Enti in rete L.482/99   

Biodiversitat en Val Vermenanha e Ges

Biodiversità in Val Vermenagna e Val Gesso - Il bosso

Biodiversitat en Val Vermenanha e Ges - Lo bois

a cura di Chambra d'Oc, video intervista a fondo pagina

italiano

IL BOSSO

Per i manici del coltello vernantino... e non solo”



Il bosso, nome scientifico, “Boxus sempervirens”, in lingua locale “buis”, è un arbusto sempreverde con fusto, rami e legno giallastri di altezza compresa fra i due e i quattro metri, pianta longeva (può arrivare a 600 anni), chioma folta e molto ramificata fin dalla base. Foglie piccole opposte e persistenti. Cresce spontaneamente in luoghi rocciosi, aridi e calcarei, fino ad altitudini attorno ai 1500m, è una pianta leggermente velenosa, ma nonostante ciò è attaccata da molti insetti e funghi che la mantengono confinata in alcune zone.

Il fusto cresce lentamente e non raggiunge diametri importanti, ma Il suo legno è molto duro, ben lavorabile poiché molto compatto, poco fibroso e non si deforma. Per questo motivo a Vernante, paese dei coltelli, il legno di “buis” era utilizzato per farne i manici in luogo del più pregiato e costoso corno di bue o di montone, sicuramente più bello ma anche più costoso e più difficile da reperire.

Inoltre venivano fatti parecchi manufatti, come piccole scatole di legno.

Una curiosità: col legno di bosso si costruivano anche i contenitori per la polvere da sparo in giusta dose per un colpo di avancarica: i contenitori erano appesi a bandoliera, e sigillati con cera. Da qui, il nome bossolo che tutt'ora si usa per indicare l'involucro della cartuccia.

Nelle nostre vallate veniva utilizzato in alternativa al ramo d'ulivo in occasione della Pasqua.

occitan

LO BOIS

Per lhi manis dal cotèl vernantin... e pas masque”

Lo bois, nòm scientífic “Boxus sempervirens”, en lenga italiana “bosso”, es n'arboleri sempre vèrd con fust, ramas e bòsc jaunastre d'autessa entre lhi dui e lhi quatre mètres, planta que viu a las lònjas (pòl arribar a sieis cents ans), da lo fuelham espès e ben ramificat fin da bas. Fuelhas pichòtas opausaas e persistentas. Creis naturalament enti pòst rocahassuts, àrids e calcaris, fin a n'autessa a la viron de 1500 mètres, es na planta legierament velenosa, mas totun es atacaa da un baron de babòias e bolets que la mantenen confinaa en cèrtas zònas.

Lo fust creis lentament e rejónh pas diamètres emportants, mas siu bòsc es ben dur, ben trabalhable jà qu'es ben compact, pòc fibrós e se deforma nent. Per aquest motiu a Lo Vernant, païs di cotèls, lo bòsc de bois es ancara adobrat per llh far lhi manis al pòst di mai estimats cuèrns de buou o de moton, segurament mai bèls mas decò mai costós e mal far a retrobar.

Puei encara venien fait un baron d'objècts, coma de pichòtas escàtolas de bòsc.

Na curiositat: con lo bòsc de bois se fasien decò lhi contenitors de la povre d'espar per la mesura d'un colp d'avancharja: lhi contenitors eren penduts a l'escarsèla, e sigilats con la cira. D'aiquí en italian lo nòm “bossolo”, que s'adòbra encara aüra per endicar la cartocha vueida.

Dins las nòstras valadas venia adobrat al pòst de la rama d'olivier en ocasion de la Pascas.


Biodiversità in Val Vermenagna e Val Gesso - Il bosso

Biodiversitat en Val Vermenanha e Ges - Lo bois

a cura di Chambra d'Oc, video intervista a fondo pagina

italiano

IL BOSSO

Per i manici del coltello vernantino... e non solo”



Il bosso, nome scientifico, “Boxus sempervirens”, in lingua locale “buis”, è un arbusto sempreverde con fusto, rami e legno giallastri di altezza compresa fra i due e i quattro metri, pianta longeva (può arrivare a 600 anni), chioma folta e molto ramificata fin dalla base. Foglie piccole opposte e persistenti. Cresce spontaneamente in luoghi rocciosi, aridi e calcarei, fino ad altitudini attorno ai 1500m, è una pianta leggermente velenosa, ma nonostante ciò è attaccata da molti insetti e funghi che la mantengono confinata in alcune zone.

Il fusto cresce lentamente e non raggiunge diametri importanti, ma Il suo legno è molto duro, ben lavorabile poiché molto compatto, poco fibroso e non si deforma. Per questo motivo a Vernante, paese dei coltelli, il legno di “buis” era utilizzato per farne i manici in luogo del più pregiato e costoso corno di bue o di montone, sicuramente più bello ma anche più costoso e più difficile da reperire.

Inoltre venivano fatti parecchi manufatti, come piccole scatole di legno.

Una curiosità: col legno di bosso si costruivano anche i contenitori per la polvere da sparo in giusta dose per un colpo di avancarica: i contenitori erano appesi a bandoliera, e sigillati con cera. Da qui, il nome bossolo che tutt'ora si usa per indicare l'involucro della cartuccia.

Nelle nostre vallate veniva utilizzato in alternativa al ramo d'ulivo in occasione della Pasqua.

occitan

LO BOIS

Per lhi manis dal cotèl vernantin... e pas masque”

Lo bois, nòm scientífic “Boxus sempervirens”, en lenga italiana “bosso”, es n'arboleri sempre vèrd con fust, ramas e bòsc jaunastre d'autessa entre lhi dui e lhi quatre mètres, planta que viu a las lònjas (pòl arribar a sieis cents ans), da lo fuelham espès e ben ramificat fin da bas. Fuelhas pichòtas opausaas e persistentas. Creis naturalament enti pòst rocahassuts, àrids e calcaris, fin a n'autessa a la viron de 1500 mètres, es na planta legierament velenosa, mas totun es atacaa da un baron de babòias e bolets que la mantenen confinaa en cèrtas zònas.

Lo fust creis lentament e rejónh pas diamètres emportants, mas siu bòsc es ben dur, ben trabalhable jà qu'es ben compact, pòc fibrós e se deforma nent. Per aquest motiu a Lo Vernant, païs di cotèls, lo bòsc de bois es ancara adobrat per llh far lhi manis al pòst di mai estimats cuèrns de buou o de moton, segurament mai bèls mas decò mai costós e mal far a retrobar.

Puei encara venien fait un baron d'objècts, coma de pichòtas escàtolas de bòsc.

Na curiositat: con lo bòsc de bois se fasien decò lhi contenitors de la povre d'espar per la mesura d'un colp d'avancharja: lhi contenitors eren penduts a l'escarsèla, e sigilats con la cira. D'aiquí en italian lo nòm “bossolo”, que s'adòbra encara aüra per endicar la cartocha vueida.

Dins las nòstras valadas venia adobrat al pòst de la rama d'olivier en ocasion de la Pascas.