MODÂ VËNO

Sono trascorsi 20 anni da quando un pauroso incendio distrusse gran parte del centro sto­rico di Venaus. Il ricordo di quella notte è sicuramente ancora vivo nella memoria di quanti furono presenti alla tragedia; la furia del fuoco alimentato dal vento del Moncenisio sembrava indomabile come se la natura volesse manifestare la sua forza e la sua potenza. E se un simile avvenimento è potuto succedere nei tempi moderni possiamo immaginare quanti furono gli incendi nel passato quando i fienili svolgevano tutti il loro compito di custodire le scorte di fieno e le case erano riscaldate dai caminetti. Il fuoco, ma forse sarebbe meglio dire, il vento, a cui basta una scintilla per far divampare un incendio è sempre stato una delle più terribili minacce del nostro territorio e la gente lo sa bene, per questo sono sorti dei servizi anche volon­tari come l'A.I.B. che collaborano con le strutture competenti per il controllo e la prevenzione degli incendi.

A memoria di quell'avvenimento il nostro poeta scrisse una piccola poesia che parla di paura, di disperazione, ma, anche di solidarietà e di rinascita... all'ombra del campanile. (C.V.)

LÔ FOUÂ A LA PLAHË

Caszë caszë dë mëszavânn

dë pouiisânn pame véth

a Vëno, ciapa dou fouâ,

lô sôlèi e la prëmâ.

Hinc muijôn din lë flânmelës

e l'ëghgliszë ân memô tèn;

tèt ch'ô craszônn, dzânn ch'ô bërlônn

da fa' sintrë përchiânn loèn.

Milnôhânn ouôtântë trèi,

catrô dzârt apre Bônânn,

la pru lôndzë mèt dë l' ânn.

Ma bôneuth s'ânn èida pit ;

bôn-na part asë gl'alpini,

ch'a la fin ô l'ann arsi

a plântath dë brut lô fouâ,

chëmë ân gârâ lô nëmi.

Athâ fosi eth bèl dë véth

lë muijôn dzâ tôrnâ inot,

cârchë lodzë avoi lë flouth

e lë dzânn pi' sènhâ pouth.

A la Plahë, acôth pru bèlâ,

lô rëhi së sënn pame;

din l'ëghgliszë, a nôs ch'ô muszët,

i-ât acôth dëlôn Sèn Ble.

Gino Vayr

L'INCENDIO ALLA BORGATA PIAZZA

Incominciavamo a pensare

che non potessimo più vedere

a Venaus, in preda al fuoco,

il sole e la primavera.

Cinque case avvolte nelle fiamme

e la chiesa al contempo;

tetti che crollano, le urla della gente

si sentono assai lontano.

1983,

quattro giorni dopo Capodanno,

la più lunga notte dell'anno.

Fortunatamente tutti si sono aiutati;

una buona parte l'hanno fatta gli alpini

che alla fine sono riusciti

a fermare il fuoco,

come in guerra il nemico.

Ora è bello vedere

le case nuovamente in piedi,

qualche balcone con i fiori

e la gente non più impaurita.

Alla Piazza, ancora più bella,

non si sente più odor di bruciato;

nella chiesa, che pensa a noi,

c'è pur sempre ancor San Biagio.