Enti in rete L.482/99   

Biodiversitat en Val Vermenanha e Ges

Biodiversità in Val Vermenagna e Val Gesso - Lo stambecco

Biodiversitat en Val Vermenanha e Ges - L'estambec

a cura di Chambra d'Oc, video intervista a fondo pagina

italiano

LO STAMBECCO

a un passo dall'estinzione...



Lo stambecco, nome scientifico “Capra ibex”, è un ungulato della famiglia dei “Bovidae”, un relitto glaciale un tempo molto diffuso in tutte le zone rocciose europee; è stato a un passo dall'estinzione nei primi anni del '900 dove erano presenti solo poche decine di esemplari nella zona del Gran Paradiso, zona di riserva reale, che diventando parco nazionale nel 1922, salverà la specie. In quegli anni viene reintrodotto anche sulle Alpi Marittime, nell'allora riserva di caccia reale, oggi se ne contano oltre 2000 solo tra Marittime e Mercantour.

Il maschio ha lunghe corna pronunciate e nodose ed arriva a pesare 90/100Kg, la femmina ha corna piccole ed esili e si ferma ai 35/45 Kg. Come il camoscio muta il pelo, in inverno più scuro e lanoso, in estate più rado e chiaro.

Vive nella fascia alpina dai 2500m in su, in ambienti rocciosi, per questo motivo le rocce della Val Gesso e dell'alta Val Vermenagna rappresentano un habitat ideale per questo animale che non va altre la linea Bussaia - Rocca dell'Abisso, poiché viene a mancare il suo habitat roccioso.

Curiosità: È un ottimo scalatore, dotato di unghioni particolarmente morbidi e divaricabili che gli permettono un'ottima presa sule rocce.

Arriva a mangiare 15kg di erba al giorno, ma può nutrirsi per lunghi periodi anche solo di licheni. Beve pochissimo quasi nulla, assumendo l'acqua da ciò che mangia e dalla rugiada.

Gode di protezione assoluta, cioè non è cacciabile da nessuna parte. Per questa ragione è un animale molto confidente, ma occhio a non avvicinarsi troppo!

occitan

L'ESTAMBÈC

...a un pas da l'estenhement...”



L'estambèc, nòm scientífic “Capra ibex”, es n'ungulat de la familha di “Bovidae”, un avanç glacial un bòt ben espanteat sus totas las zònas rochassuas europèas; es anat a un pas da s'esténher enti prims ans dal '900 onda eren presents masque pòcas desenas d'animals dins la zòna dal Gran Paradiso, luea de resèrva reala, que devenent parc nacional ental 1922, salvarè la raça. Ent'aquilhi ans foguet torna butat decò sus las Alps Maritimas, dins l'alora resèrva de chaça reala, encuei la lhi n'a mai de 2000 masque aicí entre las Maritimas e lo Mercantour.

Lo masqui a lhi cuèrn longaruts e gropassuts e arriba a pesar pòc près 90/100Kg, la fumèla a lhi cuèrns pichòts e prims e se ferma ai 35/45 Kg. Coma lo chamoç, fai la permua dal pel, d'uvèrn mai escur e lanós, d'istat mai clar e rar.

Viu dins la faissa alpina al dessús di 2500 mètres, en ambients rochassuts, per aquest motiu las ròchas de la Val Ges e de l'auta Val Vermenanha representon un “habitat” ideal per aquest animal que passa nent la linha Bussaia-Ròcha de l'Abís, perqué ven a mancar son “habitat” rochassut.

Curiositat: es n'excellent escalador, dotat de onglas particolarament còtias e eslarjablas que lhi permeten una bòna presa sus las ròchas.

Arriba a manjar 15kg d'èrba al jorn, mas pòl se nurrir per lòngs períods decò masque de liquens. Beu pòc esquasi nent, pilhant l'aiva da çò que manja e da la rosaa.

Gòd de protecion absolua, es a dir que se pòl pas chaçar da degun cant. Per aquesta rason es un animal pro confient, mas istatz a l'uelh a pas vos avesinar tòp!




Biodiversità in Val Vermenagna e Val Gesso - Lo stambecco

Biodiversitat en Val Vermenanha e Ges - L'estambec

a cura di Chambra d'Oc, video intervista a fondo pagina

italiano

LO STAMBECCO

a un passo dall'estinzione...



Lo stambecco, nome scientifico “Capra ibex”, è un ungulato della famiglia dei “Bovidae”, un relitto glaciale un tempo molto diffuso in tutte le zone rocciose europee; è stato a un passo dall'estinzione nei primi anni del '900 dove erano presenti solo poche decine di esemplari nella zona del Gran Paradiso, zona di riserva reale, che diventando parco nazionale nel 1922, salverà la specie. In quegli anni viene reintrodotto anche sulle Alpi Marittime, nell'allora riserva di caccia reale, oggi se ne contano oltre 2000 solo tra Marittime e Mercantour.

Il maschio ha lunghe corna pronunciate e nodose ed arriva a pesare 90/100Kg, la femmina ha corna piccole ed esili e si ferma ai 35/45 Kg. Come il camoscio muta il pelo, in inverno più scuro e lanoso, in estate più rado e chiaro.

Vive nella fascia alpina dai 2500m in su, in ambienti rocciosi, per questo motivo le rocce della Val Gesso e dell'alta Val Vermenagna rappresentano un habitat ideale per questo animale che non va altre la linea Bussaia - Rocca dell'Abisso, poiché viene a mancare il suo habitat roccioso.

Curiosità: È un ottimo scalatore, dotato di unghioni particolarmente morbidi e divaricabili che gli permettono un'ottima presa sule rocce.

Arriva a mangiare 15kg di erba al giorno, ma può nutrirsi per lunghi periodi anche solo di licheni. Beve pochissimo quasi nulla, assumendo l'acqua da ciò che mangia e dalla rugiada.

Gode di protezione assoluta, cioè non è cacciabile da nessuna parte. Per questa ragione è un animale molto confidente, ma occhio a non avvicinarsi troppo!

occitan

L'ESTAMBÈC

...a un pas da l'estenhement...”



L'estambèc, nòm scientífic “Capra ibex”, es n'ungulat de la familha di “Bovidae”, un avanç glacial un bòt ben espanteat sus totas las zònas rochassuas europèas; es anat a un pas da s'esténher enti prims ans dal '900 onda eren presents masque pòcas desenas d'animals dins la zòna dal Gran Paradiso, luea de resèrva reala, que devenent parc nacional ental 1922, salvarè la raça. Ent'aquilhi ans foguet torna butat decò sus las Alps Maritimas, dins l'alora resèrva de chaça reala, encuei la lhi n'a mai de 2000 masque aicí entre las Maritimas e lo Mercantour.

Lo masqui a lhi cuèrn longaruts e gropassuts e arriba a pesar pòc près 90/100Kg, la fumèla a lhi cuèrns pichòts e prims e se ferma ai 35/45 Kg. Coma lo chamoç, fai la permua dal pel, d'uvèrn mai escur e lanós, d'istat mai clar e rar.

Viu dins la faissa alpina al dessús di 2500 mètres, en ambients rochassuts, per aquest motiu las ròchas de la Val Ges e de l'auta Val Vermenanha representon un “habitat” ideal per aquest animal que passa nent la linha Bussaia-Ròcha de l'Abís, perqué ven a mancar son “habitat” rochassut.

Curiositat: es n'excellent escalador, dotat de onglas particolarament còtias e eslarjablas que lhi permeten una bòna presa sus las ròchas.

Arriba a manjar 15kg d'èrba al jorn, mas pòl se nurrir per lòngs períods decò masque de liquens. Beu pòc esquasi nent, pilhant l'aiva da çò que manja e da la rosaa.

Gòd de protecion absolua, es a dir que se pòl pas chaçar da degun cant. Per aquesta rason es un animal pro confient, mas istatz a l'uelh a pas vos avesinar tòp!