MODA VËNO

Come di consueto riportiamo la traduzione della poesia e del canto popolare pre­sentati sul bollettino precedente.

L'OTHA (II vento)

Quando soffia forte il vento

e specialmente se porta neve

cerco solo riparo

o mi nascondo in casa

ma diciamolo francamente

meglio il vento che la valanga

anche si trattasse di maestrale

al soffiare siamo abituati.

A Torino non c' è gran vento

ma ci fosse sarebbe meglio

molta gente diventerebbe più vecchia

gli ospedali meno pieni.

Non disprezziamo puù Venaus

se a volte soffia troppo

aria buona ed acqua fresca

vanno sempre bene quando ce n' è.

Luigi Vayr

BARBÂ GËNN D'OUDRA (Zio Giovanni Eldrado)

Zio Giovanni Eldrado vieni in qua (verso di me)

vieni a coricarti;

ci coricheremo li bene assieme

e noi parleremo del tempo.

Dopo, domani mattina andremo alla fiera;

cammineremo tutti due così (allo stesso modo)

faremo fuori i Garnaghéth (Granatieri).

Zio Giovanni Eldrado va all' acqua (a prendere l'acqua);

va all' acqua col suo secchio

con il cucchiaio appeso dentro.

Su ai Coudrei di castagni

ce ne sono solo tre;

il più bello, proprio il migliore

e certamente quello dell' anvëhouth.

Come di consueto vi presentiamo una poesia dialettale di Vayr Luigi. In questi versi viene decantata quella che, per secoli ha rappresentato la principale via di comunica­zione per i Venausini: la mulattiera della BARMA.

LÔ ZËMIN DË LA BARMÂ.

Lôth Vëno pëzët malèt

ma lât grânn dë môntignë,

dë zëmin, pru d' ün nânn fèt

për pouséth alaszi ichië.

I gnât ün lô pru batu

hè dë la Barmâ, mân së dët,

lôth ân faciâ Pampalu

pasët din lô Môlathët.

Vèt lëvrath pre di Parèn

a la Barmâ, la bôrgiâ,

chë sôn nôn, për hânn në sèn,

ô zëmin ou lât lisciâ.

Sustëtui vo' inotrô miëgl

hè zëmin lôth për spathith

fèt la fin dë tôt hânn viëgl

apre avéth biënn sou sarvith.

Iat nâ mithë, bèl a véth,

chë la razë for' pasath

lât dë hât din si saléth

fèt a crëp da gli soulath.

A parlath dou tèn pasa

vouèis asë dë bè lôszôn

chë la glivë lât cutha

d' ân fërnâ e dèiszi ô fôn.

Ün dë hiti, frân darmadzô,

1'arha rôt ân lô bougiânn,

na mouèita lât fèt sôn viadzô

për alath ba din lô plân.

E athâ lâ vouèis au Dât

ân partânhë dô zëmin

bèlâ drèita ou lathéth sât:

eth la péthâ dou tëpin.

In questa poesia si evidenzia l'importanza che ebbe in passato l'antichissima mulattiera. chiamata "ZËMIN DË LÂ BARMÂ" (Strada della Barma). Dopo la costru­zione della Strada Napoleonica ossia la S.S. n. 25 del Moncenisio questa non raggiun­ge più l' omonima frazione montana detta ora "BARMÂ VIEGLIË" ma resta pur sem­pre il classico percorso, specie nel suo tratto iniziale, per raggiungere ogni località della preponderante superficie montana di cui è costituito il territorio del Comune di Venaus per coloro che non disdegnano le sane camminate fra la svariatissima flora intervalla­te da ameni, stupendi punti panoramici.

GRANI DI SAGGEZZA

Detti, proverbi, filastrocche e scioglilingua

Gévrô, gévrô tintèi inot

préiâ, préiâ faszisët zot

la mouhélâ fèt la télâ

lô sëthât ou fèt lô drâp

lô mourgliët ou fét crëc, crëc.

Ci pare più che ovvio, anche in questo caso, rimandare la traduzione al prossimo bollettino.

Chissà quanti detti come questo appartenevano alla nostra cultura popolare orale? La loro riscoperta ed il trasferimento nella forma scritta oltre offrire un piacevole momento di ricordo, deve anche essere assunta da ciascuno di noi come il compito di trasmettere alle future generazioni un po' della nostra storia passata. Seppur questo detto fosse molto conosciuto, dobbiamo ringraziare il sig. Natale Anacleto che ce lo ha riportato alla memoria. Eventuali altre proposte possono essere suggerite ai sigg. Vayr Luigi e Marzo Adolfo sempre prontamente disponibili ad accoglierle.