ZALÈNDËS

A brènghiô ô sôn-nônn lë chgliozës

ônjouthës; outhâ lëvasèi

arsôn-nônn fincâ lë rozës,

a môdath i fot 'prëstasèi.

Tërluszônn frèidës lë hélës

tithâ pa fôthâ ti dèi,

tramânn lë grivës të pélës

briglië chërszénët la néi.

Lë szëgliës d'zôt lô bartin

l'arpathavët dâ la frèt.

Bouèijéth gli pià dô Bambin

'la Mësâ dë la mimèt.

dzânn l'ëghgliszë lë' plèn-nâ,

l'ânn fincâ sèngiâ lô Priouth

lëvra dèn iéth la nôouèn-nâ

incouô ô nèit Nôsignouth.

Rëszôlèntës nôhrë facës

përchèi nôs iéthânn côntânn

catrô chgliapës, tré pistacës

dëviânn 'tèndre a Bônânn.

Asôdasëi: dre' la vazë

ch'iât dë paglië, iât pa d'ôth

bé zahgnës din la bësazë

ma Zalèndës din lô côth.

UN NATALE ORMAI REMOTO

Suonano le campane a distesa

le ventitré, è ora di alzarsi

i rintocchi riecheggiano dalle rocce

dobbiamo prepararci a partire.

Luccicano fredde le stelle:

teniamo le dita in tasca

per non... pelare le averle (1)

gelida e farinosa scricchiola sotto i piedi la neve.

Il berretto calato sulle orecchie

le riparava dal freddo;

andiamo a baciare il piede al Bambino

andiamo alla Messa di mezzanotte.

Di gente è gremita la chiesa

siede sul suo trono il nuovo Priore

conclusa la novena preparatoria,

oggi nasce il Signore!

Sorridente era il nostro viso

poiché eravamo felici

anche se per avere in dono on pugno di frutta secca

dovevamo aspettare il Capodanno (2).

Come Gesù Bambino ci scaldavamo in una stalla

ove quel che luccica è paglia, non è oro

se avevamo in tasca solo qualche castagna

avevamo il NATALE nel cuore.



  1. Pëlath le grivës: spennare le averle, si associa per similitudine al movimento della mano tremante dal freddo.

  2. Bônânn, si traduce Capodanno: il giorno in cui si facevano piccoli regali ai bambini come le chgliapës, fette o spicchi di pere, mele o pesche essiccati.

MODA VËNO

CÔNTRÂBÂNDIÉTH DË LA SAL

Ovvero

Ipotetiche quanto probabili vicissitudini e peripezie di un antico contrabbandiere del sale alla sua prima esperienza

III PARTE

Travasaszi përchië iât padzin meszô

fa' brëschiamouèi d' ari gnâncâ bouszèn

trëpignéth prutô courânn a maleszô

dë môntëre inot ô Courbëthèn.

Poui pame véth hë din la cômba huthâ

arpôszamouèi, frân hônn më vënn atâgl

së pru 'not iât rinchë dë rozë duthâ

trôvô 'hë ün matëlâ dë brëfâgl.

Su la bozë cârch' outhâ de dërmi

biënn arvas 'voi la giacâ su lô nas

apre courô ô bie dë la Vouèili

' m' ün zamouth prénô l'ènghgliô a grân pas.

Pasânn ba trâ Fëma e gl'Argôgliët

dë poui dzâ couintaszi su môn' imprèiszâ

machë pru dâ schiviath lô Môlathët

e bë sout më d' are për carchë spèiszâ.

Môn sazôn lô trapôszô përchië ba

lathéth fôntân-nâ dë Pravathèn

memô tèn chë iahoulët la rôsza

dèvô 'lath, pardon, fathë mi bouszèn.

I vè' biënn chë môn sâc lô d' bôn-nâ télâ

cânch' ô fôn dë se 'rva dô pra dô préthë

për schiviath, pa pistath unâ môhélâ

de vithâ lë bogliës su 'nâ lôszéthë.

Pre l'Adrèt, për arvath a Plânsëfi

dë travasô la cômbâ d’ Tigliëthèi,

ô Cucuc arva szaménô môn pai

ün pru bèl dë hét de pa côthâ ouèi.

Zëmin grô travasô dz' ôt lô Barme

pre d' la bouithë 'rândâ lô viôl dô Hât

chië dapiâ lô zahgnéth dë barba Ble,

l' ëth pedzâ vënu atâgl cân chi plât.

Vaiô ün, arvath ba dëszôt l'Arpôszâ ;

Gënn d' Arnë 'voi la glivë su l'ëfalës,

l'ô' chithou, vout dëlôn savéth tôt la zôszâ

më cônvënn dë couintagli catrô balës:

Se môda ân vaiânn mi zahgnëthèi

ma përmochë iât pacô' dë zahgnës,

fèt ün târt sènhâ trouath dë bôlèi

de impli mâ tascâ dë dôlignës».

« Më vo fa' 'nâ gliviâ dë fouiscënës

fetës dzâ l'ânn pasa ân Tathavelâ

së lë bétô ' la souhâ biënn sëzës

hân chi vèt për fathë la bërszatelâ».

Më traplântô rinchë ô Riô la Crui

mès lësz'otrës pathèit 'së mâ muijôn,

grôousës tôpiës, lë bôrgés di tèt gri

e më sènblët sintrë lô fla dô brôn.

Aprôciânmouèi a muijôn me prèi pouth,

dzâ mâ mamâ boudravët la pôlèntâ,

chë më fusô 'n EROE më fânn gl' ounouth

ân manéthë dâ fa' ciapamouèi crèntâ.

Su la trablâ mon sâc dë vo pôszalô,

chië douânn machë më d'arehô zët,

ô sônn pit antârt che vôlônn gabalô

'thâ për më ô sènblët frân trâ pëzët.

Cârchë chilô gli tënëthèn për nôs

chinszë-seszë l’arehônn szô vandèn

e nëpa ghërszëgliéth 'tignânn gli ôs

zetëthèn lë zôszës chi fèt bouszèn.

Dzë më trôvô chëm'ün vèl prômôna

dë tôrnath a sôn bouit lâ' pame voglië

chëmë ün përszôgnèth dëlibëtha

m'ün pëvin chë l' ât pouèn-nâ rôt sâ groglië.

Pa rôbath ni touath, fa' d'mal a lë dzânn;

la dôtrin-nâ chë m'ât môhra mâ mathë

hânn ch'athâ dë fo pôrtët padzin dânn;

ô gôvart; ma hèl ô dèit a môn pathë.

Üblô pa matin e vefrô më prièthës

a gli pôvrô mavënu fo pa tort

tratô pit chë më fusônn frath' e souéthës

dë giô "requiem aeternam" për gli mort.

Ma se fa' mi couinchiô, dë se' pa fâl

së për më lô viadzô l'ât biënn rându

l'arfare suguth biëntô ' notrô cal

ma un' otrô câl ... ün bè miriâ dë pru.

Për ânsëvënimouèi dë la côs-ciôn,

së de pe l’ ihâ, cânchë de pe athi,

prënëre a prëpô un'ëscraviôn

scriszëre tôt dësu un' ëscartathi.

D' zôt lô tèt, s'ün bè tras dë mëlëouô

iât lo dzârt chë për côth le dzâ amprèi

eth gli ônszë d' outoubrô, ün dëdzô

ânn dë grahë 'ouôhânn-sësântëtrèi.

Cânn d'ai cômpi dâ pô gli diszouot' ân

e pacô amprèi fa' d' otri mës-céth

për gagnémouèi machë un tâc dë pân

mâ' fôlu fathë ... lô côntrâbândiéth.

TRADUZIONE

Traduzione letteraria commentata ed ampliata

Riprendiamo e concludiamo la narrazione delle vicende del Côntrâbândiéth dë la sal che abbiamo lasciato in un delicato frangente nei pressi dell' Arpone.

34 - Constatata l'impossibilità di proseguire nel suo prefissato itinerario che gli avrebbe permesso di raggiungere casa sua in un paio d'ore, senza il grave rischio di farsi pizzicare, risolve di deviare verso l'alto sacrificando tempo e fatica. Quello che gli rimaneva da fare era ormai un percorso obbligato con un passaggio intagliato nella roccia fra paurosi precipizi chiamato il COURBÉTHEN. Chi deve passarvi: cacciatori di camosci, contrabbandieri ed ora anche alpinisti, deve assolutamente, come ci ram­menta il suo toponimo, chinarsi alquanto ossia: CURVARE LE RENI.

35 - Con la luna ormai tramontata su quel versante rivolto a settentrione tra i cespu­gli di rododendri che chiazzano quelle rocciose balze, il districarsi a fatica improba per cui gli fu giocoforza fermarsi ed approfittare per riposare.

36 - Liberatosi del suo sacco si corica supino sopra un piccolo spiazzo d'erbetta secca e ponendosi la giubba sul viso ben presto si avvio nel mondo dei sogni. L'espediente di coprirsi il viso dormendo all'addiaccio serviva a ripararsi dalla fredda umidità della rugiada notturna ma favoriva altresì il rapido sopraggiungere del sonno causato dalla riduzione dell'ossigeno inspirato. Alla luce del nuovo giorno con il passo da imitare i naturali abitatori di queste zone (i camosci), riprende di buona lena la sua corsa in direzione della Veilì (Grange della Vecchia) che lascerà più in alto alla sua destra.

37 - Scendendo dall'alto del vallone del Rio Clanero ed attraversati i pascoli della FËMA e degli ARGÔGLIËT pensa che la sua impresa sia giunta ormai a buon punto, non gli sarà difficile evitare i dintorni del Molaretto ov'è il posto di dogana e potrà finalmente disporre di qualche soldo sempre utile e necessario per le spese di casa.

38 - Giunto presso la fontana di Pravarengo si concede una sosta prefiggendosi di essere a casa solo per il pranzo, che allora si consumava puntualmente alle dodici; posò il suo sacco presso la fonte e si disseto alla fresca sorgente e dette fondo al pane e for­maggio rimastogli. Nel frattempo il sole, ormai alto nel cielo, potrà ulteriormente asciugare i roridi prati.

39 - Scansò fortunosamente, poco dopo, un bel guaio quando ruzzolo su di un lastrone roccioso con il suo sacco addosso. Non si dovevano uccidere le donnole se queste si trovavano lontane dalle case, così quando una di queste bestiole gli apparve improvvisamente davanti ai piedi, nel tentativo di evitarla, fece un pauroso capitom­bolo. Dovette ringraziare il Cielo che il sacco non si ruppe rabbrividendo al pensiero a qual dolorosa e tragica sorte sarebbe incappato se i suoi venti chili di sale si fossero sparsi nei dintorni fra le zolle erbose in fondo al prato della Parrocchia!

40 - Attraversa il vallone del Rio Tiglieretto = TIGLIËTHÈI, percorrendo il sen­tiero che unisce le due Frazioni montane dell'Indritto e di Piansuffit = ADRÈT e PLÂNSËFI raggiungendo, poco oltre, la frazione del CUCUC dove lo sguardo può spaziare su buona parte della Valle di Susa con in primo piano il suo paese: Venaus. Candidamente si confessa di non conoscerne ancora un altro più bello!

41 - Attraverserà la strada Nazionale seguendo il sentiero che scende dal BARME e prosegue per il HÂT. Questa località viene segnata in mappa con il nome italiano di Sotto mentre nel nostro dialetto il nome HÂT significa depressione di terreno, fossa o buca. Presso questo viottolo un suo zio possedeva un grande castagno e lì vicina vi era una grotta. Una roccia sotto la quale han trovato riparo dalla pioggia molti dei vian­danti che ivi vi transitavano.

42 - Più avanti intravede un uomo che sta giungendo al pilone della Madonna del Riposo recando la slitta sulle spalle: lo riconosce, a Giovanni di Arnulfo, un tipo modo curioso che ama ficcare il naso negli affari altrui per cui pensa che gli convenga rac­contargli quattro frottole.

43 - Infatti incontrandolo subito esordisce dicendogli d'aver ispezionato i suoi castagneti presso San Martino e non trovando ancora castagne e neppure funghi per la tarda stagione vi potè rimediare almeno un sacchetto di nocciole. Dovette però nel suo incedere ben dissimulare il maggior peso di quel sacchetto che recava sulle spalle.

44 - Gli rispose l'altro d'essere diretto a TATHAVELÂ, toponimo d'una zona sovrastante la casa cantoniera N. 1 BIS a farvi un carico di fascine ormai secche. Le metteva al riparo dalla pioggia e bene gli serviranno a preparare tante caldarroste.

45 - Quando giunge presso le case della frazione Rio Croce vi si ferma un istante. Questa borgata, sovrastante quella della Costa, arroccata su di un poggio presso l'o­monimo torrente, era abitata ancora a quei tempi da alcune famiglie mentre ora delle sue case vi rimangono pochi ruderi. Da questo punto panoramico può osservare pres­soché tutto il paese. Intravede tra i grigi tetti coperti a lose casa sua ed i grandi pergo­lati che intercalano e talvolta sovrastano i bruni tetti delle abitazioni, mentre il suo fine odorato gli fa percepire il caratteristico profumo di farina di mais che già sta cuocen­do nei paioli.

46 - Al suo arrivo tutti gli si fanno attorno tranne la madre che stava rimestando la polenta e tutti si congratulano con lui come se fosse un eroe a tal punto da metterlo in imbarazzo e soggezione.

47 - Quando poserà quel suo sacco sopra il tavolo della cucina ognuno dei fami­liari guardandolo ha per questo parole di apprezzamento, mentre agli occhi del prota­gonista questo sacco ora gli pare ancora più piccolo.

48 - Padre e madre convengono che per ora potranno tenersi in casa una parte di quel sale e vendere il resto, ossia circa i tre quarti. Con questo potranno comprare alcu­ne cose necessarie alla casa senza dover penare per le eccessive economie.

49 - Compiuta questa sua "prima impresa" ha la sensazione d'essere diventato di colpo più adulto e più maturo; d'aver subito una evoluzione dalla quale più non potrà recedere, di sentirsi, come dice, al pari del vitello svenato che dopo le prime passeg­giate nel prato mal sopporterà ancora il chiuso della stalla. È l'euforico stato d'animo che prende il prigioniero allorquando è liberato dalle sue catene; o quello dell'ignaro pulcino allorché infranto il suo guscio esce all'aperto e scopre il mondo!

50 - Seguiremo d'ora in poi integralmente le considerazioni ed il ragionamento del nostro Pierino: «Non rubare, non uccidere, non fare del male al prossimo sono gli inse­gnamenti che ha lasciato mia madre e ciò che ora faccio non reca danno ad alcuno, semmai al governo, ma questi è ancora debitore verso mio padre.

51 - Non dimentico le mie preghiere mattino e sera, ai poveri ed ai miseri non fac­cio torti; tratto ogni persona come se fossero fratelli e sorelle e con dei REQUIEM AETERNAM suffragio l'anima dei cari morti.

52 – Ma non sono sciocco e so fare i miei calcoli, se l’impresa che io ho compiuto è stata per me vantaggiosa la ripeterò certamente ben presto. Data l’esperienza acquisita però il prossimo carico sarà di almeno un miriagrammo in più.

53 - Per ricordarmi di tutta questa faccenda, quando saranno finite le mie imprese e me ne rimarrà l'intenzione e la buona volontà mi procurerò una matita ed ogni cosa per scrivere su di un quaderno.

54 - Già su di una trave di larice del mio tetto con lo scalpello ho scritto la data che nella memoria mia ormai impressa: era il giorno undici del mese di ottobre, l'anno di grazia il milleottocentoesessantatré.

55 - Allorquando appena ebbi compiuto i miei diciott'anni senz'aver ancora impa­rato a svolgere un mestiere, fu soltanto per guadagnarmi il sacrosanto così detto pezzo di pane che ho dovuto fare il contrabbandiere».

Come già in precedenza accennato, questo racconto non ha valore documentaristi­co o storico ma libera narrazione d'una remota vicenda, seppure abbia sapore di loca­li realtà per cui il lettore indulga se in esso riscontrasse, a riguardo di luoghi o date ... qualche inesattezza od approssimazione.

M.E.A