CÔNTRÂBÂNDIÉTH DË LA SAL

Ovvero

Ipotetiche quanto probabili vicissitudini e peripezie di un antico contrabbandiere del sale alla sua prima esperienza

II PARTE

Pasa la Casâ dë travasô Rônzë

përchèi din l'Ôspisciô pasô padzâ

cânn për fâm më sintô la trëpâ lôndzë

môn sâc brotô ' la fontân-nâ Bëfâ.

Unâ grôousâ bouenâ iât ô diszouôt

le' vardaië biënn; më sènhâ papéth

pasô din hè cômbal ba hë dëszôt

e më caciô tramès dë gli ambrunéth

Lesâ ' lamouèi aouâl për la Rômahë

dësandânn për lô viôl së court pa mal

fot pedzâ alath a pas dë lëmahë

ânn tôrnaszi arèthë sargiâ dë sal.

travasô l'Ârc su lô Pouônn Ancièn

lô zëmin pôrtët drèt a la bëtiâ

'voi lô metrë dzâ biënn nô côgnusèn,

sèn ami, l’ât maria mâ cuszënâ.

Bôn dzârt ami, për dë sal dë se vënu;

«Sé Piarin vô, lô figl dël’ onclë Ble
il ia plusieur d' ân che vôsz' e plu vu

bièn avan ancor che nou fusân franse».

De hint livrës, vethô dë sal poui zëtath?

«taciuta, fèt Lusièn din sôn patua

të nân bagliô vènn chilo, pous pôrtath,

te bièn fort me lô strapâs cônvënn pa.

Sônn diszouit ciantimë sachë chilô

së të paiës ân livrës hint për sés

të dërobô pa arehâ tranchilô

t' avânhës bé livrës, lës 'rehônn toués».

Salutath Marietë dëlai dë vo:

«Të Piarin! Crai pa vétèi si grânn

dônëmouèi tôt lë nôvës de Vëno»:

Ân famigliâ tôt vè' biënn, pit côntânn.

L' ahra bôn-nâ bastânsâ la vandèndzë,

lë sz' èn caszë impli lë nôhrë bé tënës

glièn dzâ rabaha pit douânn dëmèndzë

da dëmân gavérèn lë trôfôlës.

Lô Piemônn athâ lô vënu pru grânn,

Garibâldi l' â cô' prèi lô Stival

ma chithalâ Itagliâ sèngët pathânn

në paièn pru céth lô pân e la sal.

Muszô chë a nôhrô rèi iât dôna nôië

dë liscéth sâ minjôn dë Zâmbëthi

avoi Nisâ e asë tôt la Savôië

dèisz' arândâ lô lô dô Môhôni.

'Hrisônn frëm sènhâ fathë d' otrë' garës

(sarât mach' ün stupit chë të szou dët)

travaglisônn manchë së dèit së tarës

padzin zôszës dëvrônn alath drablët.

«Eth prô véth, të Piarin rèiszônës biënn,

ma të sâs, lô trèijémô Napôliôn

vôdrët fathë la garâ l' ânn-chë-vënn

sarët miëgl ch' ahrisët a sâ muijôn.

Bétâ d' sucrô, prâns vitô tôn cafe,

chë Lusièn t' at dzâ prësta la saciâ

ciâpa câous lô sancié dë la fore

lô sôlèi së nân vèt dzâ bèli viâ.

Së hë câl t' are una bôn-nâ hélâ

fo dzâ couinchiô d'arvétèi intrô l' ânn

'voi ün tâc d' tômâ e dë pân dë sélâ

gli salut lesciô a të e 'gli pathânn».

L' o' couciâ lô sôlèi dréthë Mônfrèt

caszë néthë së ouèit asë la Tuthâ

për pasath lë bouenës s'e' caszë mèt

rânn la vi a më acôth pru suguthâ.

Së dëszôt la Beciâ iât l' ariâ sômbrâ

bouènch' a fa' mi pas szi vaiô acôth

da dëszôt dë më vaiônn gnâncâ l' ômbrâ

ma la pouintâ d'Rônzë lë sènblët d'ôth.

Ân travas dô Larô cônvënn pasath

fo ün sot travasânn lô Savalèn

trôvô gnâncâ sât môn sâc a pôrtath,

trapiônath p' lô drèt de pacô bouszèn.

Vaiô lèn-not, dô lô l' otrô lathéth

gli cômbal, gli chgliât arba chëmë pra

chiamônn trèi zôtèn de fèt lô bërgéth

'voi gl' agnèl dë Martèn dë la Cara.

Lô Rivers, apre la Côrnâ Rousâ

a gran pas më nânn vo ô bie dë l'Arpôn

l' ômbrâ' dzâ vaiô, dë la Cruszëtâ

môn zemin a fathë sarât co' lôn.

Ân fisânn lènba d'Arpôn su lô gâgl

su lô mourô ô dzournouth dë lënâ...

ma se pousiblô, môngiô chë traouâgl:

canathin ravaciâ... sènhâ plëmâ.

(seguirà l’ultima parte al prossimo numero)

TRADUZIONE

Traduzione letteraria commentata ed ampliata

Ritorniamo sulle orme del nostro giovane contrabbandiere che abbiamo lasciato alla Gran Croce. Questo toponimo ha origini plurisecolari. Ancor molto prima della costruzione della strada carrozzabile si segnalavano i punti obbligati di passaggio sul sentiero erigendo pali in legno. Constatato quanto frequentemente questi venivano divelti per usarne il legno per riscal­damento, si delibera di applicare a questi pali un traversino che li mutava in croci e poiché que­sto segno della Cristianità incuteva venerazione e rispetto, nessuno più si permise di asportar­li. In quella località visibile da molto lontano da ambo le parti ne venne eretta una di maggio­ri dimensioni: la Gran Croce!.

13 - Dopo la Cassa, luogo in cui poco più di una decina d'anni dopo il passaggio del Nostro protagonista si costruirà un'opera militate che con le coeve Varisello e Roncia rappresenteran­no l'imponente fortificazione in muratura del Moncenisio, attraverserà il torrente Roncia e supererà l'Ospizio fuori dalla sua cinta muraria per non esporsi allo sguardo talora indiscreto di persone, civili o militari che nel caso come il suo è sempre preferibile eludere.

L'Ospizio, costruito da quasi un millennio nel mezzo dell'altopiano del Moncenisio allo scopo di dare asilo ai viandanti siano essi pellegrini romei oppure mercanti ed anche nobili e condottieri che dovevano valicare le Alpi anche nella cattiva stagione. Vi fu pure ospitato, alcu­ne volte, Napoleone Buonaparte del quale si ricorda la camera a lui riservata e del fatto, stori­camente documentato, incorsogli allorché dovette transvalicare nella stagione invernale prove­niente dalla Savoia giungendo all'Ospizio in condizioni pietose. Curato dallo stesso Abate (Gabet) che strappatogli gli stivali, con la neve energicamente massaggio i lividi piedi imperia­li salvandoli dall'incipiente congelamento. Fors'anche memore di questa sua avventura gli maturò, l'idea di far costruire quella strada che poi doveva portare i1 suo nome. Ora il forte Cassa giace seppellito sotto la maestosa mole della nuova diga ed il complesso di fabbricati che fu l'Ospizio con l'artistica muraglia che lo cingeva, ridotti a ruderi sono sommersi nella melma del lago!

Oltrepassato il recinto dell'Ospizio sale obliquamente il pendio scostandosi dalla strada maestra sin presso le grange della Buffa a pochi passi dalla linea di confine con la Francia alle falde della cima Nonda e, presso una sorgente, si accinge a divorare col solito gagliardo appe­tito i1 contenuto del suo tascapane.

14 - Da questo sito può nettamente distinguere il cippo di confine "LA BOUENÂ" posta su una lieve altura dello spartiacque che divide la valle dell'Arc da quella del Cenischia; la Francia dall'Italia. Ovviamente questa pietra confinaria è sorvegliata in modo più o meno appariscente da ambo le parti affinché non venga violata la cosiddetta sovranità della Patria.

Presso il suddetto cippo venne in seguito eretta una Croce con i bracci volti perpendicolar­mente alla linea di confine con l'evidente intento d'invocare la protezione Divina su entrambe le Nazioni sulle quali simbolicamente Dio stendeva una sua mano su ciascuna di esse. Ma gli uomini vollero la guerra: la guerra che separa ed avvilisce, che uccide, che castiga ogni popolo che coinvolge. Dopo l'ultima guerra, anche demotivato dallo spostamento di confine, quando per le flagellanti ingiurie del tempo il legno di questa Croce si scompose, questa non venne più eretta. Ai giorni nostri, dei resti di Questa giacciono ancora nei pressi, mentre rimane ancor ben visibile il cippo in muratura di circa un metro di altezza col suo foro centrale nel quale detta Croce era infissa. A poche decine di metri dallo spartiacque, poco discosta dalla St. Naz. N. 6 e presumibilmente ove passava l'antico sentiero, vi è tuttora una chiesetta dedicata a S. Pietro. Vuolsi sia già servita a supporto e conforto ai pellegrini romei del primo giubileo (1300). È comunque assai remota la sua erezione poiché nel 1599 (notasi l'imminenza d'un altro giubi­leo) venne ricostruita ed in seguito ristrutturata dopo l'ultimo conflitto mondiale.

Il "nostro" che non è munito di passaporto, dovrà attraversarci in un modesto anfratto pro­cedendo chino e con circospezione poiché le piante di mirtilli non possono certo occultarne la presenza all'eventuale sguardo di un temuto sorvegliante.

15 - Ma appena oltre riprende con rinnovato slancio il suo cammino in discesa, agevolato dal comodo sentiero prevalentemente in terra battuta che nel tratto più ripido prende il nome di LA RAMASSE. Nei secoli scorsi chi valicava il Colle nella lunga stagione invernale doveva assumersi una guida, ossia un portatore, che in questa discesa, ove la neve non scompare prima di maggio, faceva accomodare il cliente con i suoi bagagli sopra una rudimentale slitta con rami striscianti, fungenti da freno, che le davano la parvenza d'una grossa e rozza ramazza. II gui­datore di questo veicolo conduceva i suoi passeggeri in questa discesa terminante presso il borgo di Lanslebourg abbastanza velocemente ma sempre con grande perizia tal da invogliare anche nobili dame a far ripetere il tragitto felici ed entusiaste di riprovare l'ebbrezza di quella discesa. Erano gli embrioni dai quali si sarebbero poi sviluppati gli sports invernali.

Ma il solitario viandante che ora scende alacremente per questo viottolo ha la mente volta al pensiero del ritorno che fra poco dovrà effettuare col carico sulle spalle, in salita moderando alquanto la sua andatura.

16 - Attraverserà l'Arc, il fiume che prima di versarsi nel Rodano attraversa da est ad ovest la Val Moriana ove scende come modesto ma pur talvolta tumultuoso torrente, sopra l'antico ponte di un'unica arcata in pietra dirimpetto al centro del paese di Lanslebourg ed al negozio ove egli è diretto. II gestore gli è amico, conosciuto da alcuni anni poiché ha sposato la sua cugi­na Marietta.

17 - Lo saluta con un semplice buongiorno e per accentuare l'improvvisata, bruscamente gli annuncia qual fosse lo scopo della sua visita ma, sebbene in alcuni anni nell'adolescenza l’ a­spetto di un giovane possa mutare alquanto, costui tosto lo riconosce. «Ma voi siete Pierino il figlio dello Zio Biagio», esclama. Veramente sono passati degli anni dall'ultima volta che ci siam visti; da prima ancora che noi fossimo francesi!». A differenza di noi Venausini che nella nostra lingua usiamo il "Tu" con qualsiasi persona che incontriamo, in questo paese è molto comune comunicare con il prossimo usando il "Voi", tranne poi passare al "Tu" nel corso della stessa conversazione qualora si accorga esservi fra i dialoganti una precedente confidenza e familiarità.

18 - Aveva udito, il nostro Pierino che con cinque lire avrebbe potuto caricarsi di sale, ma l'esatto costo ancora ignorava per cui lo chiese all'amico venditore il quale saggiamente gli propone di limitarsi ad un peso non superiore ai venti chilogrammi e non abusare della sua robusta giovinezza con strapazzi che in seguito potrebbero risultare tutt'altro che convenienti. Certo che venti chili gli parevano pochi ma accondiscese docilmente data la sua inesperienza in merito.

19 - «Fidati pure di me — prosegue il savoiardo sono diciotto centesimi il chilogrammo; se paghi in lire sono cinque per sei; così avanzi due lire, quelle ti serviranno per altri utili acqui­sti». Riscontriamo così che la nuova lira italiana (Lit), coniata per la prima volta solo l'anno precedente veniva scambiata a 1,20 al confronto con il franco.

20 - Va dunque a salutare la cugina Marietta che stava in cucina la quale si sorprende di quanto in pochi anni costui fosse cresciuto. La sua presenza le fa ricordare Venaus per cui tosto gli chiede quali notizie le può dare del paese. «Tutti i familiari stanno bene ed in salute», fu la pronta risposta.

21 - «La vendemmia è stata più che discreta: abbiamo pressoché riempito le nostre due grandi tine con le uve che abbiamo terminato di raccogliere la settimana scorsa e da domani ci dedicheremo alla raccolta delle patate.

22 - Come ben sai, ora il Piemonte si è ingrandito assai anche per le imprese di Garibaldi e di conseguenza la nostra Patria adesso la chiamiamo Italia ma questo non ci ha arricchiti, anzi, ci hanno aumentato il prezzo del pane e del sale.

23 - Penso — prosegue il nostro Pierino nel colloquio con la cugina che al nostro Re non sia stato del tutto indifferente l'abbandono della sua casa paterna di Chambery con Nizza e tutta la Savoia sin presso il lago del Moncenisio!

24 - Ora però se tutti restassero al posto loro senza fare altre guerre (anche se questo sol­tanto uno sciocco che te lo dice) ed ognuno coltivasse per bene la propria terra, la vita sarebbe ancora sopportabile, senza tanti triboli e lutti.

25 - «Ben verace e saggio è il tuo ragionamento, caro Pierino, ma qui si ha già i1 sentore che i1 nostro Imperatore (Napoleone Terzo) abbia in progetto una guerra nel prossimo anno. Sarebbe meglio per tutti se costui optasse per le tranquille faccende di casa sua.

26 - Ora prendi il tuo caffè che già Luciano ti ha preparato la bricolla e prendi a calci il sen­tiero della foresta poiché il sole sta tramontando». Un caffè blando ed allungato era la bevanda che solitamente si offriva agli ospiti. Sulla tavola con il bricco del latte e la scatola dello zuc­chero in zollette vi veniva versato in una ciotola di coccio fabbricata da artigiani del paese, fine­mente decorata, con impressa in elegante grafia la dicitura: "Souvenir de Lanslebourg" oppure "Souvenir du Mont-Cenis".

Il CAFE era prevalentemente sorbito tra amici e vicini di casa all'ora della merenda ma al posto della brioche vi era immancabilmente una robusta fetta di fragrante pane di segala.

L'espressione: prendere a calci la strada aveva il significato di: procedere spediti spingen­do con decisione in avanti il piede. Il sentiero della foresta era una ripida scorciatoia attraverso i fitti e maestosi pini della specie fruttifera. Questo sentiero era sconsigliato ai più giovani poiché ritenuto covo e ricettacolo di animali feroci e pericolosi.

27 - Aggiunge ancora Marietta: «Se per questa volta ti assisterà la fortuna, conto di rive­derti ancora in questo anno; prendi questo tozzo di pane e formaggio e salutami tanto Venaus, gli amici ed i parenti.

28 – È sparito il sole dietro al Mont-Froid = monte freddo, mentre si offusca la massiccia rocca della Turra ma per Pierino che deve attraversare i confini da clandestino ciò gli rende il cammino assai più sicuro.

29 - La Beccia, citata anche come Punta Laro è l'acuminata cima che si staglia alta sulla sinistra a chi s' appressa a raggiungere il Colle la cui conoide divide il vallone del Grande Valico da quello che porta al Colle del Piccolo Moncenisio percorso dal rio Savalino. Vi transita, il nostro contrabbandiere a mezza costa quando già la penombra avvolge i1 monte che se non gli impedisce di vedere ove posa i passi, dal basso eventuali occhi indiscreti non lo possono nota­re. Ma illuminata dal sole è ancora la cima del già citato monte Roncia qual fosse fiaccola dora­ta sovrastante l'intero pianoro che attenua l'incipiente grigiore dell'imbrunire.

30 - Entrando nel vallone che porta al piccolo Moncenisio la cui zona e chiamata Savalin (alla francese) dal nome del torrente che lo percorre, un ripido pendio che alla base della Beccia affonda nel lago e detto il Laro. II nostro amico lo percorre, come prudenza gli consiglia, alquanto più in alto della comoda stradina che si snoda lungo la riva del lago. Quindi attraver­sa con un salto il Rio Savalino che in quel periodo autunnale è solitamente in fase di magra. Per lui, uso ai pesanti lavori agricoli, a portare sulla schiena gerlate colme sia di patate o d'uva che di terra o letame, quel sacchetto gli grava ben poco, anche perché ha potuto sinora evitare di inerpicarsi per ripidi ed impervi pendii.

31 – Volge lo sguardo alla sua sinistra, in alto dall’altra parte del lago e rivede la vasta plaga erbosa ove per alcuni anni nel periodo estivo ha pascolato le pecore di un savoiardo di nome Martino della famiglia soprannominata DË LA CARA.

32 - Attraversato il RIVERS = inverso, passa sotto le bionde rocce della Corna Rossa diri­gendosi a grandi passi verso 1'Arpone ed ora che sta avvicinandosi alle sue montagne più ami­che e conosciute deve constatare quanto lungo sia ancora per lui il cammino da percorrere.

33 - Con lo sguardo fisso avanti a sé sul piccolo poggio che sovrasta il laghetto dell'Arpone, ove un chiarore di luna ancora indugia, intravede qualcosa che lo fa trasalire e sommessamen­te pronunciare l'antica invocazione: MÔNGIÔ. Questa espressione, molto comune e familiare un tempo, ora raramente ci capita di udire anche dalle persone anziane che ancora usano il dia­letto venausino. La sua fonetica è abbastanza simile al relativo significato francese: MON DIEU = Mio Dio! Aveva solo scorto due finanzieri che, sdraiati sull'erba, cercavano di ingannare le lunghe ore notturne del loro servizio di sorveglianza. Erano detti canarini per il colore delle loro mostrine ed ovviamente erano privi di piume o penne.