MODA VËNO

Come di consueto vi proponiamo la traduzione della poesia apparsa sul preceden­te bollettino.

LA STRADA DELLA BARMA

Venus è assai piccolo

ma ha molta montagna

di strade n' hanno fatte diverse

per poterci andare.

Di queste la più frequentata

È quella della Barma, così detta

si trova di fronte a Pampalù

passa nella borgata del Molaretto.

Finisce vicino ai Pareni

alla borgata Barma Vecchia

che ha lasciato il suo nome, per quanto ne sappiamo

alla strada stessa.

Sostituita con un' altra migliore

questa strada sta scomparendo

fa la fine di quanto è vecchio

dopo aver fatto un enorme servizio.

Ad un certo punto, bello a vedersi,

dove la strada passa su roccia

vi sono fossi nei passi obbligati

scavati con le scarpe col reiterato passare.

A ricordare i tempi andati

osservi pure dei grossi lastroni

scavati con le slitte a mò di solco

su tutta la loro lunghezza.

Uno di questi, è vero peccato,

si è rotto rimovendolo

la metà migliore è stata portata

giù al piano.

La si vede ora al Dotto

dove parte la nuova strada:

bella, eretta, sul lato sinistro

è la pietra del "tëpin".

PRESENTAZIONE DELLA POESIA: "MODA VËNO"

Tra le ricerche sulla rivalutazione della nostra cultura, che hanno luogo ogni mer­coledì sera, una ha riguardato la rivisitazione delle 32 poesie di Luigi Vayr. In sintesi, per ogni poesia ciascun convenuto a mente cercava di leggerne i1 testo e di capirla, poi veniva (finalmente!) letta dall'autore e successivamente si annotavano eventuali modi­fiche al testo o alla grafia rispetto alle prime stesure. Era poi il commento di Adolfo Marzo a farne apprezzare la qualità, il che imponeva anche ad andare a sviscerare i più reconditi aspetti del mondo venausino. Ma al termine, come ogni scuola che si rispet­ti gli allievi devono dare prova di ciò che hanno appreso, quindi a loro toccava la rilet­tura e per i più giovani anche la traduzione per meglio comprendere il significato di tutti i termini. Inutile dire che tutte le poesie hanno avuto un giudizio positivo, ma Moda Vëno che a prima vista appariva la più difficile, ha poi mostrato di essere la più pregevole, perché se già ci vuole talento per riportare in versi la descrizione di località: Le Cugnèthës, Lô Zëmin dë la Barmâ, o situazioni climatiche come L'ôthâ o ancora personaggi come Gèt e Gënn, che ogni venausino bene o male ha vissuto o osservato, quella di Moda Vëno ci introduce in un mondo più astratto e cioè le regole per vedere in forma scritta la nostra parlata. Questo ci addentra a capire quanto fosse profondo il desiderio dell'autore di riuscire a voler far rivivere la Moda Vëno.

Al fine di evitare al lettore le difficoltà in cui sono incappati i novelli allievi abbia­mo ritenuto di fare un'eccezione alla ferrea regola di pubblicare la traduzione sul numero successivo.

MODA VËNO

Së vous lithë lô patoua

eth ' nâ muszicâ a Vëno:

lô bëmâl ou zèit su l' a

d' otri câl ou zèit su l'o.

Cânch’i iât’ mi tôn pru ba

Lô zapèl ou fot dëlôn

frân pathéth mân n' ân mouhra

për âmprèndrë la zahôn.

Pa divèrs lôth së lô ou:

lô scris sinplo a Pampalu,

dzouintës n'o për lô chithou,

bë pountin fot ün dësu.

Së dë giô "se chë sé sèt"

vouèis dzâ pit gli catrô e

szamënânn mâncheth sônn fèt

të cônfôns siguth pame.

Lô tëaca (th) ou lôth angle

tënn souvânn lô pâst dou

prôvâ machë e më dis pe

së te arva fa sortrë ün thë.

Machë ün acâ ou vënn souvânn

hè famou dë hét e hèl

lôth asë din hônn e hânn

finca ou mès dë tôn rahèl.

Iât asë modit

sarët chëmë un frânse;

fèt fasteughiô caszë a pit

ân rujânn lô trôvës pe.

Èsë e dzeta së sônn dou

sz' ou sânn pit c' ou sèngiônn sôn

për savéth biënn scrithëszou

miszë e madzë sônn campiôn.

Fot avéth bôn ëthëglië

për lô ènë a sôn droubléth:

su lô pouônn n'ân trôvës bë

din lô brôn ou lôth hânghgliéth.

Për lô i sèngët rënn

gli burâcc dëlôn bë ou n'ânn

ma a gli ric c'arehônn biënn

ün soulët eth sufiszânn.

Tôt ichië lô vënoszèn

biënn ôn mal l’arha scrëszu;

pasët pe côth grô dë tèn

douânn fusët dëfardu.

[Osservazione: la lineetta sotto la vocale indica l'accento tonico].

(Traduzione a senso)

Il patois è un po' come la musica:

la o e la a possono avere il bemolle.

Quando c'è questo bemolle

sulla o e sulla a ci vuole sempre l'accento circonflesso

come ci è stato insegnato.

Qualcosa di simile riguarda la u;

si scrive semplice in Pampalu,

si aggiunge una o in curioso (chithou).

Quando c'è n finale dopo la u,

su questa si mettono due puntini.

Se dico "so che siete sette" (se chë sé sèt)

si vedono i quattro e,

osservandoli bene

non ti confonderai.

II th e inglese (vedi articolo the)

tiene sovente il posto della erre

provaci e mi dirai

se sei riuscito a pronunciarlo.

L'h senza la "t" viene spesso:

quella famosa

che si mette in questo e quello

c'è pure "in questa cosa" e "quella cosa"

c'è persino in mezzo alla parola "rastrello".

C'è inoltre il j difficiluzzo

si pronuncia come la g francese;

è difficoltoso un po' a tutti

lo troverai litigando (rujiann).

S e z col suono dolce

tutti sanno che hanno suono diverso

si scrivono sz e dz

come nelle parole venausine

noce e immagine.

Occorre udito fine

per individuare quando la n

doppia o sola.

Sul ponte è doppia,

in marmitta è semplice.

Non diversamente è la c

due come nel dire carrozza (burâcc),

una come nel dire ricco (ric).

Tutto lì il venausino

è stato scritto in qualche modo

passerà molto tempo

prima che lo si dimentichi.

CATRÔ NÔOUÈMBRÔ MILËNÔHÂNN E DIS

(4 novembre 1997- compleanno)

Siccome l'esempio sprona e trascina, il vivere accanto al nostro poeta mi ha indot­to nella tentazione di provare, quantunque non abbia la pretesa d'emularlo seguendo­ne le orme, a dedicargli alcune rime in occasione del suo ultimo compleanno, coinci­dente con la celebrazione del settantanovesimo anno dalla fine della prima guerra mondiale.

Poiché posso vantarmi di conoscere profondamente il personaggio, ho potuto accennare ai molteplici aspetti del suo poliedrico repertorio di conoscenze e di int­eressi, evidenziandone le caratteristiche più salienti e le sue passioni più grandi: la poesia, i boschi dei nostri monti e tutto ciò che concerne la vita di Venaus e dei venausini.

La poesia ha per titolo la data della sua nascita e come di consueto ne troverete la traduzione sul prossimo Bollettino Parrocchiale.

Ângëlin-nâ d'barbâ Gënn

lât zëta sôn dré' mouèn-na;

ün dë pru dërèngët rënn

e (Louis) Gino l’ânn chitha.

Iât pasa pe côth ouôt ânn

(lô dëstin dë nôhrâ tarâ)

hè dzârt chië gli cômbatânn

l’arânn pe lëvra la garâ.

Trôfôlës ün grô bathôn

bè ch' eth pô vëniônn atâgl

giâchë alouthâ din muijôn

iavèt d' hochës, dis pathâgl.

Bôn për glië, dëszèt ma mathë

L’ala a scôlâ avoi gli fra

hèl, pru dzouânn dë gli frathë,

lâ sât lôndzë, lât stughia.

Tagliéth pél t' aia l'ândzin

fa' d' ritrât, tânn dë zapèl,

ma lë plântës, gli giardin

sz'ô faja’ voi gli pënèl.

Së giuiévâ avoi hi lôn

dë lë zâmbës biënn pru hotës,

e bè ânlouthâ lô balôn

lô pasavâ mès lë plotës.

A trântân eth trât bounouthâ

për alath fa' lô soudart

i së vouèit chë dzâ d' anlouthâ

vënith viëgl t' éthâ ân rëtart.

Cânchë te biënn côgnusu

néthânn 'not a Plansëfi

de fit ouèi nânn saia pru

de capi mân t' ethâ istrui.

Bargiacavâ dë poeszia

ân frânse chëm' ân latin;

viâ ciagrin, malâncônia

ân sônânn lô mândôlin.

Dëgourdi pru d'ün sëthât

zot e frèt të crégnës pa

tâs la pèl më hlâ dô zât

më l’ anhéth të te tâmpra.

Së të pratichës la muszicâ

gnâncâ i numër fe pa tort

sâs trouvath së la rèi cubica;

la gramatica: tôn fort.

Caligraficâ tâ mân

chëmë vôgliô dô ratéth

chë da 1'ot trôplân, troplân

szaménët travagliéth.

Bruva ânsèn dèn batâgliâ

ân ravouethës trëpignéth

ma sèn lôn tôrna dapiâ,

pouônn dë côrdës, bë lathéth.

Ân ciântral te pe plahiâ

pru dë tôt a Sèn Martin

machë më se ' rha a piâ

për la pouhâ di zëmin.

Din lô boués, din la ravouethë

ras, trabuc të gl' anôvravâ

di boucôn dë la miszethë

të la bouenâ la trouavâ.

Un ômô ântraprândânn

gianme pouth dë travagliéth

pit sz'ô ânn vouèi, së cèrtës dzânn

chë tânn fèt pe cavagliéth.

'Së l' angle tâs grafignâ

ch' eth pedzâ ' nâ lèngâ gramâ

ma 'na lèngâ eth frân la tuâ:

lô parlath dë papâ e mamâ.

Ân mëszânn ô tèn pasa

vouèis dë gnüblës, dë sôlèi;

bôn ch' incouô sât arlëvâ

lô dëmân l' èn pa côth ouèi.

Giôvantu; 'nâ bèlâ flouth

pi gli dzârt chëmë dëmèndzë

ma pru tart crèit lô valouth

la stagiôn dë la vândèndzë.

D' lôn âmplotâ a lô dzënâgl

sônn gli vout chë fânn ti ami;

plouthâ pa s' â tôn mëthâgl

vouèis nâ tehâ di pél gri.

Forsâ nôs d' la vitâ duthâ

pôièn pa rehë pathéth

dë sèn bouèn chë la natuthâ

lât dë rôszës, d' ardzëtéth.

Dèn dôna nâ trabucaië

a gli târt chë tâs dzâ fèt

së lë giustâ la cuintaië

hiti ô Ann ouôtântësèt.

Bouèn chë l’ adzô couintë pa

fëstegiath nôhrâ dzôrnaië

VITA LÔNDZË DÂ PASCIA

ô dëcân dë la trablaië.

Tâs për gl' otri mëszëtha?

faszèn nôs së tavagliânn

la sântènhë dëcreta:

TE PA LÔN, MA TEHÔ GRÂNN.

Marzo Adolfo