiëp for' t'e sargiâ.

Machë ün plât për tôn dënath,

dzonô, ariônn, din la fëméthë,

cân' t'âs livrô dë mingéth

vouèis ma' pru la poulèntéthë.

Plântô un'outha eth caszë trât

prins ti moblô e lèst ou pra;

lô fouèn sëc l'ôth d'artithéth,

n'èn da fathë lë côrda'.

Caszë mèt eth cân' t’artithës,

ma d'astasèi t'âs pa tèn,

i ât lë béhës c'ô l'atèndônn

sôn pëzët pachët dë fouèn.

For' dë fathë tehô a hin-nâ,

pô d'aprëst ma tôt eth bôn,

për dësèrt unâ rahgliaië

ou rëma dô fôn dô brôn.

Bè mimèt, dzôrnaië livrâ,

vai dërmitèi, vo 'së më;

sènhâ gnâncâ fa' cunasèi,

dëmân l'ôth fit ichië.

Gino Vayr

LA NOSTRA GIORNATA

Alle sette, dopo aver fatto lës ôvrës 1,

voglia o no occorre essere partiti

per tornare dopo mezzogiorno,

chini, tanto è greve il tuo carico.

Solo un piatto per il tuo pranzo,

giallo, rotondo, avvolto nel fumo;

quando è finito il pasto

vedi solo più la polentiera.

Fermo un'ora è quasi troppo,

prendi gli attrezzi e presto al prato;

fieno secco è da portar via,

occorre imballarlo.

È quasi notte quando torni a casa,

ma non hai tempo di sederti;

ci sono le mucche che aspettano

la loro razione di fieno

Finalmente sei a cena,

poca roba, ma tutto è buono;

per dessert una raschiatina

alle rimanenze in fondo al paiolo.

A mezzanotte, finita la giornata,

va a dormire, vado anch'io;

senza neppur farsi cullare,

il domani ben presto ricompare.

1 Complesso di lavori per l'accudimento del bestiame