Enti in rete L.482/99   

Biodiversitat en Val Vermenanha e Ges

Biodiversità in Val Vermenagna e Val Gesso - La betulla

Biodiversitat en Val Vermenanha e Ges - La beula

a cura di Chambra d'Oc, video intervista a fondo pagina

italiano

LA BETULLA

Pianta della conoscenza e della guarigione...



La betulla, nome scientifico “Betula pendula”, in lingua locale “biula” ha il tronco bianco e diritto ed i rami penduli, è uno degli alberi spontanei più decorativi e facili da riconoscere. Nonostante il suo aspetto delicato, è una specie rustica e resistente. Le foglie a forma triangolare, cuneate alla base, sono alterne, sottili e lucide, a margine dentato. La stessa pianta porta fiori sia maschili sia femminili che si schiudono a primavera durante la fogliazione.

Curiosità: è una pianta che resiste anche a bassissime temperature, è presente solo nell'emisfero nord.

Data la sua flessibilità, con i rami più piccoli si facevano ottime scope rustiche.

La corteccia è immarcescibile e veniva utilizzata dalle antiche popolazioni dell'età dei metalli per costruire piccoli contenitori.

Dalla corteccia, con un particolare procedimento, si estraeva la pece di betulla, una formidabile colla naturale che veniva utilizzata dagli uomini preistorici per incollare le punte di freccia, fatte di selce o le pietre verdi delle accette primordiali.

Inoltre nelle tradizioni nordiche è una pianta legata alla conoscenza e alla guarigione, è considerata purificatrice e fonte di rimedi per numerosi malanni ed è anche percepita come l'albero della gioventù e dei poeti.

occitan

LA BEULA

Planta de la conoissença e de la garison...



La beula, nòm scientífic “Betula pendula”, en lenga italiana “betulla” a lo fust blanc e dreit e las ramas pendentas, es un di àrbols espontaneus mai decoratius e de bèl far a reconoisser. Malgrat son aspèct delicat, es una espècia rustica e resistenta. Las fuelhas a forma triangolara, cunhaas al chavon, son alternaas, primas e lucidas, dal bòrd dentat. La mesma planta pòrta flors sie masqui sie fumèla que se duerbon de prima dal mesme temp de la fuelhacion.

Curiositat: es na planta que resíst decò a ben bassas temperaturas, es presenta masque en l'emisferi nòrd.

Vist sa flexiblitat, con las ramas mai pichòtas se fasion bònas ramassas rusticas.

La pelalha marça nent e ben pr'aquò venia adobraa da las vielhas populacions de l'atge di metals per far de pichòts contenitors.

Da la pelalha, con un procediment particular, s'obtenia la pega de beula, na formidablas còla naturala que venia adobraa da lhi òmes preistòrics per estachar las ponchas de las flèchas, faitas de “selce” o las peiras vèrdas di apiòts d'un bòt.

Puei encara dins las tradiccions dal nòrd es na planta gropaa a la conoissença e a la garison, es consideraa purificatritz e font de rèmedis per tantas maganhas, es decò percebia coma l'àrbol de la joventut e di poètas.


Biodiversità in Val Vermenagna e Val Gesso - La betulla

Biodiversitat en Val Vermenanha e Ges - La beula

a cura di Chambra d'Oc, video intervista a fondo pagina

italiano

LA BETULLA

Pianta della conoscenza e della guarigione...



La betulla, nome scientifico “Betula pendula”, in lingua locale “biula” ha il tronco bianco e diritto ed i rami penduli, è uno degli alberi spontanei più decorativi e facili da riconoscere. Nonostante il suo aspetto delicato, è una specie rustica e resistente. Le foglie a forma triangolare, cuneate alla base, sono alterne, sottili e lucide, a margine dentato. La stessa pianta porta fiori sia maschili sia femminili che si schiudono a primavera durante la fogliazione.

Curiosità: è una pianta che resiste anche a bassissime temperature, è presente solo nell'emisfero nord.

Data la sua flessibilità, con i rami più piccoli si facevano ottime scope rustiche.

La corteccia è immarcescibile e veniva utilizzata dalle antiche popolazioni dell'età dei metalli per costruire piccoli contenitori.

Dalla corteccia, con un particolare procedimento, si estraeva la pece di betulla, una formidabile colla naturale che veniva utilizzata dagli uomini preistorici per incollare le punte di freccia, fatte di selce o le pietre verdi delle accette primordiali.

Inoltre nelle tradizioni nordiche è una pianta legata alla conoscenza e alla guarigione, è considerata purificatrice e fonte di rimedi per numerosi malanni ed è anche percepita come l'albero della gioventù e dei poeti.

occitan

LA BEULA

Planta de la conoissença e de la garison...



La beula, nòm scientífic “Betula pendula”, en lenga italiana “betulla” a lo fust blanc e dreit e las ramas pendentas, es un di àrbols espontaneus mai decoratius e de bèl far a reconoisser. Malgrat son aspèct delicat, es una espècia rustica e resistenta. Las fuelhas a forma triangolara, cunhaas al chavon, son alternaas, primas e lucidas, dal bòrd dentat. La mesma planta pòrta flors sie masqui sie fumèla que se duerbon de prima dal mesme temp de la fuelhacion.

Curiositat: es na planta que resíst decò a ben bassas temperaturas, es presenta masque en l'emisferi nòrd.

Vist sa flexiblitat, con las ramas mai pichòtas se fasion bònas ramassas rusticas.

La pelalha marça nent e ben pr'aquò venia adobraa da las vielhas populacions de l'atge di metals per far de pichòts contenitors.

Da la pelalha, con un procediment particular, s'obtenia la pega de beula, na formidablas còla naturala que venia adobraa da lhi òmes preistòrics per estachar las ponchas de las flèchas, faitas de “selce” o las peiras vèrdas di apiòts d'un bòt.

Puei encara dins las tradiccions dal nòrd es na planta gropaa a la conoissença e a la garison, es consideraa purificatritz e font de rèmedis per tantas maganhas, es decò percebia coma l'àrbol de la joventut e di poètas.